Leggi sul nudismo: meglio il nulla o il poco?


Nel nulla ci si può muovere (quasi) liberamente, nel poco la libertà di movimento è ridotta ai minimi termini e cambiare quel poco è di certo affare assai improbo.

Informazioni su Emanuele Cinelli

Insegno per passione e per scelta, ho iniziato nello sport e poi l'ho fatto anche nel lavoro. Mi piace scrivere, sia in prosa che in versi, per questo ho creato i miei due blog e collaboro da tempo con riviste elettroniche. Pratico molto lo sport e in particolare quelli che mi permettono di stare a contatto con Madre Natura e, seguendo i suoi insegnamenti, lasciar respirare il mio corpo e il mio spirito.

Pubblicato il 15 settembre 2018, in Giurisprudenza sul nudismo, Pensieri concisi con tag , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. in teoria e’ verissimo, ma e’ sempre possibile che nuove aree si aprano al nudismo, nuove spiagge, nuovi parchi, nuovi B&B con ettari di prati e boschi o perche’ no interi paesi o cittadine. Ed in questi luoghi ci si sente molto piu’ tranquilli. E’ pero’ vero che in paesi dove il nudismo non e’ reato mai, ci si puo’ permettere di praticarlo quasi ovunque. Vedi per esempio forteventura o altre isole spagnole e greche o in istria dove se passeggi nudo nei boschi o in spiaggia nessuno avra’ da ridire.

    "Mi piace"

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: