#TappaUnica3V, copat (morto)!


Beh, proprio morto non lo sono e non lo ero nemmeno ieri sera al termine dell’allenamento, certo sono stavolta riuscito ad avvicinarmi parecchio al mio attuale limite, non tanto a quello fisiologico, che, a questo punto, appare veramente assai alto, nemmeno a quello psicologico pure lui ancora assai lontano, ma a quello di resistenza muscolare si, almeno con riferimento ai muscoli principalmente coinvolti dal cammino in salita, quadricipiti innanzitutto.

Partiamo dall’inizio.

C’è un lungo tratto del 3V che proprio non conosco e che, insieme ad altre due più corte tratte che lo costellano, l’una a sud, l’altra a nord, ancora non ho visionato. È un tratto basso pertanto adatto ad essere percorso in questo periodo e mi piacerebbe poterlo chiudere completamente, cioè partire da Brescia e arrivare fino in vetta all’Almana, ma i calcoli con le tabelle di marcia mi inducono a ridimensionare i miei propositi, anche perché intendo testarmi a fondo con tempi di cammino pari alla metà di quelli tabellati dal libricino del 3V: andrò avanti fino a quando riterrò opportuno girarmi e tornare indietro, in ogni caso limite massimo per l’inversione di marcia il mezzogiorno.

IMG_8378Domenica 24 gennaio ore sei e cinquanta, ancora col buio inizio il mio cammino. Per qualche minuto sono ancora all’interno del nucleo cittadino e usufruisco di una seppur parca illuminazione, poi entro nel bosco e il nero m’avvolge. Per un poco procedo al buio poi, visto che me la sono portata e già l’ho indossata, accendo la lampada frontale: l’ho comprata un paio di mesi addietro e ancora non l’ho sperimentata, subito si dimostra all’altezza delle sue note pubblicitarie, ottimo. Avvicinandomi ad una casa dispersa in mezzo al monte spengo la frontale per non disturbare o spaventare chi ci abita, al suo cancello un cane si mette ad abbaiare senza sosta, la stradina termina e mi slancio senza sosta su per il sentiero che risale il ripido pendio erboso a fianco della casa. Come dicevo in un mio recente articolo mi ha sempre spaventato l’idea di trovarmi solo nella notte in mezzo alla montagna, ora ci sono e mi metto alla prova: senza accendere la frontale mi addentro nel bosco scoprendo che evidentemente la vecchiaia mi ha fatto superare i miei timori, noto anche che i segni del 3V nel buio risultano visibilissimi, cosa che mi tornerà certo assai preziosa durante gli allenamenti primaverili e il giro finale. Alle sette e dodici sono alla prima cima del lungo percorso, il Monte Picastello, ci ho messo ventidue minuti contro i venti che avevo programmato e i quaranta della tabella standard: partenza perfetta, fin dove reggerò?

Accelerando leggermente scendo verso i Campiani. Dopo un lungo tratto di strada asfaltata, sono al punto dove dovrebbe esserci il sentiero che sale al Monte Peso e invece… invece niente, solo un recinto. Le tabelle segnaletiche del 3V risolvono il dubbio e in breve, perdendo una cinquantina di metri di quota, eccomi all’imbocco del sentiero. La traccia prima sale con moderata pendenza poi si fa assai ripida e profondamente scavata dal passaggio di biciclette. Non ho niente contro coloro che amano la discesa in bicicletta dai sentieri di montagna, però dove passano loro poi gli escursionisti fanno molta più fatica, senza contare del pericolo di uno scontro: l’anno scorso solo per pochi secondi un ciclista non mi ha investito, se fosse successo le conseguenze sarebbero state decisamente tragiche per ambedue. Assorto in queste mie considerazioni arrivo sulla vetta del Monte Peso, seconda cima del percorso, ci ho messo trentadue minuti, oops, ma la mia tabella ne prevedeva quindici e quella standard trenta, che è successo? Mi sono fermato per mettere via la frontale, ho perso alcuni minuti al bivio per trovare la direzione, il nuovo percorso allunga il vecchio, ma in ogni caso il ritardo mi sembra eccessivo, boh!

Bando alle preoccupazioni e… avanti. Imbocco il sentierino che scende sul versante opposto, dopo una breve discesa inizia un lungo diagonale, sotto si vedono i campi e il grande complesso del monastero di Santo Stefano, più a destra le case della Stocchetta e più in lontananza quelle di Concesio: uhm, ma dove sta andando? Complice l’assenza di segnaletica mi sorge il dubbio d’aver saltato una deviazione, avanti vedo un tornante che mi fa comunque pensare a un ritorno verso la giusta direzione e allora procedo, dopo qualche minuto, però, il sentiero picchia deciso verso valle. Mi fermo e con attenzione mi guardo attorno alla ricerca di un pur vago segno del 3V, niente, zero al quoto. Risalgo alla ricerca di un segno che finalmente trovo, stintissimo e visibile solo in salita, a metà del diagonale subito sotto la vetta del Peso. Accertato che si tratta del giusto sentiero riparto in discesa aumentando la velocità per recuperare il tempo perso: ancora una volta si evidenzia quanto questo bellissimo sentiero avrebbe bisogno di una bella cura di restauro, sono sempre più deciso a prendermene cura personalmente, coinvolgendo gli amici che seguono il mio blog Mondo Nudo.

IMG_8380I problemi, purtroppo non sono finiti: oltrepassato il cippo UOEI ancora svanisce la segnaletica, avevo notato una debole traccia di sentiero che, poco dopo il cippo, si diramava sulla sinistra, vuoi vedere che si andava di là! Risalendo noto qualcosa di azzurro all’interno di una macchia di rovi, mi fermo e osservo con attenzione, si è proprio un cartello segnaletico, anzi, un’intera palina. Spinandomi le gambe la raggiungo e posso leggerne le indicazioni comprendendo che la palina indica una deviazione prossima al cippo UOEI, la deviazione che avevo intravisto. Chi ha mai rimosso le palina per nasconderla nei rovi a debita distanza dalla sua posizione originale e perché? Queste cose mi infastidiscono alquanto, mi risultano incomprensibili, oltre al restauro del sentiero ci sarebbe proprio bisogno di fare una bella campagna per educare al rispetto di oggetti che talvolta possono anche fare la differenza tra la vita e la morte. Meditando su queste ed altre cose (quanto è bello il cammino solitario: nessuna distrazione, puoi immergerti totalmente e lungamente nei tuoi pensieri) eccomi al Santuario della Stella di Gussago, sono molti anni che non passo da queste parti, un posto che evoca in me tanti ricordi. Rimembrandoli scendo la scalinata che riporta sulla strada asfaltata da seguire fino al Passo della Forcella dove arrivo in trentasei minuti dal Monte Peso: la mia tabella ne prevedeva venti, la tabella standard quaranta, considerando il tempo perso nei due tratti di ricerca del sentiero e la (sic!) sparizione della mulattiera che, dopo la Stella, tagliava via un bel pezzo di strada asfaltata, i sedici minuti di ritardo sono comunque comprensibili.

Breve sosta per annotare il tempo di marcia e messaggiare a casa, poi via di nuovo. Dovrei prendere la stradina cementata dall’altro lato della stretta forcella ma… chiusa, un cancello la chiude totalmente senza lasciare il minimo varco, è evidente che non si passa più da qua, ma da dove? Si ripete una storia che sta diventando un po’ troppo assidua e triste: la segnaletica scompare dove più serve. Conoscendo bene la zona ritengo inutile provare a spostarmi sul lato triumplino e scendo invece lungo la strada asfaltata che porta a Gussago, finalmente dopo un centinaio di metri intravvedo in lontananza qualcosa che assomiglia a un segnala bianco blu, si è lui e ce ne sono altri che indicano di scendere ancora lungo la strada, uhm, ma dove porteranno? La sotto c’è la superstrada! Se i segni dicono di scendere si deve scendere e allora giù fino a trovare un varco che esce a destra e risale la copertura della galleria in cui passa la superstrada, poi un lungo diagonale a mezza costa mi porta alla strada asfaltata dell’ex convento dei Camaldoli due tornanti sotto il percorso originale, un bel pezzo in più con un allungamento sensibile dei tempi di marcia che le tabelle, anche quelle più recenti, non prendono in considerazione: procedendo a un passo più vicino alla corsa che al cammino arrivo al Quarone di sotto in quarantasette minuti anziché trenta, la tabella standard ne prevede sessanta. In questo tratto ancora segnaletica imprecisa e due curiose tabelle indicatrici che, piazzate sulla stessa palina, riportano lo stesso identico tempo (quindici minuti) con riferimento a due località (Quarone di sotto e Quarone di sopra) che sono invece ben distanti tra loro (e non c’è modo di arrivare al secondo senza passare dal primo).

Una strada in discesa mi permette di recuperare da una fatica che sull’ultima ripidissima e scivolosa salita ha iniziato debolmente a farsi sentire. Quarone di sopra, il cielo, prima quasi sereno, inizia a coprirsi di nuvole: non vorrà andare a piovere? Va beh, come sempre sono attrezzato a dovere e non è un percorso che possa dare preoccupazione. Arrivo all’ennesimo bivio, una strada scende a sinistra e un’altra sale a destra, nuovamente la segnaletica è assente, decido per intuito di salire e dopo trecento metri un debole segnale mi dà ragione, ma se fossi stato una persona con meno intuito? È mai possibile che non si riesca a dare un’adeguata formazione a chi segnala i sentieri? Certo persone encomiabili, lo fanno gratuitamente e volontariamente, però bisogna rendersi conto che si tratta di un lavoro importante, di un’azione alla quale corrisponde la sicurezza dell’escursionista, non è possibile che in tanti anni di alpinismo debba continuamente rilevare le stesse identiche lacune: segnaletica abbonante dove nemmeno volendolo ci si potrebbe allontanare dal sentiero e poi totale assenza di segnaletica nei punti più critici! Ragionando sulla questione e meditando sul corrispondente articolo che già da tempo ho pensato di scrivere eccomi alla Sella dell’Oca e in breve ad un gruppo di case sul colmo di una montagnola. Presumo essere la vetta del Monte Magnoli, uno dei punti di riferimento per i tempi di cammino, ma in zona nulla permette di averne certezza ed ecco un’altra questione, quella delle relazioni e dei punti di riferimento che vi vengono riportati: dovrebbero essere inequivocabilmente rilevabili e invece spesso non lo sono. Segno comunque qui il mio tempo di marcia (tornato a casa scopro di aver ancora una volta intuito giusto): trenta minuti contro i venti previsti e i quaranta standard.

IMG_8384Ripida discesa in un fitto bosco e arrivo ad un trivio dove la segnaletica è abbondante ma riguarda altri sentieri, quella del 3V è nuovamente assente. Ci ragiono sopra alcuni minuti poi decido di provare un sentierino che, valicata una specie di cancello in legno, si mantiene in quota. Poco dopo sembra morire in uno dei tanti roccoli qui presenti (ho soprannominato questa parte del percorso il “sentiero dei roccoli”) invece riappare la segnaletica e con recuperata decisione procedo oltre passando per una grande casa dal cui terrazzo si gode una magnifica vista sulla Francia Corta: l’Uccellanda Magnoli. Continui su e giù alternano tratti di affaticamento ad altri di recupero, piccole rotonde cimotte e tratti di cresta permettono di osservare un ampio panorama (si vede anche il Monte Rosa), ordinati e verdi roccoli annessi a ville che sembrano castelli ed eccomi alla casa dei Tre Pauli, altro punto di riferimento: trentacinque minuti contro i ventidue previsti e i quarantacinque standard, sono ancora sopra la mia tabella eppure il passo è ancora ottimo e non accuso fatica, boh!

Al Pizzo Cornacchia arrivo stofegato dai gas di scarico di un trattorino che mi ha superato poco dopo l’ultima casa, da qui la visione si fa nuovamente ampia e mi concedo una breve sosta per fotografare la corona di cime innevate che mi circondano; abbassando lo sguardo ecco Ponte Zanano, Lumezzane e Sarezzo. Quest’ultimo tratto, dopo l’iniziale rallentamento per far passare il trattorino ed evitare di respirarne a fondo i gas di scarico, l’ho fatto di slancio: tredici minuti contro i quindici previsti e i trenta standard.

Rimesso a spalle lo zaino imbocco il sentiero che prosegue lungo la cresta, non bado all’assenza di segnali se non quando arrivo a un dosso con diverse antenne e delle tabelle di altri sentieri. Qui incontro un simpatico signore con cui parliamo un poco e alla fine mi riconosce per quello che era sul giornale. Ripreso il cammino individuo poco dopo la traccia corretta del 3V e in breve sono al verde stupendo prato delle case della Colmetta. Scendo ancora un poco fino alla piazza di Vesalla dove, sebbene manchino ancora quaranta minuti al mezzogiorno, decido di interrompere l’avanzata e ritornare indietro. In quest’ultimo tratto l’errore di percorso, stavolta dovuto più ad una mia distrazione che all’assenza di segnaletica, mi ha fatto allungare considerevolmente la strada e ci ho messo quaranta minuti anziché i quindici previsti, corrispondenti a trenta della tabella standard. Approfitto di un tavolo con panchine per rifocillarmi un attimo con le barrette energetiche che sto sperimentando, mando l’ennesimo messaggio a casa e poi di nuovo in marcia per ritornare a Brescia.

IMG_8390Velocemente (venticinque minuti contro i ventidue previsti, quarantacinque standard) e, stavolta, con la giusta strada sono sul Pizzo Cornacchia, le gambe girano ancora alla grande e il fiato tiene anche meglio. Ancora più veloce la discesa alla casa dei Tre Pauli: sette minuti contro i quindici previsti (trenta di tabella). Grandioso, sto andando alla gran… ahia, troppa fretta ad elogiarmi, nella successiva salita il muscolo della coscia destra si fa improvvisamente rigido: non è un crampo ma il cammino è fastidioso. Rallento sensibilmente il passo, assumo una pasticca energetica (oggi ne ho approfittato per sperimentare anche questa tipologia di prodotti) e pian piano recupero la piena funzionalità della gamba tanto che sulla successiva discesa posso anche accennare una corsa. Nei successivi su e giù iniziano a farsi sentire i primi secchi dolori alle gambe, la strada è ancora lunga se mi vengono i crampi qui potrebbe essere problematico rientrare al punto di partenza, meglio procedere più lentamente e affrontare le salite a passo ben cadenzato inserendo frequenti brevi pause, incrementando sensibilmente l’assunzione di acqua e iniziando una periodica assunzione di pasticche energetiche, non ho con me bustine di integratori salini, nei prossimi allenamenti dovrò testarli perché mi sto convincendo che nel giro finale sarà meglio averli dietro. Monte Magnoli, Sella dell’Oca, Quarone di sopra, Quarone di sotto, gestendo con attenzione la situazione muscolare, uno ad uno passo tutti i punti di riferimento, inserendoci, per disattenzione, anche un lungo errore di percorso (almeno quattro chilometri e un centinaio di metri di dislivello in più), i tempi si sono allungati: dalla casa dei Tre Pauli a Quarone di sotto ci ho messo sessantacinque minuti invece dei trentasette previsti, sono comunque sotto le tabelle standard (settantacinque minuti) e vicinissimo a quelle calcolate per il giro finale (sessantatré minuti).

La lunga discesa al Passo della Forcella di Gussago avviene senza problemi e mi permette anche un bel recupero delle forze muscolari tant’è che solo in prossimità dell’arrivo si ripresentano i dolori. In questo tratto, per la precisione poco prima del cippo UOEI, una graditissima sorpresa: dalla stradina sale in bicicletta Gabriele, un carissimo amico, compagno di diverse scalate e avventure, da molti anni non lo vedevo e volentieri mi fermo a scambiare due chiacchiere.

Presa la macchina rientro a casa, bella doccia calda, merendina e mi riposo, senonché ad un certo punto mi scattano forti e dolorosi crampi al quadricipite destro: tutta la fascia è un cordone alto e duro. A seguito dello scatto di reazione al crampo mi si scatena un crampo anche all’arcata del piede sinistro e di riflesso parte anche quello al quadricipite sinistro: per mezz’ora sono in preda al dolore, cerco di alleviarlo con opportune manovre di scarico e massaggi. Assumo dei sali minerali e poco dopo tutto è solo un ricordo.

Questa mattina mi sono alzato senza problemi e restano solo lievi dolori alle gambe, per il resto il fisico ha supportato il tutto alla grande. Questo allenamento è stato assai importante, mi ha aiutato a verificare diverse cose, dalla mia condizione fisica (saranno necessari ancora allenamenti di potenza) a quella psicologica (apparentemente pronta alla missione finale), dai supporti energetici (ancora da sperimentare per bene, alcuni, tipo le bustine di gel, appaiono scomodi, altri, barrette di gelatina, mi risultano troppo dolci, ottime invece le barrette proteiche e le pastiglie da sciogliere in bocca) agli integratori salini (penso che fisserò in due a cinque il rapporto tra acqua con integratori e acqua pura).

Riepilogo dati

  • Lunghezza del percorso (a+r): come minimo 45km
  • Dislivello totale: 2212m quello accertato
  • Tempo di tabella: 10 ore e 15 minuti
  • Mio tempo di effettivo cammino (comprese pause, ricerche di percorso ed errori): 7 ore e 56 minuti
  • Mio tempo totale: 8 ore e 25 minuti
  • Tempo delle tre soste: 29 minuti
  • Acqua bevuta: 75 cl
  • Cibo assunto: 2 barrette proteiche
  • Supporti energetici: 2 barrette, 1 bustina di gel e sei pastiglie

Informazioni su Emanuele Cinelli

Insegno per passione e per scelta, ho iniziato nello sport e poi l'ho fatto anche nel lavoro. Mi piace scrivere, sia in prosa che in versi, per questo ho creato i miei due blog e collaboro da tempo con riviste elettroniche. Pratico molto lo sport e in particolare quelli che mi permettono di stare a contatto con Madre Natura e, seguendo i suoi insegnamenti, lasciar respirare il mio corpo e il mio spirito.

Pubblicato il 25 gennaio 2016, in Eventi sportivi, Racconti di sport con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. forza forza forza 🙂

    una sciocchezza e precisazione:
    nella descrizione scrivi di aver mangiato delle barrette energetiche, nel riepilogo finale barrette proteiche.
    Durante l’escursione erano energetiche giusto?
    Non credo sia indicato quelle proteiche pre/durante la faticata quanto un’integrazione al recupero dopo il rientro a casa.

    Mi piace

    • Avevo con me due tipi di barrette, energetiche e proteiche, quelle proteiche ne ho mangiata una nella sosta fatta a Vesalla, da dove mi sono girato e tornato indietro, l’altra nell’ultima ora di cammino. Ambedue i tipi di barrette erano specificatamente indicati per l’uso durante lo sforzo e, ancor più dettagliatamente, per sforzi intensi. C’è anche da tener conto della sensibile differenza tra corsa e cammino, soprattutto col cammino tipo quello che dovrò fare io (due giorni di marcia ininterrotta) nel quale è assolutamente necessario gestire anche la fame (che non puoi compensare con zuccheri e sali) e le perdite proteiche (che non puoi compensare con un sovraccarico preliminare). Tieni anche conto che l’uso di questi prodotti lo sto sperimentando: al di là delle regole generali siamo tutti diversi e ognuno deve necessariamente trovare il suo equilibrio.

      Mi piace

Lascia un tuo contributo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2017

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer, photographer and fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

Matteo Giardini

… un palcoscenico alla letteratura! ...

Cristina Merlo

Specialista in Relazioni di Aiuto: Counselor e Ipnotista

PRO LOCO VALLIO TERME

Promuoviamo il turismo a Vallio Terme eventi - sport - cultura - enogastronomia

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

The Naturist Page

Promoting social non-sexual Naturism & nudism

poesie e altro

l'archivio delle parole in fila - zattera trasparente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: