Rifugio Prandini, Braone (BS)


A seguito di una revisione di vari articoli del blog, in particolare questi sulla Val Braone, ho rilevato passaggi scritti in una forma che ha dato adito a fraintendimenti per cui ho provveduto a riscrivere questi passaggi meglio esprimendo cosa si voleva invero intendere.

7 agosto 2016

IMG_7164.jpgRiconoscenti per la cura con cui chi di dovere accudisce a questo rifugio e alla valle che lo circonda. ammirati per la splendida accoglienza riservataci da coloro che hanno avuto occasione di incontrarci lungo i sentieri e le strade della zona, anche quest’anno saliremo a questo rifugio e presenzieremo alla simpatica festa in memoria della sua inaugurazione.

La Valle di Braone è un piccolo gioiello all’interno del grande gruppo alpino dell’Adamello e del relativo parco. Vicinissima a zone ampiamente antropizzate o di notevole frequentazione, come ad esempio il Rifugio Tita Secchi al Lago della Vacca, questa valle sa donare al visitatore il piacere della solitudine e della tranquillità. Diversi i percorsi che vi si possono effettuare, tutti sostanzialmente semplici, tutti ampiamente ripaganti la fatica del lungo avvicinamento.

In questa occasione, trattandosi del programma QuindiciDiciotto, saliremo percorrendo la vecchia mulattiera militare, emblematico esempio dell’immane lavoro svolto dagli alpini anche nelle retrovie.

Relazioni e foto delle precedenti escursioni in zona.

Per partecipare avvisate della vostra presenza mediante gli appositi moduli:

Dati tecnici

Itinerario: Case Faet in Val Pagherà di Ceto – Case Scalassone – Sentiero 38 – Mulattiera militare delle Somale di Braone – Rifugio Gheza – Rifugio Prandini – sosta per la festa e il pranzo – Foppe di Sotto – Sentiero 38A delle Cascate – Case Scalassone – Case Faet

Lunghezza del percorso (in proiezione piana): ca 10km

Dislivello totale: 1034m

Difficoltà (vedi spiegazione): EE4Cf (critico per la forte esposizione su ripidi prati un bel tratto della mulattiera militare nella sua parte finale prima di uscire sui pascoli che sovrastano il rifugio Gheza; chi non se la sentisse potrà comunque salire per il sentiero normale)

Durata dell’escursione: 7 ore (4 + 3) più la sosta festa e pranzo (ca 3 ore).

Inizio escursione: ore 07.30

Quota di partenza e quota minima: 1066m

Quota massima: 2100m

Equipaggiamento: abbigliamento base da montagna, maglione, giacca antivento/pioggia, berretto, crema solare, scarpe da corsa in montagna o pedule da montagna, zaino, acqua a proprio bisogno, viveri non necessari (pranzo al rifugio).

Ritrovo principale: alle ore 05.45 nel piazzale dello stadio di Iseo (lato ovest)

Ritrovo alternativo: ore 06.45 al parcheggio posto all’ingresso dell’abitato di Ceto in Val Camonica (BS)

Ritrovo a destinazione: alle ore 07.15 alla diramazione della strada per le Case di Scalassone sulla strada della Val Paghera poco dopo le Case Faet (varie sebbene limitate possibilità di parcheggio)

Informazioni su Emanuele Cinelli

Insegno per passione e per scelta, ho iniziato nello sport e poi l'ho fatto anche nel lavoro. Mi piace scrivere, sia in prosa che in versi, per questo ho creato i miei tre blog e collaboro da tempo con riviste elettroniche. Pratico molto lo sport, in particolare quelli che mi permettono di stare a contatto con la natura, seguendo i suoi insegnamenti ho imparato a lasciar respirare il mio corpo e il mio spirito.

Pubblicato il 7 febbraio 2016. Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Un blog non è un forum ma un ambiente di lettura, i commenti devono essere coerenti al tema della pagina, concisi e non reiterativi.

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: