Anello altissimo del 3V (Val Trompia – BS)


IMG_9612

La prima metà dell’anello: Collio VT in primo piano, a destra i boschi nei quali si sale alla Pezzeda, poi in sequenza il Monte Pezzolina, la Corna Blacca, Cima Caldoline, il Dosso Alto e il Giogo del Maniva

Da me definito e realizzato come allenamento a TappaUnica3V, è un itinerario ad anello che rappresenta un primo ideale avvicinamento al mondo delle grandi escursioni, quelle che superano le dodici ore di cammino e i duemila metri di dislivello, e dei trail. Ovviamente può anche essere spezzato in due comode tappe grazie alla presenza di strutture della ricettività turistica proprio a metà percorso e alla facilità con cui poter trovare collocazioni ideali per un bivacco con o senza tenda.

Altra prerogativa del percorso è quella di ricalcare per lungo tratto le tracce del sentiero 3V “Silvano Cinelli” nella sua parte più in quota superando molte delle principali cime della Val Trompia, è così possibile una sua interessante seppur parziale percorrenza come preparazione a quella completa. Combinandolo agli altri anelli parziali del 3V che ho definito (nove, compreso questo) e che andrò man mano a descrivere rappresenta la pratica soluzione per chi non disponga degli otto giorni necessari alla percorrenza dell’intero 3V.

IMG_9512

Dalla vetta del Dosso Alto verso il Lago di Garda

Trattandosi di un percorso che in gran parte segue il filo di cresta a quote superiori al limite dei boschi, ampi sono i panorami osservabili nei quali è quasi costantemente compreso tutto il percorso ancora da fare e tutto quello già fatto. Per lo stesso motivo non esiste possibilità di trovare rifornimento d’acqua, in caso di sole l’insolazione è costante e forte, in caso di pioggia impossibile trovare riparo. Nel tratto che va dalla Corna Blacca alle Sette Crocette anche in piena estate è possibile trovare forte e freddo vento nonché nuvole basse che impediscano quasi completamente la visione.

Contemplando la percorrenza di tutte le varianti per esperti presenti tra la Pezzeda e il Passo delle Sette Crocette è un percorso che richiede assenza di vertigini e preparazione tecnica, eventualmente è possibile seguire le varianti facili rendendo il tutto più semplice. Un’alternativa tecnicamente altrettanto facile ma che permette di raggiungere comunque quasi tutte le panoramiche vette di questa zona è quella che evita solo la Corna Blacca, mentre sale al Dosso Alto per poi ridiscendere per lo stesso sentiero di salita e raggiungere il Giogo del Maniva seguendo la variante facile; la cresta delle Colombine, estesa tra il Passo del Dasdana e il Goletto di Cludona, nonostante la definizione per esperti è assolutamente semplice e priva di tratti esposti.

Dati tecnici

  • Zona geografica: Italia – Lombardia – Brescia – Alta Val Trompia
  • Classificazione SOIUSA: Alpi Sud-orientali – Prealpi Bresciane – Catena Bresciana Orientale
  • Partenza: Collio Val Trompia (BS), grande parcheggio a sud della Strada Provinciale delle Tre Valli, 150 metri dopo la strettoia della chiesa.
  • Arrivo: coincidente con il punto di partenza.
  • Quota di partenza: 834m
  • Quota di arrivo: 834m
  • Quota minima: 828m
  • Quota massima: 2217m
  • Dislivello positivo totale (calcolato con GPSies): 2181m
  • Dislivello negativo totale (calcolato con GPSies): 2179m
  • Lunghezza (calcolata con GPSies): 32,67km
  • Tipologia del tracciato: in buona parte su stradine sterrate e sentieri, un tratto di asfalto.
  • Difficoltà (vedi spiegazione): EE5Ef seguendo il percorso completo; EE5El evitando la discesa per la cresta del Dosso Alto; E5P seguendo le varianti facili.
  • Tempo di cammino: 15 ore e 40 minuti
  • Segnaletica: Tabelle e segni in vernice bianco-rossi nei tratti inziale (segnavia 349) e finale (segnavia 343, poi brevemente 337, infine, dopo un tratto non segnato, di nuovo 343), bianco-azzurri (segnavia 3V) nel più rilevante tratto centrale
  • Rifornimenti alimentari: negozi di Collio, ristoranti al Giogo del Maniva.
  • Rifornimenti idrici naturali: una presa (abbeveratoio) di dubbia potabilità al Passo di Pezzeda Mattina.
  • Punti di appoggio per eventuale pernottamento: Capanna Tita Secchi al Passo delle Portole (sempre aperta ma non presidiata); Albergo-ristorante Dosso Alto al Giogo del Maniva; Hotel Locanda Bonardi poco più in alto.
  • Possibilità di piantare tende (ovviamente per bivacco: singola notte e pronta rimozione al mattino): scarse a valle, ampie e comode lungo il percorso.
  • Fattibilità del nudo (nella speranza e nella convinzione che la normalizzazione sociale della nudità farà presto diventare questa un’indicazione superflua): limitata di giorno, ampia nella notte.

Profilo altimetrico e mappa

Si parte con un primo importante, seppure discretamente tranquillo, balzo per poi riposarsi un attimo in un lungo trasferimento in falsopiano. Segue una breve discesa e un successivo lungo diagonale al termine del quale una ripida rampa porta ad un altro diagonale quasi pianeggiante con alcuni brevi sali scendi fino allo strappo che porta alla prima sommità del giro. Ad una ripida e tecnica discesa segue un bel tratto di falsopiano, interrotto quasi alla fine da un breve ma ripido strappo. Ripida salita con alcuni brevi tratti di respiro e poi discesa molto tecnica: ripidissima pala erbosa, cresta rocciosa con qualche passaggio in facile arrampicata (primo grado), breve risalita e infine un ripido prato. Lungo tratto pianeggiante e poi, con dolcezza, si risale un poco a riprendere salite più ripide.  Segue una lunga cresta con dolci salite e discese, al contrario, più ripide. Al termine della cresta, dopo il superamento di alcuni rotondeggianti panettoni, ecco la lunga e a tratti complessa discesa finale che, alternando tratti ripidi al altri pianeggianti, riporta al fondo valle.

GPSies – Anello altisismo del 3V

Clicca sull’immagine per accedere alla mappa dinamica con profilo

Relazione tecnica

Dal parcheggio si prende la strada provinciale in direzione di Bovegno, fatti una cinquantina di metri si scende a destra per una strada in direzione del Fiume Mella, poco prima di questo la strada svolta a destra portandoci a un ponte che permette lo scavalcamento di detto fiume. Andiamo a destra in piano e dopo cinquanta metri prendiamo a sinistra una mulattiera che sale nel bosco.

Fatti due tornanti si procede in ripida salita con percorso all’incirca lineare in direzione sudovest, un tornante ci riporta in direzione est, ignoriamo la stradina che a sinistra entra nei prati della ben visibile cascina Moneda e saliamo alla sua destra con andamento di poco divergente. Raggiunta una sterrata la seguiamo verso destra alzandoci nel bosco con alcuni tornanti. Ad un primo bivio andiamo a destra, poco dopo ci troviamo ad un altro bivio e andiamo a sinistra prendendo direzione est e mantenendola fino alle case di Pantaghino. Oltrepassate le prime due case prendiamo a destra e proseguiamo a lungo in direzione sudsudest. Varcato un solco pluviale inizia un tratto con diversi stretti tornanti che ci porta al Roccolo Cero. Poco dopo usciamo dal bosco per risalire i prati di Pezzeda Mattina, ad un bivio andiamo a sinistra, ancora alcuni tornanti nuovamente nel bosco e siamo sulla stradina della Pezzeda in prossimità di una vasca abbeveratoio (qui iniziamo a seguire il sentiero 3V “Silvano Cinelli”), andiamo a sinistra e in pochi minuti siamo al Passo Pezzeda Mattina (1600m).

IMG_8173

Le due cime della Corna Blacca

Dal Passo prendiamo a sinistra il sentiero (Strada dei Soldati) che taglia a mezza costa il versante meridionale del Monte Pezzolina (possibile e, quantomeno con erba asciutta, interessante variante) e, senza possibilità d’errore, lo seguiamo fino al Passo di Prael (1710m). Prendendo il filo del crinale sul lato orientale del passo per esile sentiero, contornato da mughi che talvolta infastidiscono il passaggio, ci alziamo alcuni metri aggirando a sinistra una piccola corna rocciosa. Ora il sentiero volge a destra per scendere ripidamente verso un vallone. Persi una ventina di metri di quota si riprende a camminare in direzione sudest e con lungo falsopiano nei prati ci avviciniamo al corpo principale della Corna Blacca. Oltrepassato l’alveo del vallone iniziamo a salire con strappi molto ripidi e raggiungiamo un poggio panoramico ricoperto di mughi. Alla nostra sinistra ben visibile la continuazione del sentiero che taglia a mezza costa un ripido pendio erboso per poi costeggiare la base di una parete rocciosa. Con una breve salita arriviamo sul filo della cresta est, da qui scendiamo un poco sul versante triumplino per poi traversare a mezza costa contornando la fascia rocciosa. Oltrepassato un tratto di facilissime placche rocciose una breve salita ci porta ad altro costone dove, facendo attenzione a non saltare il bivio poco visibile, prendiamo a destra per salire tra i mughi e i successivi facili salti rocciosi che ci portano sul filo della cresta sommitale. Seguiamo la cresta verso sinistra e in breve siamo alla vetta occidentale della Corna Blacca (2004m).

IMG_9513

La Corna Blacca dal Dosso Alto

Seguiamo in piano la cresta sommitale verso est, all’inizio breve tratto molto sottile, poi la traccia si discosta leggermente scendendo un poco a sinistra nei mughi. Quando si rifà piana a sinistra una poco evidente traccia taglia nei mughi e, scendendo dolcemente, traversa la pala erbosa della vetta orientale portandosi quasi al suo limite est. Con ripida discesa su sfasciumi ci si abbassa velocemente fino al margine di un largo canalone ghiaioso, ignorando le tracce che scendono in questo andiamo a sinistra, superiamo un breve e facile (primo grado) camino roccioso per poi ritornare sull’altro lato della pala puntando a uno sperone roccioso. Alcuni stretti tornanti tra i mughi ci portano alla Forcella del Larice (da sinistra arriva il sentiero che, dopo il lungo traverso sotto le rocce sommitali, avevamo abbandonato per salire in vetta alla Corna Blacca; eventuale scappatoia in caso di mal tempo). Dalla Forcella prendiamo la traccia in direzione nord, risaliamo brevemente tra i mughi per poi traversare nell’erba in direzione di un piccolo intaglio di cresta al quale perveniamo con pochi ripidissimi metri di salita. Ci abbassiamo leggermente sul versante opposto per aggirare la cima Ovest dei Monti di Paio e con lungo diagonale interrotto a metà da due tornanti ci portiamo sul sentiero seguito dalla variante facile del 3V (Strada dei Soldati). Andiamo a destra e in breve siamo alla larga sella erbosa del Passo di Paio (1685m). Scendiamo sul versante orientale della sella, superiamo uno stretto canale (caratteristica tettoia rocciosa) per poi risalire dolcemente sul versante opposto.

IMG_3955

Il passo delle Portole (foto Vittorio Volpi)

Con lungo traverso aggiriamo a destra il Corno Barzò per poi entrare in un canalone di cui, con ripido sentiero di ghiaia e sfasciumi, risaliamo la parte sommitale per arrivare al Passo delle Portole. In piano su largo sentiero aggiriamo a sinistra la conca di Malga Dosso Alto (ben visibile in basso davanti a noi) per poi, con breve salita, raggiungere la strada asfaltata del Baremone al Passo del Dosso Alto. Scendiamo leggermente a destra lungo detta strada per prendere a sinistra le tracce che salgono nell’erba di un vasto pascolo frammisto a sassi e mughi. Le tracce sono tantissime e alcune portano fuori strada, teniamo quelle più a sinistra che si alzano verso una fascia di mughi entrandoci e attraversandola in diagonale da sinistra a destra puntando ad una sella erbosa sul crinale occidentale del monte. Usciti dai mughi passiamo poco sotto la sella anzidetta per entrare in un breve canalino erboso che risaliamo per uscirne a destra e risalire un pendio erboso. Un diagonale a sinistra ci porta sul filo del largo crinale che seguiamo verso sinistra per subito discostarcene a destra con un traverso che, con tratti di forte salita, ci conduce ad un altro crinale. Dal filo di quest’ultimo crinale ci spostiamo leggermente a est e risaliamo un ripido pendio erboso. Giunti alla sua sommità seguiamo il largo crinale sul suo limite destro e in breve siamo alla vetta del Dosso Alto (2064m).

IMG_9509

Alba sul Dosso Alto un’emozionante esperienza dei lunghi percorsi e dei trail

Seguiamo la cresta sommitale nella direzione opposta a quella da cui siamo arrivati, scesi pochi metri in corrispondenza di una poco accennata insellatura, proprio dove riprende la salita, ci spostiamo a sinistra del filo prendendo le tracce che scendono dolcemente verso delle rocce (ignorare le tracce che scendono nel pendio erboso a sinistra, portano su un terreno apparentemente più sano ma in realtà assai più ripido e, soprattutto, molto più pericoloso, specie se bagnato). Superate queste prime banali roccette, il pendio si fa decisamente più ripido ma la discesa è comunque abbastanza agevole anche grazie a qualche residuo di gradinamento con sassi e pali in legno. Inizialmente conviene tenersi al centro del pendio per evitare un salto roccioso sulla sinistra, poi si punta alla base di tali rocce per entrare in un canalino che scende a sinistra del filo di cresta. Con facile arrampicata faccia a valle scendiamo il canalino pervenendo ad una cengetta (esposta sulla parte sommitale del grande canalone nordovest) che seguiamo a destra per riprendere il filo di cresta dove si fa piano. Con attenzione ma senza particolari difficoltà seguendo il filo ci affacciamo sulla parte più verticale della cresta. Tenendo a destra tra i mughi aggiriamo il primo salto verticale scendendo un breve pendio erboso contornato da fitti mughi che ne riducono assai l’esposizione e danno tranquillità (un scivolone ne verrebbe sicuramente fermato). Il secondo salto dobbiamo scenderlo direttamente per rocce con passaggi di primo grado, verso la fine conviene spostarsi a destra (evidenti tracce di passaggio guidano anche in questo punto sulla strada migliore). L’ultimo salto di rocce lo evitiamo scendendo a sinistra in un canale di terra ed erba al termine del quale scendiamo ancora un poco in direzione dello spuntone roccioso che domina il canalone nordovest per poi voltare decisamente a destra e risalire all’evidente forcella Battaini.

IMG_9516

Discesa dal Dosso Alto per la cresta NNO

IMG_9661

Percorrendo la cresta NNO del Dosso Alto

Dalla forcella proseguiamo verso nord risalendo un dosso, lo scendiamo sul versante opposto (breve e facile saltino roccioso), seguiamo il filo del crinale erboso e quando, passata una macchia di cespugli, riprende a salire lo abbandoniamo tagliando a mezza costa il pendio erboso sulla sua destra. Raggiunto il centro del pendio iniziamo a discenderlo direttamente (discesa molto ripida e insidiosa, specie con il bagnato e l’erba alta) puntando leggermente a destra dove il pendio si affossa in una specie di valloncello appena accennato che ci permette una discesa più agevole (le erbe qui possono essere molto alte e nascondere completamente la traccia, ci si deve tenere più o meno al centro della fascia di queste alte erbe). Giunti alla base delle alte erbe in breve si perviene alla mulattiera militare che, in piano e senza difficoltà, con ampi e bei scorci sui pascoli del Maniva, ci riporta alla strada del Baremone (seguita dalla variante facile del 3V), seguendola a destra in breve siamo al Giogo del Maniva (1664m).

IMG_9538

Giogo del Maniva sullo sfondo Dasdana e Colombine

Costeggiando a sinistra l’edificio dell’Albergo Ristorante Dosso Alto imbocchiamo una strada sterrata, dopo un tratto in salita si prosegue in piano aggirando a occidente il Dosso delle Liti. Arrivati all’asfalto della strada di Crocedomini scendiamo a sinistra per questo e in breve siamo all’Hotel Bonardi. Passiamo tra la costruzione dell’hotel e quella limitrofa, andiamo a sinistra fino alla fine del piazzalino sul retro dell’Hotel, a destra prendiamo alcuni scalini che ci portano ad una mulattiera sassosa e in ripida salita. La seguiamo finché termina in uno spiazzo erboso appresso alla strada del Crocedomini, attraversiamo questo spiazzo e a sinistra prendiamo la prosecuzione della mulattiera che seguiamo in piano finché sulla nostra destra vediamo una piccola costruzione in muratura, abbandoniamo la mulattiera per salire a destra con esile traccia nell’erba che ci riporta sul nastro asfaltato del Crocedomini. Seguiamo l’asfalto a sinistra fino ad una larga curva a sinistra a metà della quale sulla destra su stacca una strada sterrata. Tagliamo i tornanti di tale strada salendo direttamente nell’erba con tracce di passaggio, quando incrociamo la strada ormai decisamente diretta a destra puntando al ben visibile Cascinello di Zocchi la seguiamo brevemente a destra per poi abbandonarla e salire a sinistra puntando alla sommità del dosso (Dasdanino) dove termina la seggiovia alla nostra destra. Qui giungi andiamo a sinistra lungo la strada di servizio dell’impianto scendendo al Passo del Dasdana (2070m), con breve ripida salita ci riportiamo sulla strada del Crocedomini che attraversiamo direttamente per prendere il pendio erboso che sale dalla parte opposta verso una fascia di rocce montonate. Superate con facilità le rocce prendiamo il ripido filo erboso della cresta sudest che seguiamo fedelmente fino a quando spiana. Qui ci spostiamo leggermente a sinistra per scendere ad una piazzola di artiglieria per mezzi di medio calibro risalente alla Prima Guerra Mondiale. Oltrepassata la piazzola riprendiamo il filo di cresta che ci porta alla vetta del Dasdana (2191m).

IMG_9554

Monte Dasdana e prime due Colombine

Dalla vetta scendiamo a sinistra lungo il crinale ovest portandoci ad una sella erbosa (trincea di guerra). Proseguiamo lungo il crinale risalendo un poco per passare poco sotto e a destra della sommità erbosa della Prima Colombina. Scendiamo alla successiva sella per risalire alla Seconda Colombina (2183m). Passando accanto ad un alto traliccio dell’alta tensione, si scende un ripido pendio e si perviene ad altra ben più larga sella dove ci immettiamo su una larga mulattiera militare che seguiamo in leggera salita traversando il versante meridionale del Monte Colombine. Poco prima del crinale meridionale, la mulattiera svolta a destra con stretto tornante, per poi salire con un paio di curve la parte terminale del Monte Colombine (2217m), punto più alto del sentiero 3V e di questa escursione (larga piazzola d’artiglieria).

Ritornando brevemente sui nostri passi scendiamo lungo il crinale meridionale del monte puntando verso destra a una zona di rocce che si superano sulla sinistra senza particolari difficoltà. Si prosegue per piatte lastronate di roccia al termine delle quali si scende un breve caminetto roccioso a cui segue un ripido pendio erboso solcato da varie tracce di passaggio. Una piana dorsale ci porta ad alzarci brevemente su di un dosso erboso (Terza Colombina, 2201m), continuando lungo il crinale si oltrepassa, tenendosi a destra della sommità, anche la Quarta e ultima Colombina, scendendo infine verso ovest in direzione dell’ormai evidente sella del Goletto di Cludona (2031m) a cui perveniamo velocemente.

IMG_9572

Le Sette Crocette

Prendiamo la strada che si alza al centro lungo la larga dorsale erbosa e la seguiamo fedelmente fino al suo termine, proseguiamo per tracce nell’erba superando alcuni dossi erbosi con splendide visioni sulla bellissima conca alla nostra destra (Malga Cludona di Mezzo, Dos Ma e Malga Ma). Superato l’ennesimo dosso una discesa su sentiero più evidente e largo ci porta al Passo delle Sette Crocette facilmente identificabile per la presenza (oltre che della palina segnaletica), leggermente più in basso sul lato camuno, di un artificiale cumulo di pietre nel quale sono infisse sette piccole croci metalliche (un tempo erano di legno). Qui termina la nostra percorrenza sui segni del sentiero 3V “Silvano Cinelli”.

IMG_9573

La vista verso le malghe Mesole e Mesorzo

Scavalliamo dal passo in direzione sudovest seguendo l’evidente sentiero che a mezza costa si dirige verso le rocce del Dosso della Croce, ignoriamo il sentiero segnalato che, poco dopo, si tiene a sinistra inizialmente parallelo al primo per scendere alle malge Mesole (dirocata) e Mesorzo. Con un lungo e comodo mezzacosta attraversiamo i pendii erbosi sottostanti il Monte Singla, una breve risalita porta ad una sella tra rocce, si scende sul lato opposto per poi riprendere a mezza costa fino ad arrivare a prendere il filo del crinale, ci si abbassa un poco sulla destra per aggirare alcuni spuntoni rocciosi e riprendere il filo del crinale dove questo diviene un largo e arrotondato costone erboso a cavallo tra la conca di Memmo (Collio V.T.)  e quella di Graticelle (Bovegno).

Seguendo l’evidente traccia che segue il filo del costone procediamo verso sud per l’intero tratto pressoché pianeggiante, giunti al cambio di pendenza (grosso ometto) il costone si biforca, procediamo seguendo, senza via obbligata nell’erba del pascolo, il ramo di sinistra. Godendoci la piacevole sensazione del camminare sull’erba morbida e senza il patema di dover seguire un percorso ben preciso, ci abbassiamo a tratti ripidamente a tratti più dolcemente fino ad incrociare un largo sentiero segnalato, a seconda del punto in cui ci troviamo potremmo doverlo seguire un poco verso destra (se nella discesa ci siamo tenuti troppo a sinistra) oppure potremmo poterlo ignorare per prendere subito una traccia non segnalata che procede in discesa lungo il filo del costone erboso; se non notiamo tracce (ci siamo tenuti troppo a destra) nel dubbio procedere dritti in discesa mirando al verde costone del Dosso Canali.

Raggiunto il Dosso Canali proseguiamo in discesa lungo il crinale, la traccia a tratti lo abbandona per abbassarsi un poco a sinistra finchè s’inserisce in una strada sterrata. La seguiamo pochi metri e in prossimità di una pozza d’abbeverata la abbandonimao per alzarci a destra sul filo di un evidente verde dosso che rappresenta la naturale continuazione del costone fin qui seguito, in basso alla nostra sinistra oltrepassiamo la malga Canali e riprendiamo a scendere con decisione.

IMG_9602

Lungo la discesa dopo malga Canali

IMG_9607

L’ultimo tratto di mulattiera

Ripresa la traccia segnalata, la seguiamo abbandonando il filo del crinale per abbassarci sul suo versante destro. Dopo alcuni tornanti la traccia prende decisamente a sinistra per scendere un bel prato con radi alberi puntando ad un capanno da caccia. Lo si oltrepassa per continuare la discesa nel bosco seguendo la linea di massima pendenza finché, poco prima di un altro capanno, alla nostra destra individuiamo una larga mulattiera che scende in diagonale verso nord. La seguiamo e dopo alcuni tornanti sbuchiamo su una strada cementata. La seguiamo a sinistra e con forte discesa perveniamo ad una strada asfaltata che seguiamo a sinistra oltrepassando le case di Casentiga e arrivando a quelle della località Santella. Giunti ad un incrocio (santella sulla destra) andiamo a sinistra per scendere a Memmo. Al primo e al secondo bivio (fontane in prossimità di ambedue) andiamo a sinistra portandoci in Piazza Tavelli, qui prendiamo a destra per via Memmo che seguiamo fedelmente (il lato destro della careggiata è tracciata una pedonabile) fino a Collio dove via Memmo diviene via Pietro Piastra per la quale raggiungiamo via Federico Bagozzi. A destra scendiamo alla piazza che attraversiamo completamente per imboccare sul lato opposto la strada che scende sulla provinciale dove a sinistra in breve al parcheggio di partenza.

Invero si dovrebbe poter evitare quest’ultimo lungo tratto su strada abbastanza frequentata e leggermente (mezzo chilometro) accorciarlo (verificherò quanto prima possibile) prendendo, all’uscita da Memmo, una strada che ripidamente scende a destra raggiungendo località Castello all’ingresso della quale sulla sinistra un sentiero nel bosco scenderebbe al torrente Sedegola seguendo il quale si perviene a Collio in via Sandro Pertini. Andando a destra per detta via si scende sulla provinciale e seguendola a sinistra si rientra al parcheggio di partenza.

Tabella di marcia

I tempi indicati sono stati personalmente verificati sul posto tenendo conto dell’effettuazione del giro in marcia continua (ovvero senza soste) e costante (ovvero senza sensibili variazioni di andatura) con una velocità media di 3,5km/ora (la velocità che un escursionista mediamente allenato può mantenere con costanza indipendentemente dalla pendenza del terreno). In alcuni casi le mie indicazioni temporali differiscono (solitamente in più) da quelle delle tabelle ufficiali.

Punto di passaggio Tempo del tratto (ore:min)
Collio parcheggio 0:00
Località Pantaghino 1:00
Roccolo Cero 1:00
Passo Pezzeda Mattina 0:30
Passo di Prael 0:30
Corna Blacca 1:45
Forcella del Larice 0:30
Bivio con variante facile 3V 0:30
Passo delle Portole 0:30
Passo del Dosso Alto 0:10
Dosso Alto 1:00
Giogo del Maniva – Albergo Ristorante Dosso Alto 1:30
Hotel Locanda Bonardi 0:20
Passo Dasdana 1:15
Monte Dasdana 0:20
Monte Colombine 0:40
Goletto di Cludona 0:30
Passo delle Sette Crocette 0:45
Dosso Croce 0:30
Dosso Canali 1:00
Piazza di Memmo 0:45
Collio parcheggio 0:40
TEMPO TOTALE 15:40
IMG_9518

Sulla cresta NNO del Dosso Alto


Vedi (e segui) la pagina del sentiero per altre informazioni.

Informazioni su Emanuele Cinelli

Insegno per passione e per scelta, ho iniziato nello sport e poi l'ho fatto anche nel lavoro. Mi piace scrivere, sia in prosa che in versi, per questo ho creato i miei due blog e collaboro da tempo con riviste elettroniche. Pratico molto lo sport e in particolare quelli che mi permettono di stare a contatto con Madre Natura e, seguendo i suoi insegnamenti, lasciar respirare il mio corpo e il mio spirito.

Pubblicato il 3 agosto 2016, in Itinerari escursionistici con tag , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

Lascia un tuo contributo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2017

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer, photographer and fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

Matteo Giardini

… un palcoscenico alla letteratura! ...

Cristina Merlo

Specialista in Relazioni di Aiuto: Counselor e Ipnotista

PRO LOCO VALLIO TERME

Promuoviamo il turismo a Vallio Terme eventi - sport - cultura - enogastronomia

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

The Naturist Page

Promoting social non-sexual Naturism & nudism

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: