Giro delle Colombine (Maniva – BS)


  • Zona: Collio Val Trompia (BS)
  • Punto di partenza e arrivo: Giogo del Maniva (1664m)
  • Quota massima: Monte Colombine (2214m)
  • Dislivello totale (considerando anche i vari sali scendi): 695m
  • Tempo: 6 ore
  • Segnaletica: paline e segni bianco azzurri del sentiero 3V “Silvano Cinelli”
  • Difficoltà (vedi spiegazione): E3P
IMG_7996

Tutta la cresta dal Monte Dasdana al Monte Colombine

Panoramica cresta erbosa con qualche breve tratto roccioso che si sviluppa in destra orografica della parte terminale della Val Trompia, separandola dalla Val Camonica. Attrattiva particolare è data dai resti di opere militari della Grande Guerra. Coincide interamente con la parte più alta e più a nord del sentiero 3V, percorrendone all’andata la variante alta e al ritorno la variante bassa.

Sebbene si possa portarsi in auto ben più sopra, si consiglia la partenza dal Giogo del Maniva sia per fruire dell’appoggio logistico dei ristoranti e bar presenti in zona, sia per allungare un poco il piacere del cammino altrimenti molto contenuto.

Relazione

Dal piazzale del Maniva ci portiamo sul lato Triumplino dell’Albergo Maniva dove si prende una stradina sterrata che, parallela alla sottostante strada asfaltata, si alza ripidamente sotto un dosso erboso con grande croce di metallo, per poi tagliare a mezza costa il versante occidentale del Monte Maniva e pervenire, poco sopra l’albergo Bonardi, alla strada asfaltata del Crocedomini (1760m; 20 minuti). Seguiamo detta strada fino a quando una stradina militare si stacca sulla sinistra aggirando un dosso erboso sovrastato da una casetta in cemento. Si segue questa strada per poche decine di metri, in corrispondenza della casetta si prende a destra un sentierino che ripidamente si alza verso il crinale erboso che separa la strada militare dalla strada asfaltata. Seguendo il crinale erboso in breve si perviene alla strada del Crocedomini che si segue fin quando svolta decisamente a sinistra. Proprio sulla curva, sulla destra si prende uno sterrato che s’inoltra nel largo pendio erboso delle Calve dei Zocchi che risaliamo interamente mirando all’evidente stazione a monte della seggiovia (Dasdanino, 2088m; 1ora e 10 minuti, 1:30 totale).

01

La postazione d’artiglieria sotto la vetta del Dasdana

Scendendo per larga strada sterrata si perviene in pochissimi minuti alla sella del Passo del Dasdana (2070m), una breve ripida salita ci riporta sulla strada asfaltata del Crocedomini che attraversiamo e subito abbandoniamo per prendere un sentiero che risale l’evidente cresta Est del Monte Dasdana. Superata la prima ripida metà della cresta si perviene ad un tratto pianeggiante al termine del quale s’incontra un’interessante postazione d’artiglieria per mezzi di medio calibro. La oltrepassiamo e prendiamo la parte finale della cresta pervenendo alla vetta del Monte Dasdana (2191m; 30 minuti, 2:00 totale).

Dalla vetta scendiamo pochi metri sul versante opposto portandoci all’interno della trincea che percorre tutto il versante camuno del monte, la seguiamo verso sinistra pervenendo ad una sella erbosa. Da qui la trincea svolta a destra e scende verso i laghi di Ravenola, noi invece proseguiamo lungo il crinale risalendo ad un primo dosso erboso (Prima Colombina, 2195m; 15 minuti, 2:15 totale). Scendiamo alla successiva sella per risalire il secondo dosso erboso (Seconda Colombina, 2183m; 15 minuti, 2:30 totale). Passando accanto ad un alto traliccio dell’alta tensione, si scende un ripido pendio e si perviene ad altra ben più larga sella dove ci immettiamo su una larga mulattiera militare che seguiamo in leggera salita traversando il versante meridionale del Monte Colombine. Poco prima del crinale meridionale, la mulattiera svolta a destra con stretto tornante, per poi salire con un paio di curve la parte terminale del Monte Colombine (2214m; 30 minuti, 3:00 totale), punto più alto del sentiero 3V e di questa escursione (larga piazzola d’artiglieria).

02

A centro foto il Goletto di Cludona visto dal Monte Colombine

Ritornando brevemente sui propri passi si scende lungo il crinale meridionale del monte puntando verso destra a una zona di rocce che si superano sulla sinistra senza particolari difficoltà. Si prosegue per piatte lastronate di roccia al termine delle quali si scende un breve caminetto roccioso a cui segue un ripido pendio erboso solcato da varie tracce di passaggio. Una piana dorsale ci porta ad alzarci brevemente su di un dosso erboso (Terza Colombina, 2201m), continuando lungo il crinale si supera anche la Quarta e ultima Colombina (2107m) scendendo infine verso ovest in direzione dell’ormai evidente sella del Goletto di Cludona (2031m) a cui perveniamo velocemente senza via obbligata (30 minuti; 3:30 totale).

Seguendo verso est una strada sterrata con alternanza di salita e discesa si traversa alla base dei vari spuntoni rocciosi che costellano il versante meridionale delle Colombine. Giunti al Pian delle Baste, oltrepassiamo sulla nostra destra i ruderi della caserma militare (1936m) e, con breve salita, raggiungiamo la strada asfaltata del Crocedomini (1 ora e 30 minuti; 5:00 totale). Per questa risaliamo al vicino passo del Dasdana da dove, seguendo lo stesso percorso fatto all’andata, prima ci portiamo alla stazione a monte della seggiovia, poi scendiamo le Calve dei Zocchi, seguendo la strada del Crocedomini oltrepassiamo l’albergo Bonardi e, per la stradina sterrata che si stacca a sinistra in corrispondenza del tornante che precede tale albergo, rientriamo al parcheggio del Giogo del Maniva (1 ora, 6:00 totale).

03

I ruderi della caserma al Pian delle Baste

Informazioni su Emanuele Cinelli

Insegno per passione e per scelta, ho iniziato nello sport e poi l'ho fatto anche nel lavoro. Mi piace scrivere, sia in prosa che in versi, per questo ho creato i miei due blog e collaboro da tempo con riviste elettroniche. Pratico molto lo sport e in particolare quelli che mi permettono di stare a contatto con Madre Natura e, seguendo i suoi insegnamenti, lasciar respirare il mio corpo e il mio spirito.

Pubblicato il 23 novembre 2015, in Itinerari escursionistici con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Lascia un tuo contributo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

MOUNTAIN SOUND

LA' DOVE VIVONO GLI ANIMALI

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2017

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer, photographer and fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

GUIDAXG

La guida agli eventi per giovani menti

Matteo Giardini

… un palcoscenico alla letteratura! ...

Cristina Merlo

Counselor e Ipnotista

PRO LOCO VALLIO TERME

Promuoviamo il turismo a Vallio Terme eventi - sport - cultura - enogastronomia

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

The Naturist Page

Promoting social non-sexual Naturism & nudism

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: