Seduzione vs. nudismo


     L’eros ha valenze positive che risvegliano il senso di vitalità, di salute, di bellezza, di autostima, di realizzazione di sé. Molti atteggiamenti quotidiani, pur senza richiamarla esplicitamente, fanno riferimento alla pulsione sessuale sia in forma diretta (seduzione), sia come catalizzatore di reazioni che si vogliono creare, risposte che si voglion suscitare o scelte che si vogliono indirizzare (pubblicità, copertine di giornali…). Da una parte si assiste a una sempre maggiore erotizzazione mediatica, mentre nella vita concreta (dicon taluni che han voce in capitolo) “crea ancora turbamento” la visione del corpo nudo, anche in contesti quotidiani che nulla hanno a che fare con il “soddisfacimento della libido” (escursioni, balneazione, giardinaggio, elioterapia, ciclismo, equitazione, attività sportive…)

Una sciarpa di seta screziata di bagliori dorati,
il ritmo dei tacchi che secchi scandiscono i passi,
l’incedere altero e felino che cattura i corpi e le menti,
lo sguardo in avanti, sicuro, superbo e sprezzante,
entra la vamp, divina e fatale, precisa e solenne.

Le primordiali arti di Eva funzionano ancora:
mill’anni e siamo ancora tontolotti ed inermi.
ci basta un laccetto, un pizzo, una frangia, un monile.
Apposta lo fanno, maliarde, ché san d’ottenere.
Le “grazie” non son regalate, ci costano un “occhio”.
Adrenalina e libido: fantastichiamo beati ed oppiati.

E sì che nulla di nudo quella donna mostrava:
in società si deve giocare, ammiccare, abbagliare;
ciliegine e martini, fragole e labbra, qualcosa di rosso:
la muleta della seduzione e, tori, raspiamo col piede l’arena.

Tutto a posto, tutto quadra, tutto legale.
Un monumento a Giano bifronte, alla doppia morale.
Ciò che sia meglio è evidente, il deteriore è pur sempre vincente.
Il nudo è osceno, ma non vendi senza un bel seno.
I bambini…. guai! Barbie e cow-boy – non si sa mai!
E me che son semplice e nudo, parlan quasi di mettermi al muro.

Informazioni su Vittorio Volpi

Mi interesso di lingue e di libri. Mi piace scoprire le potenzialità espressive della voce nella lettura ad alta voce. Devo aver avuto un qualche antenato nelle Isole Ionie della Grecia, in Dordogna o in Mongolia, sicuramente anche in Germania. Autori preferiti: Omero, Nikos Kazantzakis, Erwin Strittmatter e “pochi” altri. La foto del mio profilo mi ritrae a colloquio con un altro escursionista sulle creste attorno a Crocedomini: "zona di contatto"

Pubblicato il 13 ottobre 2012, in Atteggiamenti sociali, Poesia, Società con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Un blog non è un forum ma un ambiente di lettura, i commenti devono essere coerenti al tema della pagina, concisi e non reiterativi.

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: