Ridere del nudo


La tabuizzazione del corpo nudo comporta una serie di conseguenze e di “usi” molto vari. Ne va di solito della collocazione della persona nuda all’interno del gruppo sociale, con una serie di sanzioni e stigmatizzazioni a suo carico anche pesanti. Si aggiungono poi sempre anche lezioni di “buona educazione” che la società si sente in dovere di impartire.

Viviamo in un sistema di “valori” continuamente sotto contratto, e via via sempre più restrittivi: sembra che la società stia percorrendo una ferrata tra una fune ben ancorata alla roccia (l’onore) e un abisso in cui è facile sprofondare (la vergogna). L’immagine è vera solo a metà, perché la definizione di tali valori non è mai esplicitata con parole franche e univoche, è data per ovvia e scontata, interiorizzata giorno per giorno, acquisita nel succedersi delle varie relazioni sociali, attraverso le esperienze vissute, coi fatti che accadono man mano e mostrati ad esempio. Inoltre, se pur troviamo la definizione, essa è espressa in modi sibillini o ipocriti, talché l’onest’uomo è costretto ad esser spettatore passivo e arrabbiato delle “furbate” di chi può, come pure della miseria e dell’umiliazione di chi è costretto a subire.

Oggi, col primo sole dopo giorni di pioggia, ho mangiato sul balcone, come di solito faccio; non sempre, ma sempre più spesso. Mi sono immaginato la scena seguente.
«Ma è nudo!» arriva la voce della vicina da dietro la finestra.
«Non vedi niente, c’è la tovaglia» minimizza il marito.
«Ma io so che è lì nudo. Hmm! I bambini! Non può stare così!»
C’è una sottile vena d’invidia per la libertà che mi sono rubato?

Siamo nati uomini e non pecore, con innato l’anelito alla libertà, ovunque ne possiamo trovare. Intendo libertà personale, che non sottraggo ad altri, che non agisco contro di altri. Tutto il suo ambito di azione e godimento è circoscritto alla mia persona e non intacca minimamente prerogative o diritti di altri, il sacrosanto rispetto che a tutti è dovuto (e per primi a noi stessi).

Mi son tolto la vergogna di dosso. Era un dazio emozionale che non ero più disposto a pagare. Non mi toccan le beffe salaci di cui sono bersaglio. Sono semplicemente come son fatto e non come gli altri mi vogliono: né essi in questo campo hanno diritti su di me, né io doveri verso di loro. Altrettanto di me, sono liberi gli altri: non giudico come si vivon la vita: lo stesso faccian con me. Se qualcuno si sente colpito si chieda perché, si interroghi sui propri fantasmi, che nessuno gli ha fatto del male, gli ha tirato alcunché.

Nel cortometraggio Gotcha (slang inglese-americano per I got you, più o meno “beccato! cattato! ben ti sta!” – ca. 24 minuti: Prima parteSeconda parte) si usa il nudo in modo strumentale e pretestuoso come punizione per contrappasso per la serie di scherzi malevoli che il monello ha tirato a persone indifese… per vedere di nascosto l’effetto che fa. Nella seconda parte il monello, nudo, è fatto bersaglio delle risa di scherno dell’intera comunità. Una lezione coi fiocchi, sembra essere il messaggio.

Gli scherzi han fatto morir di vergogna persone innocenti, la comunità si gode la rivincita di vedere il monello a sua volta morir di vergogna, finché pietosamente qualcuno corre con una coperta.

Abbiamo schemi forse un po’ troppo rigidi. E prima o poi fanno male.

Informazioni su Vittorio Volpi

Mi interesso di lingue e di libri. Mi piace scoprire le potenzialità espressive della voce nella lettura ad alta voce. Devo aver avuto un qualche antenato nelle Isole Ionie della Grecia, in Dordogna o in Mongolia, sicuramente anche in Germania. Autori preferiti: Omero, Nikos Kazantzakis, Erwin Strittmatter e “pochi” altri. La foto del mio profilo mi ritrae a colloquio con un altro escursionista sulle creste attorno a Crocedomini: "zona di contatto"

Pubblicato il 10 marzo 2013, in Atteggiamenti sociali, Motivazioni del nudismo con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un tuo contributo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

MOUNTAIN SOUND

LA' DOVE VIVONO GLI ANIMALI - MATTIA DECIO PHOTOGRAPHER

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2017

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer, photographer and fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

GUIDAXG

La guida agli eventi per giovani menti

Matteo Giardini

… un palcoscenico alla letteratura! ...

Cristina Merlo

Counselor e Ipnotista

PRO LOCO VALLIO TERME

Promuoviamo il turismo a Vallio Terme eventi - sport - cultura - enogastronomia

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

The Naturist Page

Promoting social non-sexual Naturism & nudism

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: