Archivi categoria: Aggiornamenti al blog

QuindiciDiciotto, ecco la prima scheda


Per cause di forza maggiore sto procedendo più a rilento degli anni passati, ma procedo, le località e le date sono definite, ho predisposto una nuova scheda di registrazione agli eventi unica per tutti su pagina a parte e ho realizzato la specifica locandina, ora sto lavorando alle schede descrittive delle varie uscite. Pubblicata poche ore addietro la prima, relativa a una interessantissima uscita a carattere culturale: visita al museo della Guerra Bianca di Temù.

Vi aspetto, vi aspettiamo numerosi!

Locandina QuindiciDiciotto 2016 600

I nostri riflettori


Perseguendo tenacemente la logica di “Zona di Contatto”, dopo esserci attivati su tutti i principali social network, già da qualche anno abbiamo creato anche collegamenti con alcuni siti di segnalazione di eventi, recentemente abbiamo creato nostri spazi all’interno di altri siti con una logica ancor più particolare: riflettono in automatico i nostri post su Twitter o anche quelli dei nostri contatti nello stesso social network. Oggi è stato infine aperto anche lo spazio in KissItaly, sito che si propone, fra altre cose e gli altri servizi, di far conoscere l’Italia e le sue bellezze naturali anche per mezzo dei suoi stessi utenti.

Sebbene i numeri e il consenso popolare siano ad oggi più che mai importanti per ottenere riconoscimento e spazio, scopo principale di tale azione non è il proselitismo ma piuttosto la comunicazione, da pari a pari, con la società nel suo insieme più largo. Superata l’esagerata e sostanzialmente inutile (per quanto accattivante) idea di un mondo di sole persone nude, rigettata l’inopportuna e deleteria idea di relegare la nudità all’interno di recinti (che anche se invisibili definiscono pur sempre un iniquo e irrispettoso ghetto sociale), abbracciata l’idea più logica, rispettosa e naturale di un abbigliamento sempre e comunque facoltativo, il nostro obiettivo è quello di fornire quell’ampia e giusta informazione che sola può creare conoscenza e indurre coscienza, le uniche due vie che possano determinare quell’evoluzione sociale atta a ridonare al corpo la sua dignità e la sua libertà, riportando il vestiario all’interno del ruolo per il quale è nato, che certo non è quello di nascondere il corpo alla vista altrui.

Ecco, in rigoroso elenco alfabetico, l’elenco dei riflettori che ad oggi abbiamo attivato, seguiranno altre segnalazioni man mano che ne attiveremo altri.

BresciaToday

Dipende-Today

Eventi-Brescia

Gialdini World

KissItaly

The Mondo Nudo Daily

The Tweeted Times

Orgogliosamente Nudi 2016, anticipazioni


Si dice che un progetto vada tenuto gelosamente custodito fino alla sua presentazione ufficiale e definitiva, ma le idee a cui sto lavorando sono, per me e a me, talmente belle e appassionanti che non mi riesce di tenerle segrete più a lungo di quanto abbia già fatto, visto che almeno due progetti sono ormai certi, eccovi pertanto un anticipo di quanto verrà preparato e proposto nel contesto del programma “Orgogliosamente Nudi” 2016, programma che sicuramente cambierà nome per meglio evidenziare quello a cui stiamo lavorando: non un mondo di sole persone necessariamente, obbligatoriamente nude, bensì un  mondo dove ognuno possa stare sempre e comunque come meglio desidera, dove il nudo sia visto per quello che è ossia un modo semplice, lecito e naturale di vestirsi.

IMG_7774“Sulle tracce della storia”
(titolo provvisorio)

Dato il periodo dei cento anni dalla Grande Guerra, anche noi c’inseriamo negli eventi di recupero della memoria storica e, dopo l’interesse notato in occasione dei tre incontri già avuti (uno lo scorso anno e due quest’anno) coi manufatti di guerra, proporremo una serie di escursioni finalizzate all’esplorazione delle linee difensive bresciane (dal Gavia al Lago di Garda, attraverso l’Adamello) relative alla Grande Guerra. Saranno uscite di uno o due giorni, di vario dislivello ma tutte prive di difficoltà tecniche più vicine all’arrampicata che all’escursionismo e pertanto accessibili a chiunque abbia un minimo di allenamento al cammino in montagna.

Lo zaino“Marcia del trentacinquesimo”
(titolo provvisorio)

 L’anno prossimo saranno trentacinque anni dall’inaugurazione del 3V, percorso a tappe lungo le creste a cavallo delle tre valli bresciane (Val Sabbia, Val Trompia e Valle Camonica) dedicato e intitolato a mio padre; ho ancora delle perplessità sulla durata in giorni del cammino, le tappe sarebbero nove, tipicamente viene fatto in sette giorni che sarebbero forse troppi per creare un bel gruppo. Dopo aver (quasi) scartato, per ovvi motivi, l’idea che più mi sarebbe piaciuta (farla in unica tratta continua, ovvero 2 giorni senza soste, abbassando le 52 ore di tabella a 48 ore di cammino, ma temo che sarei l’unico a partecipare, sebbene questo potrebbe dare un valore aggiunto all’evento e magari dargli un poco di evidenza mediatica), mi sto indirizzando verso i tre (17 ore di cammino die, dura ma non impossibile per un escursionista ben allenato), quattro (13 ore al giorno, meno dura ma comunque pur sempre accessibile solo a un escursionista ben allenato) o massimo cinque giorni (10 ore die, accessibile anche all’escursionista mediamente allenato, permetterebbe la sovrapposizione con la manifestazione in memoria fatta in Pezzeda, ma maggiori difficoltà organizzative e, credo, di partecipazione). Quasi certa, invece, l’intenzione di non appoggiarsi a strutture ricettive per le soste di tappa: vuole anche essere un’immersione nella natura e pertanto si dorme sotto le stelle.

Al duemila sedici allora, anzi, no, perchè non provate a venire con noi già nelle ultime residue e comunque ancora belle escursioni di quest’anno?

Vi aspetto, vi aspettiamo!

IMG_3960

 

Autointervista: Emanuele Cinelli


Al Passo di Blisie (Foto E. Cinelli)

Ormai tanti sono i siti che parlano di nudismo, ce n’è uno che si differenzia su tutti gli altri, parliamone con il suo ideatore e amministratore: Emanuele Cinelli.

MN – Emanuele, cosa è Mondo Nudo?

E – Beh, un blog!

MN – Si certo, ma ci sono tanti blog!

E – Hai ragione, allora diciamo che si tratta di un sito attraverso il quale posso dare libero sfogo alla mia passione per la scrittura, proponendo diversi argomenti così da soddisfare e coinvolgere un più vasto pubblico. Nel contempo mi mette alla prova facendomi sperimentare i diversi metodi di scrittura: educativa, didattica, informativa, analitica, logica, politica, creativa, poetica, eccetera.

MN – Rileviamo, però, una netta prevalenza degli articoli inerenti al nudismo.

Nudismo, scelta totalizzante

E – Si certo, è stata la base di partenza del blog ed è il fondamento del mio stile di vita, uno stile di vita per il quale ormai da diversi anni sono socialmente impegnato in prima persona, inizialmente come moderatore del sito de iNudisti, poi come suo amministratore, oggi principalmente come caporedattore della rivista elettronica collegata. Ovvio e naturale che questo condizioni in materia rilevante anche la vita di Mondo Nudo.

MN – Perché hai fondato Mondo Nudo?

E – Come detto lo stimolo iniziale è stato il nudismo. Erano già diversi anni che collaboravo attivamente con iNudisti e tale attività mi aveva permesso di acquisire un’ottima conoscenza del movimento nudista e delle relative risorse presenti su Internet. M’ero così reso conto che se all’estero molti erano i siti di vario genere inerenti al nudismo, in Italia oltre a iNudisti c’erano solo i siti collegati alle Associazioni Naturiste e qualche forum. Tra l’altro tutti questi avevano una limitazione intrinseca, invero presente anche nei siti esteri: si rivolgevano essenzialmente a chi già era nudista. Attraverso un’analisi logico-sociale delle varie maturazioni sociali, dei movimenti che nel tempo avevano portato a dei cambiamenti nella società (gli slip da bagno per l’uomo e il bikini per la donna, le minigonne, gli abiti scollati, il voto femminile, la parità dei diritti tra maschi e femmine, l’omosessualità e via dicendo) io avevo ormai da tempo percepito che non esiste successo senza il coinvolgimento degli ambienti esterni a quello specificamente inerente la causa in questione, indi se il movimento nudista voleva realmente ottenere credibilità e spazio doveva necessariamente coinvolgere anche chi nudista ancora non era ed è così che metto in piedi questo blog, per portare la voce nudista dentro la società non nudista.

MN – Quali sono gli obiettivi di Mondo Nudo?

IMG_3364E – Come si può intuire dal precedente discorso l’obiettivo primario è quello di coinvolgere chi non è nudista, quelli che per semplicità noi indichiamo come tessili, nella tematica nudista, nelle problematiche che la riguardano, nel processo di suo riconoscimento sociale, di rivendicazione dei nostri diritti, di acquisizione dello spazio che ci è dovuto. Parallelamente perseguo anche l’obiettivo più generale di evidenziare le principali contraddizioni, lassità, magagne della società odierna, in particolare italiana essendo mia deontologia parlare solo delle cose che conosco bene.

MN – Quanto tempo dedichi al tuo blog?

E – Tantissimo, gestire un blog non vuol dire solo scrivere gli articoli, ma vuol anche dire elaborane e mantenerne l’aspetto grafico, curarne la diffusione, vigilare sullo spam, controllare i commenti e rispondere. Inoltre se vuoi scrivere articoli interessanti e utili devi leggere tanto, devi tenerti costantemente informato, studiare l’arte dello scrivere e del comunicare ed è proprio quest’ultimo aspetto, quello dello studio, a cui da sempre ho dato il maggio spazio possibile e sempre più mi ci dedico con attenzione e dedizione: proprio per l’argomento che impronta il mio blog e per gli obiettivi prefissati, saper comunicare al meglio è fondamentale. Fortunatamente la comunicazione è parte preponderante anche del mio lavoro (il formatore aziendale e scolastico) per cui non devo rubare spazio all’uno per seguire l’altro.

MN – Interessante questo discorso della comunicazione, di preciso quali studi hai e stai facendo? Quali le logiche attorno alle quali ti stai muovendo?

gm6E – Beh, di base mi interesso a tutto ciò che riguarda la comunicazione, certo alcuni argomenti li reputo più importanti e adattai alle mie finalità. Innanzitutto ho studiato e studio la PNL (Programmazione Neuro Linguistica), area della comunicazione che mi ha permesso di perfezionare enormemente il mio modo di scrivere, di renderlo meno dispersivo e più efficiente. Poi seguo con particolare attenzione l’area della comunicazione assertiva. Infine darei evidenza agli studi della specificità della comunicazione on-line, apparentemente una variante della comunicazione in presenza, in realtà è cosa molto diversa a seguito dell’assenza del visivo e di conseguenza della mancanza dei segnali non verbali, segnali che nella comunicazione in presenza permettono di calibrare la trasmissione, di percepire la reazione, di ottenere un feedback anche se l’altro è poco loquace.

MN – E le logiche comunicative?

IMG_DSC7514E – Si, stavo arrivandoci. Per quanto riguarda le logiche comunicative i vari studi fatti mi hanno portato a trasformarmi considerevolmente nel mio modo di scrivere e percepire il mondo esterno, se prima tendevo ad essere aggressivo e lamentoso, ora ho capito che sono due atteggiamenti deleteri: non puoi coinvolgere gli altri se li metti subito all’angolo, se parti dall’accusarli di sbagliare, se inizi da te anziché da loro; per coinvolgere gli altri devi innanzitutto comprenderli, devi tener conto che non esiste una verità assoluta bensì esistono più verità, una per ogni testa come recita un antico proverbio bresciano (tante teste, tante crape). La PNL e l’assertività mi hanno insegnato come prima cosa che spesso è molto meglio porre delle domande che dare delle risposte, poi che è impossibile cambiare le persone, puoi solo tentare di indurle all’auto cambiamento e lo puoi fare solo se invece di opporre barriere alle loro idee, ai loro atteggiamenti, li dai per buoni e aggiungi a questi altre considerazioni positive e propositive. Ho anche compreso che se i tuoi scritti altro non fanno che lamentarsi alla fine la gente smette di seguirti, la gente ama lagnarsi ma è infastidita da chi si lagna sempre e comunque. Collegato a questo il discorso delle scuse. L’atteggiamento comune è quello di accusare gli altri per le cose che non vanno a se stessi, il movimento nudista non è immune a tale atteggiamento, anzi ne è fortemente condizionato. Visto che spesso quegli altri che tu accusi fanno lo stesso con te, finisce che ognuno resta sulle sue posizioni e nessuno cresce, nessuno ottiene quei cambiamenti che desidererebbe ottenere e di cui lamenta l’assenza. Se, al contrario, invece di accusare gli altri, si prova a partire da se stessi, a chiedersi cosa (non) ho fatto io perché le cose siano diverse, cosa posso fare perché cambino, ecco che allora per emulazione anche gli altri tenderanno a fare lo stesso e si potrà addivenire al cambiamento, sia esso personale che sociale. Certo non è facile mettere in partica tutti questi insegnamenti, ma ci si prova e pian piano ci si riesce.

MN – Grazie Emanuele per la chiacchierata e a presto.

Chiare, dolci, fresche acque (Foto Marco)

E – A presto anche a te Mondo Nudo e a presto a tutti i miei fedeli lettori nella speranza che aumentino sempre più e che si convincano che il nudismo è molto più che un modo di prendere il sole, il nudismo è un’evoluzione sociale che coinvolge tutti gli aspetti della vita sociale, da quelli individuali, quali la salute, l’economia e via dicendo, a quelli comunitari, quali l’ecologia, il rispetto, la maturazione, eccetera. La società ha bisogno del nudismo ed è pertanto prioritario sostenere la causa nudista, far sì che il nudo torni ad essere soltanto uno stato naturale dell’uomo e della donna, che la malattia dell’irrefrenabile fastidio del nudo, dell’inaccettabilità del nudo pubblico possa scomparire. Prioritario!

Chi siamo!


Ci mancava questa pagina, specie ora che abbiamo una buona costante di lettura giornaliera e siamo lanciati verso il traguardo delle centomila pagine lette in un anno, e allora, da ideatore e amministratore del blog, ho provveduto. L’ho fatto in modo diverso dal solito, l’ho fatto in modo da ringraziare coloro che mi aiutano in vario modo, l’ho fatto scrivendo io stesso le presentazioni di ogni collaboratore allievandoli da un compito ingrato e spesso sofferto.

Chi siamo.

Grazie a tutti!

Ora avete modo di conoscerci un poco di più 🙂

082

Spariti da Facebook!


La pagina Mondo Nudo è sparita da Facebook, e con essa quella di “Zona di Contatto”, è sparito anche il mio profilo personale e con esso sono svaniti nel nulla tutti i miei messaggi diretti e i miei post. Perchè?

Semplicemente perchè qualcuno ha segnalato come inappropriata la locandina del Raduno Nazionale 2015 de iNudisti (la vedete sotto), una locandina che sul mio profilo era stata pubblicata in visione limitata e questo vuol dire che chi l’ha segnalata è nella mia lista contatti di Facebook.

Locandina2rid

Ma non è tutto qui, quel qualcuno pare essersi preso cura di segnalarmi anche come spammer e/o come fake oppure Facebook stesso si è preso la libertà di ritenermi tale, per cui, sebbene fosse per chiunque, indi tanto più per lo staff di Facebook, facile appurare chi sono e che non sono ne spammer ne falso, ecco la sparizione dei miei messaggi (che mi hanno detto essere sostituiti dalla dicitura “spam”) e la sparizione del profilo, per la quale mi è  stato richiesto d’inviare dei documenti che attestino la mia vera identità, peccato che non abbiano accettato la scansione della Carta d’Identità considerata documento non valido. Forse perchè era una scansione, va beh, ci potrebbe stare (anche se la stessa mi era stata accettata in diversi uffici pubblici e in altre occasioni), stamattina ho inviato, come da loro istruzioni, le foto della Carta d’Identità e di me stesso con in mano la carta… la riposta che è arrivata or ora è, come potete vedere dall’immagine sotto, che non riconoscono valido il mio documento d’identità, il profilo resterà chiuso fino all’invio di un documento valido  però…. caso chiuso e non ho più modo di comunicare con loro!

Profilo irrimediabilmente chiuso e perso perchè evidentemente è quello che volevano visto che non possono disconoscere la validità di un documento d’identità rilasciato da un comune italiano, come, per altro, risulta dalle loro stesse istruzioni.

Fanculo Facebook, mi spiace solo per i contatti persi, per non poter chiudere il profilo e per le pagine da me create  che resteranno aperte e nessuno potrà chiuderle.

Aggiungo alcune considerazioni:

  • la foto in questione mostra si persone nude ma alla risoluzione in cui appare sul profilo FB i genitali risultano solo intuibili, tant’è che il filtro automatico di Facebook non l’aveva intercettata e censurata;
  • la foto era pubblicata con forti limitazioni alla visione, indi non era pubblica e non poteva apportare danni d’immagine a Facebook ne disturbare potenziali sponsor
  • un social network non è paragonabile a un forum, ma piuttosto a una casa in affitto e non mi risulta che ci siano proprietari che, nel stipulare un contratto d’affitto, impongano regole agli inquilini sul come gli stessi debbano viverci e presentarsi all’interno dell’appartamento;
  • a che pro metti a disposizione strumenti per limitare la visione dei post a chi pubblica e anche a chi riceve se poi questi strumenti vengono ignorati
  • ho una lunga esperienza in moderazione e amministrazione di comunità e sempre, prima di dare seguito ad una segnalazione con provvedimenti disciplinari, ci si preoccupa di vedere chi è il segnalatore, chi è il segnalato, ci sono sufficienti garanzie sull’attendibilità della segnalazione, può la segnalazione essere stata fatta per ripicca e via dicendo;
  • sempre i provvedimenti seguono la valutazione e mai la anticipano, vedasi la questione della verifica sulla veridicità della mia persona: profilo e messaggi non possono, e uso appositamente il possono, essere mascherati solo sull’ipotesi di una falsa identità di chi li ha generati (che per altro era nel mio caso facilmente verificabile come ipotesi sibillina e falsa);
  • infine, ma che ci resti a fare tra i miei contatti se ti infastidiscono i mie post (è già la terza foto che viene segnalata e sono quasi certo che si tratta della stessa persona), vattene fuori dai piedi o sporco pervertito. Si, pervertito, perchè chi risulta tanto infastidito dalla visione di corpi nudi è matematicamente un potenziale o materiale pervertito: perversione e malizia sono sempre nella testa di chi le vede; chi abbina a certe scene o condizioni solo e sempre perversione e malizia è perchè per LUI quelle cose possono essere solo perversione e malizia, perchè LUI le attuerebbe solo per perversione e malizia.

Ah, ultima cosa, le regole sono regole! Si vero ma quando lo stesso che le ha create le applica a sua discrezione (ho già dimostrato che ci sono migliaia di immagini pornografiche che non vengono censurate, ho già dimostrato che ci sono perfino pagine pornografiche che risultano sponsor di Facebook) decade ogni impegno morale al loro rispetto e poi… intanto le regole non sono entità rigide e irremovibili ma vanno necessariamente cambiate nel tempo e poi quando le regole sono inique, ingiuste e/o inadeguate c’è l’obbligo morale a disconoscercele e combatterle!

Addio 2012!


Un bel 2012 per questo mio blog: quintuplicate le pagine viste, acquisiti diversi follower, ottenuto riscontri positivi, aumentata per bene la copertura mondiale e, ultimo ma non ultimo, registrata la visita da parte di importanti personalità della comunità naturista e nudista, ma anche di quella tessile.

Ringrazio tutti quelli che così amabilmente mi seguite con costanza, tutti i lettori occasionali, spero possiate diventare miei stabili compagni, ma anche coloro che hanno solo dato un’occhiata per fuggire via “terrorizzati”… spero possiate aver comunque ottenuto qualcosa, magari il seme del dubbio su quello che ritenete uno stile di vita inopportuno e improponibile: quando volete io sono qui pronto ad accogliervi e ad accompagnarvi alla scoperta del nudismo, vi assicuro che non ve ne pentirete!

Ecco i report dettagliati sui risultati di questo splendido 2012 (mancano ancora 4 ore e mezza alla mezzanotte ma, come capirete, non le voglio passare qui al computer quindi …

Cliccare sulle immagini per una visione migliore.

Grazieeeeeeeee

Visite 2012 per mese

Schema della progressione visite nell’anno

Tabelle delle visite

Numero di visite mensili e medie giornaliere

Copertura sul mondo

Visualizzazione degli stati da cui sono arrivate visite al blog

I migliori articoli

Classifica degli articoli (e pagine) più visitati

🙂 Benvenuto 2013 🙂

2012 in review


Invero l’anno non è ancora finito per cui, intanto, cari lettori, prendetevi questo resoconto automatico generato dai folletti delle statistiche di WordPress.com, in tarda serata pubblicherò un mio report con i dati più precisi.

Ecco un estratto:

4,329 films were submitted to the 2012 Cannes Film Festival. This blog had 30.000 views in 2012. If each view were a film, this blog would power 7 Film Festivals

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Aggiornamento


Aggiornata la pagina dei link!

MOUNTAIN SOUND

LA' DOVE VIVONO GLI ANIMALI - MATTIA DECIO PHOTOGRAPHER

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2017

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer, photographer and fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

GUIDAXG

La guida agli eventi per giovani menti

Matteo Giardini

… un palcoscenico alla letteratura! ...

Cristina Merlo

Counselor e Ipnotista

PRO LOCO VALLIO TERME

Promuoviamo il turismo a Vallio Terme eventi - sport - cultura - enogastronomia

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

The Naturist Page

Promoting social non-sexual Naturism & nudism

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: