La legge e il pudore


La recente discussione sulla legge regionale lombarda (nr. 27 del 1° ottobre 2015) mi ha collegato nella mente due pensieri come 1 + 1: dal loro corto circuito mi si è radicata una ferma convinzione, e cioè che il pudore nasce dall’accettazione della legge (o di un costume, di una tradizione). Non ha importanza il motivo per cui questo costume viene accettato; quanto sia ferma e profonda la sua ragion d’essere, utilità e necessità; quanto consciamente o inconsciamente accettato. Quando insorge il pudore, la sua osservanza è piena e assoluta, o con pochissime eccezioni, e anche queste con varie gradazioni a seconda degli ambiti in cui si pongono in essere.

Da bambini

Da una certa età in poi (6-8-10 anni) i bambini diventano improvvisamente pudichi (e maliziosi); emulano gli adulti e per mostrarsi “ometti” in tutto degni di essere accolti fra i grandi, da buoni neofiti divengono più adulti degli adulti stessi, secondo l’immagine che dell’“adulto” si sono fatti nella mente; non accettano più la mamma che li aiuti durante il bagno, in spiaggia usano la salvietta per mettersi il costume, negli spogliatoi cominciano gli scherzi che li fanno arrossire, oppure uno sport che pure piaceva viene interrotto perché alla fine si fa la doccia insieme: alcuni accettano l’eccezione (che ha il gusto del privilegio, della ribellione, della trasgressione), altri no, perché nel mostrarsi nudi agli altri (anche solo fra compagni) vedono compromessa la propria “faccia”, la propria immagine sociale, la propria lealtà verso le norme della società degli adulti: il livello di trasgressione e compromissione è troppo alto. Sono ligi a quel che pensano sia una “legge” severa degli adulti e infrangerla li farebbe regredire nel loro percorso di crescita, li farebbe vergognare come ladri.

Da adulti

Crescendo un po’ si cambia, ma non tanto. Anzi, spesso l’atteggiamento che si aveva da bambini viene acuito e reso più intransigente. Alcuni lo superano con gesti spavaldi che confermano l’eccezionalità dell’atto. Lo stesso vale per gli scherzi o certi riti (come il bagno di gruppo a mezzanotte).

Voglio dire che anche da adulti, diventati nudisti o naturisti, pur frequentando raduni, spiagge, piscine dove è possibile stare nudi, si tratta di eventi circoscritti e isolati, sempre protetti dalla vista del “pubblico” non-nudista o non-naturista (cioè il pubblico indicato nell’art. 726 del codice penale). Il senso di sicurezza (e di libertà di movimento) che danno i centri nasconde in realtà un retaggio di pudore che mette in luce una sostanziale e permanente giustificazione del costume stesso. E più ancora, l’insuperabile stanga di confine fra lecito e non-lecito, l’intima convinzione che la nudità sia comunque una forma di trasgressione, e se non opportunamente regolata reca danni al resto della società e al singolo. Quali che siano questi danni, nemmeno vagamente si riesce a farne l’elenco, non si dubita affatto che esistano (se non fosse così, non esisterebbe il divieto), e di essi in ogni caso non si vuole essere responsabili. Il tanto sbandierato “rispetto” verso i non-nudisti o non-naturisti vale come una moneta di scambio per farsi accettare, quasi un volersi scusare della trasgressione.

E se una legge ammette il naturismo nell’aura sacra dell’ufficialità e della legalità, – quale onore! – la difendono a spada tratta, si schierano compatti a difenderla, più per piaggeria verso i legislatori che per aver veduto riconosciuti anche solo parzialmente i propri diritti. Obtorto collo la accettano, ne accettano vincoli e condizioni, perché finalmente vedono riconosciuta la propria esistenza, si vedono ammessi al banchetto dei “grandi”, pur sotto l’etichetta di “turisti naturisti”. E nel frattempo covano la segreta speranza che in un prossimo futuro potrà essere migliorata.

Il patto dei lupetti

Il patto di lealtà che da piccoli ha sancito la nostra maturità e nuova identità nei confronti dei familiari e degli altri adulti, il nostro ingresso nella società, la presa di coscienza di un controllo e contratto sociale con vantaggi e svantaggi, con perdite e costi ha pur rafforzato la nostra personalità, delineato il nostro carattere, impostato le nostre relazioni, aggiungendo attorno alla nostra individualità la cornice del nostro status sociale, che passa anche attraverso leggi non scritte, ma non per questo meno operanti e rigorose, come quella percepita del divieto della nudità e del conseguente pudore.

Quando vediamo che un certo pudore di fronte al “pubblico” ancora ci frena, quando sentiamo un residuo di vergogna nel mostrarci liberamente nudi-nati, chiediamoci quanto e fino a che grado il costume sociale è diventato un abito nostro che del tutto non riusciamo a dismettere.

Leggi naturali

Al pari di leggi sociali non scritte, ritengo che esistano leggi naturali che pure non hanno bisogno di essere scritte per valere ed essere utili, benefiche, necessarie e la cui osservanza ci ripristina com’eravamo in origine, ci riequilibra anima e corpo, mente e sentire. È a queste leggi che più volentieri ubbidisco, naturalmente, quasi senza fatica, e certamente senza paure infondate o il deterrente delle possibili punizioni. Ubbidire, in fondo, è accettare liberamente un’autorità.

Informazioni su Vittorio Volpi

Mi interesso di lingue e di libri. Mi piace scoprire le potenzialità espressive della voce nella lettura ad alta voce. Devo aver avuto un qualche antenato nelle Isole Ionie della Grecia, in Dordogna o in Mongolia, sicuramente anche in Germania. Autori preferiti: Omero, Nikos Kazantzakis, Erwin Strittmatter e “pochi” altri. La foto del mio profilo mi ritrae a colloquio con un altro escursionista sulle creste attorno a Crocedomini: "zona di contatto"

Pubblicato il 20 ottobre 2015, in Atteggiamenti sociali con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. Al fine di evitare la diffusione di un’idea che alcuni tentano di manifestare e propagandare (il pudore è istintivo e naturale) precisiamo che il cambiamento comportamentale che, come correttamente riportato, avviene nei bambini mediamente attorno agli otto anni e più estesamente tra i sei e i dieci anni, non è un cambiamento spontaneo tantomeno naturale, è solo un cambiamento indotto, un cambiamento che si instaura a seguito dei mille e mille condizionamenti familiari, scolastici e sociali a cui il bambino è sottoposto dal giorno della sua nascita in avanti. Tant’è vero che tale cambiamento può anche non manifestarsi ed è assente in quelle popolazioni e quelle famiglie che vivono la nudità come normalità.

    E’ più che evidente che la nudità sarà sempre intesa in modi più o meno alterati finché coloro che la vivono e la manifestano come desiderio di alcuni momenti o addirittura di vita saranno i primi a proporla come anormale e fuori luogo, auto esiliandosi nei ghetti. Il tipico discorso del rispetto per gli altri, già fallace nel momento in cui lo si propone e lo si manifesta a senso unico (nudista verso non nudista), attraverso il quale si vorrebbe indurre i nudisti a restarsene isolati, è spesso (o solo?) un bel gioco di potere portato avanti da una parte (ma alla fine questo, ai fini dei giochi di potere, conviene anche all’altra parte: più facile controllare e dominare i piccoli che i grandi numeri) per contenere la diffusione di un modo di vita che è coinvolgente (quindi se lasciato divagare presto diverrebbe comune), dall’altra parte per veicolarne l’afflusso, eliminando possibili forme di dispersione (nudismo libero) e così garantendosi le relative entrate economiche. Analogamente possiamo dire per l’altra motivazione spesso addotta a giustificare l’esilio del nudismo: la presunta maggiore sicurezza che il nudista avrebbe restandosene all’interno dei luoghi riservati. Un gioco di potere fatto talmente bene che ora (purtroppo!) ci sono (molte?) persone che ne sono convinte davvero, che manifestano e propagandano “liberamente” tali affermazioni.

    Un illustre personaggio della comunicazione sociale scrisse: “tratta gli altri per quello che vorresti che fossero e lo saranno”. Questa massima, assolutamente vera e facilmente applicabile, vale anche quando per altri intendiamo la società nel suo complesso. Certo le cose sono tutt’altro che facili ed immediate, d’altra parte anche l’utopia è un concetto inventato a bella posta per i giochi di potere!

    Mi piace

Lascia un tuo contributo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

MOUNTAIN SOUND

LA' DOVE VIVONO GLI ANIMALI - MATTIA DECIO PHOTOGRAPHER

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2017

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer, photographer and fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

GUIDAXG

La guida agli eventi per giovani menti

Matteo Giardini

… un palcoscenico alla letteratura! ...

Cristina Merlo

Counselor e Ipnotista

PRO LOCO VALLIO TERME

Promuoviamo il turismo a Vallio Terme eventi - sport - cultura - enogastronomia

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

The Naturist Page

Promoting social non-sexual Naturism & nudism

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: