Ma quale Alto Adige!?!


Si sente spesso decantare l’apertura mentale dell’Alto Adige, la regione dove tutte le saune, pubbliche o private che siano, vietano l’uso del costume, eppure, parlando con amici alto atesini, mi veniva raccontato qualcosa di diverso. Il sospetto: un conto il nudo in sauna, un altro il nudo all’aperto, insomma un’apertura mentale che nulla ha a che vedere con il nudismo, una visione della nudità molto limitata e condizionata.

inizioCosì, avendo tale contradditoria percezione dell’Alto Adige, sfruttando l’occasione della preparazione del programma “Orgogliosamente Nudi” 2015, ho contattato un ente turistico locale chiedendo informazioni in merito alla possibilità di reperire almeno un sentiero poco o nulla frequentato. Risultato? Alcuni se non molti alto atesini si riterranno anche più austriaci che italiani, ma con la mentalità austriaca, dove l’escursionismo nudista si può praticare finanche nei dintorni dei villaggi, nulla hanno a che vedere, si conferma quanto mi riferivano gli amici locali e si sconfessa quanto, invece, taluni scrivono sui forum in funziona della sola frequentazione delle saune: una risposta che m’ha lasciato quasi allibito, non tanto per il prevedibile mancato supporto ufficiale all’iniziativa, per altro non richiesto, nemmeno per la mancata indicazione in merito alla specifica informazione richiesta (perdendosi invece a prendere in considerazione solo i tre percorsi più noti e ben pubblicizzati sul loro sito, di cui già avevo a priori nella mia missiva escluso io stesso la possibilità di nostra frequentazione), ma piuttosto per il tentativo di giustificare il netto rifiuto adducendo le solite prevenute, condizionate, false affermazioni sulla presenza di famiglie e bambini.

Ho provato a intavolare un dialogo, ho cercato di ribadire le nostre sane intenzioni, ho tentato di spiegare la positività di tutti gli incontri con altri escursionisti avvenuti in tre anni di escursioni in nudità, ma niente da fare: chiusura totale, minaccioso sollecito a non farci vedere nella loro zona, reiterazione delle “cavolate” di cui sopra e… esplicito invito a comprendere il loro netto rifiuto. Bella questa: mi danno comprensione zero e, nel contempo, mi si chiede di comprendere? Avrei sicuramente compreso una risposta negativa sul tipo di quella ottenuta dal Liechtenstein (“per la nostra legge la nudità in pubblico è reato penale”), visto che questa non la potevano dare avrei compreso anche un parco rifiuto senza tentativi di addurre scuse (“siamo dispiaciuti ma riteniamo al momento difficile la pratica del nudismo lungo i nostri sentieri”), avrei anche al limite compreso delle scuse elusive (“la nostra rete di sentieri è tutta molto frequentata”), non posso invece comprendere il netto rifiuto al dialogo e l’accampare motivazioni notoriamente errate e facilmente dimostrabili come tali. Ma che vuoi fare di fronte di un simile atteggiamento? Non mi resta che tirare una riga sulla zona in questione, dirmi che tutto sommato non rappresenta l’intero Alto Adige e chiudere con ironia:

“Capito.

Grazie per l’attenzione e la disponibilità al dialogo…. Magari in un prossimo futuro.

Saluti”

Nel frattempo la persona in questione ha pensato bene di girare il nostro scambio di mail ad altre dieci persone della zona: ottima pubblicità per noi, ora questi dieci operatori turistici e personaggi della politica locale sanno che esiste anche l’escursionismo nudista e sanno che esiste almeno un gruppo, quello di Mondo Nudo, attivo in tal senso e propenso a visitare i loro monti, sanno che abbiamo base a Brescia e, quindi, se potessimo andare da loro dovremmo necessariamente soggiornare in una dei loro rifugi o alberghi. Già questo è comunque un risultato positivo.

Chi semina magari non ottiene subito, ma prima o poi ottiene di sicuro, basta non demordere!

 

 

Informazioni su Emanuele Cinelli

Insegno per passione e per scelta, ho iniziato nello sport e poi l'ho fatto anche nel lavoro. Mi piace scrivere, sia in prosa che in versi, per questo ho creato i miei due blog e collaboro da tempo con riviste elettroniche. Pratico molto lo sport e in particolare quelli che mi permettono di stare a contatto con Madre Natura e, seguendo i suoi insegnamenti, lasciar respirare il mio corpo e il mio spirito.

Pubblicato il 13 ottobre 2014, in Atteggiamenti sociali, Località turistiche con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. Scusa Emanuele, due domande.
    1) pensi che una risposta come quella che hai avuto sia da imputarsi alla singola persona, alla linea generale di quell’ente turistico contattato, o alla mentalità generale, tanto che se avesti contattato qualche altro ente, o se ti avesse risposto un’altra persona, magari la risposta avrebbe potuto essere positiva?
    2) Sto da tempo valutando l’ipotesi di un contatto analogo a qualche ente qui in zona (Liguria), ma qui parto con una mentalità palesemente più ostile. Quindi ti chiedo se credi che una mossa del genere possa, in caso di risposte analoghe a quella da te riportata, risultare controproducente, come temono alcuni componenti del mio gruppo. Questo anche tenendo conto che noi non siamo uniti in associazione, gruppo, club o simili, né abbiamo un sito/blog a cui fare riferimento: ci presenteremmo così, come singoli cittadini “anonimi”. Tu che dici?

    Mi piace

    • 1) chiaro che la risposta è da imputarsi alla persona in specie, ma anche al suo ruolo: direi che c’è l’80% di probabilità di ottenere risposte negative da chi copre ruoli istituzionali, il che non vuol dire che siano tutti contrari, ma più che altro ingiustamente prudenti. Potrebbe anche essere che abbia sbagliato la formula di comunicazione, anzi è probabile, ma comunicando via mail con qualcuno che non conosci è pressoché impossibile poter sapere a priori quali potrebbero essere gli agganci più favorevoli, le forme più intriganti, i predicati migliori, devi tenere una comunicazione il più larga possibile, che comprenda un poco tutti gli agganci, tutte le forme e tutti i predicati, sebbene così facendo ne riduci l’efficienza. Ma non hai alternative.
      2) Val sempre la pena tentare, se va male hai identificato dove non andare, se, come più probabile, ti ignorano sai che ufficialmente non possono darti supporto ma ufficiosamente stanno dicendoti “fate vobis, se non ci portate fastidi per noi va bene”. Io su tre contatti del genere ho ottenuto un assenso esplicito, un assenso nascosto (non mi hanno risposto) e questo dissenso… 2 a 1 per il nudismo 🙂

      Mi piace

      • Ah, la zona dove hanno ignorato i miei contatti (che si sono reiterati tre volte, l’ultima recente per il pranzo) è quella nella quale materialmente stiamo andando più spesso e i cui abitanti mi seguono con interesse attraverso i social network 🙂
        Infine, non contattare senza una motivazione precisa, è importante che non passi il segnale “chiediamo perchè riteniamo o temiamo di stare facendo qualcosa di illegittimo”, contatti per invitare, o per chiedere info in quanto non conosci il territorio (o fai finta di non conoscere), o perchè hai creato un evento speciale con forte risonanza. Ragiona come ragionerebbe un qualsiasi organizzatore d’eventi: non si chiede l’autorizzazione per fare un’escursione!

        Mi piace

Lascia un tuo contributo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

MOUNTAIN SOUND

LA' DOVE VIVONO GLI ANIMALI

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2017

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer, photographer and fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

GUIDAXG

La guida agli eventi per giovani menti

Matteo Giardini

… un palcoscenico alla letteratura! ...

Cristina Merlo

Counselor e Ipnotista

PRO LOCO VALLIO TERME

Promuoviamo il turismo a Vallio Terme eventi - sport - cultura - enogastronomia

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

The Naturist Page

Promoting social non-sexual Naturism & nudism

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: