Nudismo come tornasole


Ho dovuto occuparmi di storia negli ultimi mesi. Risultato: un libro che ho presentato lo scorso lunedì. Fra i libri consultati, anche le Sei lezioni sulla storia di Edward Carr, uno dei maggiori storici inglesi (noto per la sua Storia della Russia Sovietica). Notissime sono anche le sue Sei lezioni sulla storia tenute all’Università di Cambridge nel 1961, tradotte in Italia nel 1966 e più volte ristampate.

Nella prima di questa lezioni, dopo aver parlato della metodologia storica del liberalismo, fa un paragone interessante:

«Era l’età dell’innocenza, e gli storici vagavano per il giardino dell’Eden senza uno straccio di filosofia per coprirsi, ignudi e senza vergogna dinanzi al dio della storia. Dopo di allora, abbiamo conosciuto il Peccato e abbiamo vissuto l’esperienza della Caduta: e gli storici che, al giorno d’oggi, fingono di fare a meno di una filosofia della storia, cercano semplicemente di ricreare, con l’artificiosa ingenuità dei membri di una colonia nudista, il giardino dell’Eden in un parco di periferia. Oggi non possiamo più evitare di rispondere all’imbarazzante domanda.»

Durante la mia presentazione ho letto e commentato brevemente la citazione:

«Per tutto paradosso, proprio in una colonia di nudisti, magari uno vede che ha degli abiti mentali, degli abiti sociali, degli abiti comportamentali di cui non si rendeva conto, e di fronte ai quali il pudore è soltanto il primo dei molti veli che abbiamo.»

È la prima volta che parlo di nudismo in pubblico ai miei concittadini. La voce non mi tremava; mi è sfuggito solo un risolino prima delle parole colonia nudista, più per condividere col pubblico la stranezza del paragone e della parola stessa in un contesto importante.

Nessuno poi, alla fine, mi ha detto nulla in proposito. A me basta, pur facendo l’innocentino nel nascondermi dietro l’autorità accademica di Carr, aver buttato il mio sassolino.

La frequenza alle nostre escursioni, il cambiamento di mentalità avvenuto in questi ultimi anni, mi ha portato a parlare con naturalezza anche di situazioni che prima o avrei semplicemente evitato o, costretto, avrei espresso con evidente imbarazzo.

E proprio in questi giorni sul sito di Richard Foley (animatore del NEWT Naked European Walking Tour), per citare solo gli ultimi esempi, sono state postate due fotografie che esprimono in tutta evidenza l’indifferenza, la normalità, la naturalezza della convivenza e rispetto reciproco fra nudisti e non-nudisti. E soprattutto la possibilità di questa convivenza. È pur vero che la Germania non è l’Italia: ma nel nostro piccolo abbiamo avuto anche noi diverse occasioni e dimostrazioni che la convivenza e il reciproco rispetto sono tranquillamente possibili.

Il nudismo può esser considerato come la cartina al tornasole del livello di civiltà di una società, del diritto di ognuno di presentarsi come si vuole, senza che ci sia un “pubblico” che detta leggi di accettabilità, che imponga discriminazione anche sulle cose più futili come il colore dei calzini o la riga dei pantaloni, in nome di una “classe” che non è acqua. Infatti non è acqua, ma un sanbenito di penitenza e mortificazione. Se il nudismo può essere considerato come un ritorno ingenuo e illusorio allo stato di origine, mi chiedo che cosa ci sia di così maligno e perverso, di così contronatura e antisociale nell’innocenza edenica.

Escursionisti tedeschi nella Svizzera Sassone

Escursionisti tedeschi nella Svizzera Sassone

Durante un'escursione in Turingia

Durante un’escursione in Turingia

Informazioni su Vittorio Volpi

Mi interesso di lingue e di libri. Mi piace scoprire le potenzialità espressive della voce nella lettura ad alta voce. Devo aver avuto un qualche antenato nelle Isole Ionie della Grecia, in Dordogna o in Mongolia, sicuramente anche in Germania. Autori preferiti: Omero, Nikos Kazantzakis, Erwin Strittmatter e “pochi” altri. La foto del mio profilo mi ritrae a colloquio con un altro escursionista sulle creste attorno a Crocedomini: "zona di contatto"

Pubblicato il 21 dicembre 2016 su Motivazioni del nudismo. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 3 commenti.

  1. Evviva, finalmente siete tornati
    Buon Natale.
    Fausto

    Mi piace

  2. Le considerazioni migliori che passano il vaglio della pubblicazione sono poche quando manca la reale concretezza delle esperienze vissute. C’è sempre il pericolo di teorizzare, di generalizzare, di voler inquadrare il nuovo in una cornice familiare. Sinceramente preferisco andare allo sbaraglio, soprattutto quando mi sono evidenti i condizionamenti e le contraddizioni dentro di me. Finché un’idea non mi smuove, finché non ne vedo la necessità imprescindibile della pubblicazione, me la filo e rigiro in attesa che guadagni di grip. Solo allora le parole mi vengono facili e fluide. Tieni anche conto che non sono multitasking e che riesco a seguire (per quel che posso) solo una cosa per volta.
    Grazie per gli auguri, che contraccambio molto volentieri.

    Mi piace

Lascia un tuo contributo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2017

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer, photographer and fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

Matteo Giardini

… un palcoscenico alla letteratura! ...

Cristina Merlo

Specialista in Relazioni di Aiuto: Counselor e Ipnotista

PRO LOCO VALLIO TERME

Promuoviamo il turismo a Vallio Terme eventi - sport - cultura - enogastronomia

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

The Naturist Page

Promoting social non-sexual Naturism & nudism

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: