04/02 – Anello del Selvaplana (Sopraponte – BS)


Una stretta lingua montuosa separa la bassa Val Sabbia dalle prime avvisaglie della Pianura Padana alzandosi sopra le case di Sopraponte, frazione di Gavardo, e Villanuova sul Clisi. La sua cresta sommatile forma tre punte, due minori agli opposti estremi, una più evidente al centro ed è proprio quest’ultima la meta di questo anello, un itinerario la cui prerogativa principale è quella di portarci a percorrere sentieri e mulattiere dal fascino antico.


Partendo dalla piazza di Sopraponte il percorso subito s’innalza ripido attraversando la parte alta del paese che poi abbandona provvisoriamente, infatti dopo un largo giro torna a costeggiarne le ultime case per risalire alla strada di Magno che segue brevemente. Ora prende con decisione la via del monte al cui crinale sommitale perviene dopo aver attraversato una zona di bucolici prati e relative cascine. Pochi metri di sterrato, circondati da diverse antenne ripetitrici, portano alla vetta.

I cascinali e i bucolici prati poco sotto la vetta del Selvaplana.

La vetta del Monte Selvaplana.

La discesa si avvia sull’opposto lato del crinale di vetta per presto volgere decisamente e riprendere la direzione delle cascine incontrate in salita fino a trovare e seguire una ripidissima traccia che direttamente scende verso il punto di partenza. Passati due capanni di caccia una vecchia simpatica mulattiera, ormai a tratti trasformata in rotto sentiero, con lungo diagonale riporta verso est a prendere una strada sterrata che con largo giro si abbassa e riporta a ovest. Abbandonata la sterrata un’altra vecchia mulattiera riporta sopra l’abitato di Villanuova al quale si scende per seguire la ciclabile che, costeggiando il largo e placido fiume Chiese sulle cui sponde è spesso possibile vedere l’Airone Cinerino e altri uccelli che prediligono le zone umide, con comoda e simpatica passeggiata porta a Sopraponte.

Arrivo a Villanuova sul Clisi e inizio della Strada Romana.

Strada Romana, prati e fiume Chiese.

L’Airone che staziona in zona.

Dati tecnici

Itinerario (clicca per visualizzare la traccia dinamica e scaricare rotta GPS): Piazza Giuseppe Anderloni a Sopraponte – Via Vrenda – Via Villa – Via della Pace – Via Sant’Antonio – Località Quarena – Via Sant’Antonio – Monte Selvaplana – Prandaglio – Berniga – Villanuova Via Monte Magno – Via Romana – Piazza Giuseppe Anderloni a Sopraponte

Entrando il Sopraponte si può vedere quasi l’intero giro: salita per lo sperone centrale, discesa per quello di destra.

Quota di partenza: 208 m

Quota massima: 964 m

Quota minima: 205 m

Lunghezza del percorso (piana): 12 km

Dislivello totale (approssimativo): 853 m in salita e 853 m in discesa

Difficoltà (vedi spiegazione): E3P

Tempo di cammino standard: 5 ore

Tempo di cammino Mondo Nudo: 6 ore

Tempo di sosta: 30 minuti varie + 30 minuti pranzo = 1 ora

Durata dell’escursione soste comprese: 7 ore

Equipaggiamento consigliato

Maglia pesante a maniche lunghe, pantaloni da trail o escursione, giacca pesante, eventuale giacca da pioggia (da valutarsi in ragione delle previsioni meteo), berretto, fascia con paraorecchie, calze, scarpe da trail o escursione, thermos con infuso caldo, un litro di acqua, viveri a proprio bisogno (pranzo al sacco), zaino.

Nudo

Data la stagione invernale e la bassa quota che non permette di sperare sull’inversione termica e su un minore effetto filtrante dell’atmosfera, probabilmente si dovrà restare vestiti per tutto il tragitto, d’altra parte, anche in ragione dell’esposizione a sud, è pur sempre possibile ipotizzare una giornata adeguatamente tiepida nel qual caso buona parte del percorso (da quando di lascia via Sant’Antonio dopo l’attraversamento di Quarena a poco prima dell’arrivo in Villanuova), risultando poco frequentata, ben si presta alla fruizione della libertà, ovvero alla normalità del nudo.

Come sempre se la temperatura lo permette la sosta pranzo verrà effettuata in posizione adeguata al mettersi a nudo.

Dati di viaggio

Ritrovo a destinazione (si raccomanda la massima puntualità e di arrivare a posto con la colazione): ore 08:45 Piazza Giuseppe Anderloni a Sopraponte di Gavardo; il parcheggio qui collocato è quasi sempre pieno, ma si può parcheggiare lungo la strada di accesso (via Terni) o poco più avanti il parcheggio lungo la strada che costeggia il Chiese (spiazzo sterrato in località Costa).

Tabella di marcia (indicativa)

Inizio escursione (ritardo massimo 10 minuti): ore 09:00

Punto di passaggio Orario psg.
 Partenza parcheggio auto  09:00
 Località Quarena  10:00
 Monte Selvaplana  12:15
 Sosta pranzo – ripartenza  12:45
 Prandaglio  14:20
 Villanuova sul Clisi  15:20
 Arrivo parcheggio auto  16:00

N.B.

VivAlpe non è un programma escursionistico organizzato, ma solo la pubblica condivisone di escursioni al fine di promuovere la normalità del nudo anche nell’ambito escursionistico. Detto questo, resta comunque inteso che la finalità principale è quella escursionistica, il nudo (non obbligatorio; accettiamo ben volentieri la presenza di amici che preferiscono restare vestiti) verrà attuato solo quando possibile.

Per partecipare

  1. Se ancora non vi siete registrati tra gli Amici di Mondo Nudo innanzitutto compilate questo modulo, via e-mail riceverete conferma della registrazione (tenete d’occhio anche la posta indesiderata). Se prima di registrarvi volete partecipare a una o due escursioni per conoscerci a noi sta bene, ma non potremo contattarvi per eventuali segnalazioni sull’uscita (sospensioni, modifiche, eccetera).
  2. Entro la sera del venerdì che precede l’evento compilate e inviate l’apposito modulo, se vi siete registrati tra gli Amici di Mondo Nudo riceverete conferma per e-mail.

Informazioni su Emanuele Cinelli

Insegno per passione e per scelta, ho iniziato nello sport e poi l'ho fatto anche nel lavoro. Mi piace scrivere, sia in prosa che in versi, per questo ho creato i miei due blog e collaboro da tempo con riviste elettroniche. Pratico molto lo sport e in particolare quelli che mi permettono di stare a contatto con Madre Natura e, seguendo i suoi insegnamenti, lasciar respirare il mio corpo e il mio spirito.

Pubblicato il 1 ottobre 2017. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Lascia un tuo contributo

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Interferenze

“Walk in the mashup side!"

Vita a Lou Don

La vita quotidiana di una borgata alpina dal punto di vista dei suoi unici abitanti

ARDRONINO

Quadricottero con Arduino

El eurociudadano nudista

... eta nik txoria nuen maite ...

mamá nudista

Vivencias y opiniones desde mi condición de mujer, madre, nudista y humana

Freekat2

Finding My Way, Trusting My Path, Sharing My Journey

MOUNTAIN SOUND

LA' DOVE VIVONO GLI ANIMALI - MATTIA DECIO PHOTOGRAPHER

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2018

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer // photographer // fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

GUIDAXG

La guida agli eventi per giovani menti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: