Archivio mensile:agosto 2022

E’ di tutti


“E’ di tutti” è una delle affermazioni più utilizzate nel contradditorio per affermare il diritto, a imporre una certa limitazione d’uso:

  • “La montagna è di tutti per cui tu non puoi chiedere impianti di risalita.”
  • “Gli animali sono di tutti per cui tu non puoi cacciarli.”
  • “I pesci sono di tutti per cui tu non puoi pescarli.”
  • “La natura è di tutti per cui tu non puoi sfruttarla.”
  • “La città è di tutti per cui tu non puoi girarci a dorso nudo.”
  • “Le fontane sono di tutti per cui tu non puoi farci il bagno.”
  • “La spiaggia è di tutti per cui tu non puoi starci nudo.”

Invero tutte le affermazioni sopra riportate sono delle contraddizioni belle e buone: se una cosa è di tutti vuol dire che ognuno ne deve poter usufruire e deve poterlo fare nel modo a lui più congeniale.

P.S. 1

Ovviamente non sto dicendo che si possa riempire la montagna di impianti di risalita, che si possano uccidere senza limite gli animali, che si possa sfruttare la natura fino al suo esaurimento, sto solo dicendo che è impossibile educare le persone al loro rispetto affermando che sono di tutti: bisogna usare altre argomentazioni, e che siano coerenti.

P.S. 2

Sto invece affermando che, proprio perchè sono di tutti e dato che si tratta di azioni che non limitano agli altri la fruizione degli stessi luoghi, è insensato impedire alle persone di girare a dorso nudo nelle città, di fare il bagno nelle fontane (cosa che avviene quasi ovunque e solo in Italia provoca rimostranze e divieti), di stare nudo in spiaggia (e in ogni alto pubblico luogo).

Vergogna del corpo? Risolvila!


Se questa foto ti provoca fastidio sei condizionato… chiediti perchè non spogliarsi e risponditi sinceramente.

Se in questa foto vedi solo i genitali sei sesso centrico… guarda oltre, concentrati sul resto del tuo corpo.

Se in questa foto vedi solo il nudo hai un cattivo rapporto con il tuo corpo… prova una giornata domestica senza vestiti.

Se questa foto ti lascia indifferente sei mentalmente normalizzato nei confronti del corpo nudo… passa ai fatti.

Se in questa foto vedi l’azione del cammino sei pronto a spogliarti… fallo.

Se in questa foto vedi la naturalezza, la semplicità, la libertà probabilmente ti sei già spogliato qualche volta… benissimo, rifallo con maggior frequenza.

Se in questa foto vedi l’armonia è quasi certo che già hai sperimentato la nudità sociale… bravo, continua così.

Se questa foto ti invoca sensazione di libertà, di salubrità, di normalità è palese che sei già normalizzato alla nudità sociale… ottimo, diventane un promotore.

In ogni caso seguimi: leggimi su questo mio blog e partecipa alle escursioni di VivAlpe.

Seminatori d’odio


Non fatevi ingannare e trascinare da coloro che si limitano a denigrare gli altri: se sanno fare solo quello è perchè non hanno idee da proporre e validi argomenti per supportarle.

Photo by Gerd Altmann on Pexels.com
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: