05/08 – Festa del Rifugio Prandini (Braone – BS)


A seguito di una revisione di vari articoli del blog, in particolare questi sulla Val Braone, ho rilevato passaggi scritti in una forma che ha dato adito a fraintendimenti per cui ho provveduto a riscrivere questi passaggi meglio esprimendo cosa si voleva invero intendere.

Rifugio Prandini

L’inestimabile accoglienza che offre questa zona, con un rifugio splendidamente gestito e una comunità che collabora al suo mantenimento, la simpatia degli abitanti della zona che abbiamo conosciuto e del pastore che occupa le due malghe delle Foppe di Braone, già tempo addietro ci aveva indotti a manifestare la nostra gratitudine presenziando alla festa per l’anniversario di costruzione del detto rifugio, oltre che a reiterare nella nostra presenza in zona.

Quest’anno, avendo i nostri amici più attivi tutti già visitato la valle almeno una volta, non riproponiamo, nell’ambito del programma di VivAlpe (potrebbe essere che lo si organizzi comunque al di fuori di tale programma con accordi diretti tra gli interessati), il soggiorno di più giorni al rifugio, rinnoviamo, comunque, la nostra presenza alla sua festa. La nostra speranza è che si possa riprendere e perfezionare il dialogo motivazionale spontaneamente avviatosi durante la nostra presenza alla festa 2017, un dialogo che, forse anche a seguito di un forte temporale, non era poi evoluto in azioni pratiche. Ovviamente non saremo noi a insistere sulla questione, quest’anno, però, confidiamo che, almeno per alcuni dei presenti, il dialogo possa trasformarsi in vera esperienza pratica per la quale, certi di ottenere risultati sorprendenti e positivi, saremmo ben felici di fare da mentori e accompagnatori. Per facilitare la trasformazione ed avere il tempo necessario a supportarla si propone una salita di primissimo mattino e un rientro a tardo pomeriggio; la presenza di un bel gruppo di persone, magari comprensivo di qualche famiglia con figli giovani (abituati a camminare in montagna), di certo sarebbe un traino importantissimo.

L’itinerario prende l’avvio dalla strada asfaltata della Val Paghera in prossimità del bivio per le Case di Scalassone, che, a piedi, si raggiungono e oltrepassano per portarsi sull’altro versante della valle. Presa una mulattiera con vari tornanti si risale ripidamente nel bel bosco sottopassando alcune cascate.

DSC06531

Passaggio sul sentiero delle cascate

Dopo aver risalito all’incirca quattrocento metri di dislivello, la traccia riporta in destra orografica e rientra sulla mulattiera principale. Per questa, alternando tratti sostanzialmente piani ad altri di salita più o meno accentuata ma mai notevole la traccia si alza di altri trecento metri e perviene alla piana delle Foppe di Sotto.

Foppe di Braone Basse

Risalendo i verdi e sostanzialmente pianeggianti pascoli magri, il percorso oltrepassa l’omonima malga e riprende a salire per superare l’ultimo ripido salto, sopra il quale ha collocazione il rifugio Prandini.

Rifugio Prandini al completo

Eriofori nella conca antistante il rifugio

Numerosi Rododendri circondano il rifugio

La discesa segue lo stesso percorso della salita senza la deviazione per le cascate, ovvero seguendo la mulattiera principale che si mantiene, sul salto inferiore, costantemente in destra orografica della valle.

La parte più bassa della Valle di Braone, al centro le Foppe di Braone Basse

Dati tecnici

Itinerario (clicca per visualizzare la traccia dinamica e scaricare rotta GPS: salitadiscesa): Strada della Val Paghera – Case di Scalassone – Sentiero delle Cascate – Foppe Basse di Braone – Rifugio Prandini – Foppe Basse di Braone – Case di Scalassone – Strada della Val Paghera

Quota di partenza: 1022 m

Quota massima: 1959 m

Quota minima: 1022 m

Lunghezza del percorso (piana): 12 km + eventuale escursione educativa intorno al rifugio

Dislivello totale (approssimativo): 940 m in salita e 940 m in discesa

Difficoltà (vedi spiegazione): E3P

Tempo di cammino standard: 6 ore

Tempo di cammino Mondo Nudo: 7 ore + eventuale escursione educativa intorno al rifugio

Tempo di sosta: 3 ore pranzo (organizzato dalla gestione del rifugio Prandini, a base di pasta e carne, in comunione con tutti i partecipanti alla festa)

Durata dell’escursione soste comprese: 10 ore

Equipaggiamento consigliato

Maglia pesante a maniche lunghe, maglia leggera a maniche corte ( o a canottiera), pantaloni da trail o escursione, pantaloncini, minipareo, giacca pesante, eventuale giacca da pioggia (da valutarsi in ragione delle previsioni meteo), berretto, calze, scarpe da trail o escursione, un litro di acqua, zaino.

Nudo

Trattasi di percorso che già più volte abbiamo fatto nudi, anche per l’intero tragitto, data la giornata specifica, però, con l’eccezione forse del solo tratto del sentiero delle cascate, ci potremmo facilmente trovare sovrapposti ad altri gruppi che salgono per la festa del rifugio. In teoria costoro dovrebbero quasi tutti conoscerci e potrebbe forse essere possibile gestire la situazione in modo a noi favorevole, d’altra parte è forse ancora troppo presto per questo per cui la salita è stata proposta ad un orario dove tale evenienza si dovrebbe ridurre pressoché a zero e permetterci di camminare in libertà con continuità e per lungo tempo. Per la discesa si vedrà come evolvono le cose durante la nostra permanenza alla manifestazione, sarebbe bello che il dialogo evolvesse talmente da coinvolgere gli altri e portare ad un rientro comune con noi, e magari anche altri, nudi. Comunque, scendendo nel tardo pomeriggio, ci potremo sempre mettere in coda a tutti e così poter stare nudi.

Per questa specifica occasione il pranzo, al fine di favorire il dialogo con gli altri presenti, verrà effettuato fruendo dell’organizzazione del rifugio e pertanto, salvo eventuale poco sperabile dispensa, sarà vestito.

Dati di viaggio

Ritrovo principale (si raccomanda la massima puntualità e di arrivare a posto con la colazione: durante il trasferimento in auto non si fanno soste intermedie): ore 04:30 al parcheggio poco sotto la superstrada del lago d’Iseo all’uscita di Sulzano nell’abitato di Tassano, via Tassano – Sulzano (BS)

Partenza dal ritrovo principale (ritardo massimo 5 minuti): ore 04:40

Ritrovo a destinazione (si raccomanda la massima puntualità e di arrivare a posto con la colazione): ore 05:45 al parcheggio sulla strada di Val Paghera posto appena prima del terzo tornante dopo le case Laven in corrispondenza della stradina che a destra sale alle Case di Scalassone – Ceto (BS)

Dato lo spazio limitato per il parcheggio e la strada stretta e rovinata, se dovessimo essere numerosi aggiungeremo un ritrovo intermedio a Ceto dove lasciare qualche autovettura, si avviseranno i diretti interessati qualche giorno prima dell’uscita.

Tabella di marcia (indicativa)

Inizio escursione (ritardo massimo 10 minuti): ore 06:00

Punto di passaggio Orario psg.
Partenza parcheggio auto 06:00
Inizio sentiero delle Cascate 06:20
Inizio Foppe Basse di Braone 08:00
Rifugio Prandini 09:00
Sosta socializzante e pranzo – ripartenza 16:00
Malga Foppe Basse di Braone 16:30
Case di Scalassone 17:45
Arrivo parcheggio auto 18:00

N.B.

VivAlpe non è un programma escursionistico organizzato, ma solo la pubblica condivisone di escursioni al fine di promuovere la normalità del nudo anche nell’ambito escursionistico. Detto questo, resta comunque inteso che la finalità principale è quella escursionistica, il nudo (non obbligatorio; accettiamo ben volentieri la presenza di amici che preferiscono restare vestiti) verrà attuato solo quando possibile.

Per partecipare

  1. Se ancora non vi siete registrati tra gli Amici di Mondo Nudo innanzitutto compilate questo modulo, via e-mail riceverete conferma della registrazione (tenete d’occhio anche la posta indesiderata). Se prima di registrarvi volete partecipare a una o due escursioni per conoscerci a noi sta bene, ma non potremo contattarvi per eventuali segnalazioni sull’uscita (sospensioni, modifiche, eccetera).
  2. Dovendo prenotare il pranzo in questa occasione bisogna segnalare la propria presenza con almeno 10 giorni di anticipo, entro le ore 24 di venerdì 27 luglio compilate e inviate l’apposito modulo, se vi siete registrati tra gli Amici di Mondo Nudo riceverete conferma per e-mail.

Informazioni su Emanuele Cinelli

Insegno per passione e per scelta, ho iniziato nello sport e poi l'ho fatto anche nel lavoro. Mi piace scrivere, sia in prosa che in versi, per questo ho creato i miei tre blog e collaboro da tempo con riviste elettroniche. Pratico molto lo sport, in particolare quelli che mi permettono di stare a contatto con la natura, seguendo i suoi insegnamenti ho imparato a lasciar respirare il mio corpo e il mio spirito.

Pubblicato il 2 ottobre 2017. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Un blog non è un forum ma un ambiente di lettura, i commenti devono essere coerenti al tema della pagina, concisi e non reiterativi.

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: