#TappaUnica3V: test psicogeno :)


Domenica 15 novembre

Stando alle previsioni meteo dovrebbe essere una bella giornata, ancora con il buio sono all’inizio della Val d’Inzino, obiettivo della giornata salire la ferrata dell’Almana. Dovrò farla verso la fine del giro per cui presumibilmente in condizioni di affaticamento, allora voglio farla anche oggi in stato di cottura e cosa m’invento? Salita a tutta della Val d’Inzino!

Alla Croce di Marone arrivo con i quadricipiti che non ne vogliono più sapere di spingere. Recuperando un poco nel tratto di discesa che dalla Croce di Marone porta alla Forcella di Sale mi avvicino alla ferrata. Alla Forcella di Sale le indicazioni sono ambigue, tutt’attorno solo prati recintati e cancelli chiusi. A ben guardare, lontano, in alto, sopra un verde prato, si vede qualcosa che somiglia a un cartello dipinto a strisce bianco azzurre. Risolvo chiedendo informazioni a due signori che, casualmente, passano in auto uscendo da una baita poco sopra. “Per l’Almana vada di là” “Ma non si sale anche direttamente da qua?” “Si, si può salire anche da qua, ma è pericoloso, vada di là” “Grazie, io devo però salire proprio da qua, di la ci scendo”.

La salita si fa subito molto ripida, poi, passando sul versante che da verso il Lago d’Iseo, anche l’esposizione aumenta considerevolmente,  anche se attenuata dal salire sulla linea di massima pendenza per canalini erbosi e qualche rotta roccetta. Improvvisamente un lungo traverso, una comoda cengia, una cordina metallica e un albero sul lato a valle infondono sicurezza, ma poco dopo la cengia muore su un altro ripidissimo ed esposto pendio erboso: qui la cordina farebbe decisamente più comodo.

Ancora linea di massima pendenza e presto sono in cresta, una bellissima e panoramica cresta erbosa solcata da un ottimo sentiero. Senza ulteriori difficoltà, con alcuni ripidi saliscendi eccomi  in vetta all’Almana. In questa parte del mio itinerario, ogni pur breve tratto di salita mi procurava fitte dolorose ai quadricipiti, ma sono qui, in vetta, alla fine sono salito e l’ho fatto senza particolari difficoltà pur essendo in stato di grande affaticamento muscolare. Ottimo anche questa variante alta è confermata.

Tanto per completezza e curiosità, riporto qui la tabella dei tempi di marcia di questa uscita, di questa  esplorazione preparata e condotta anche anche come primo vero e proprio test, anzi doppio test: fisico e… psicogeno 🙂

Tratto

Tempo di tabella

ore

 

Mio tempo

ore

Inzino – Croce di Marone per Val d’Inzino

2:20

1:30

Croce di Marone – Forcella di Sale

0:50

0:21

Forcella di Sale – Punta Almana per 3V var. alta

1:15

0:44

Punta Almana – Forcella di Sale per via soccorso

0:40

0:20

Forcella di Sale – Inzino per Valle delle Casere

1:50

1:01


Totale


6:50


3:56

IMG_8033

Passo di Spino: la “ferrata” sale tra quelle rocce.

Lunedì 16 novembre

Mi manca ancora una variante alta, la cresta del Dossone di Facqua sopra Lumezzane, pertanto eccomi qui, alla sua base, con le gambe che non ne vogliono sapere di spingere. Un preoccupato cacciatore mi chiede se so dove sto andando, se sono al corrente che c’è da arrampicare, lo tranquillizzo e procedo.

Eccomi al passaggio della “Streta”, uno stretto camino roccioso alto all’incirca cinque metri posto al di sopra di un basamento di rocce rotte a suo volta alto cinque metri. In totale una decina di metri di arrampicata, stavolta di vera arrampicata: lo zaino struscia contro le rocce infastidendomi alquanto, gli appigli sono tanti ma svasati, c’è una vecchia corda di nylon ma non infonde fiducia e poi perchè non godermi questa breve arrampicata?

Qualche istante di attenta valutazione è necessario per superare la stretta, ma alla fine eccomi sopra.

Il resto della cresta, presenta ancora un paio di passaggi di arrampicata, molto più semplici, per il resto è  sostanzialmente banale.

Aggiudicata anche questa: esteticamente molto bella, segue la logica del filo di cresta, mentre la variante bassa risulta assai più lunga, più faticosa e molto meno interessante.

Con queste due ultime uscite come prima cosa mi sono reso conto che dovrò fare un bel lavoro di resistenza per i quadricipiti, poi  che coi tempi di marcia sono già perfettamente allineato, infine ho concluso le esplorazioni delle parti più tecniche, quelle esplorazioni che volevo fare a tutti i costi prima che iniziasse a nevicare. Ora, dopo aver dato certezza al percorso che seguirò, mi posso dedicare con più calma allo studio dei tratti di semplice camminata e agli allenamenti, già mi sono studiato una nutrita serie di itinerari dalle dieci alle ventiquattro ore di cammino.

IMG_8057

Alla base della “Streta”

Informazioni su Emanuele Cinelli

Insegno per passione e per scelta, ho iniziato nello sport e poi l'ho fatto anche nel lavoro. Mi piace scrivere, sia in prosa che in versi, per questo ho creato i miei due blog e collaboro da tempo con riviste elettroniche. Pratico molto lo sport e in particolare quelli che mi permettono di stare a contatto con Madre Natura e, seguendo i suoi insegnamenti, lasciar respirare il mio corpo e il mio spirito.

Pubblicato il 18 novembre 2015, in Eventi sportivi con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un tuo contributo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

MOUNTAIN SOUND

LA' DOVE VIVONO GLI ANIMALI - MATTIA DECIO PHOTOGRAPHER

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2017

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer, photographer and fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

GUIDAXG

La guida agli eventi per giovani menti

Matteo Giardini

… un palcoscenico alla letteratura! ...

Cristina Merlo

Counselor e Ipnotista

PRO LOCO VALLIO TERME

Promuoviamo il turismo a Vallio Terme eventi - sport - cultura - enogastronomia

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

The Naturist Page

Promoting social non-sexual Naturism & nudism

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: