Archivi Blog

Fotografare il nudismo


IMG_0635Tema assai dibattuto quello del rapporto tra nudismo e fotografie, le posizioni vanno dall’assolutismo negazionale al libertismo totalizzante. Come sempre rifuggo dalle posizioni estremistiche e preferisco usare la logica e l’intelletto.

Dobbiamo necessariamente partire da alcune premesse…

  1. Il nudismo è mettersi nudi per il solo ed esclusivo piacere di esserlo, una fine esigenza conseguenziale al recupero della elevata sensibilità epidermica propria dell’infante e che ci viene poi estirpata mediante la costrizione famigliare, scolastica e sociale all’abbigliamento.
  2. Per un nudista tutte le parti del corpo hanno la stessa identica nobiltà, sono analogamente pulite, tutte meritano la stessa attenzione e tutte hanno il diritto di fruire dello stesso livello di libertà ed esposizione ai quattro elementi naturali: aria, terra, acqua e fuoco (questo ovviamente da intendersi come sole, luce e calore).
  3. Vivendo nudi si scopre che, fatte salve pochissime eccezioni, qualsiasi attività umana può essere svolta in nudità, al massimo ricorrendo solo ad alcune protezioni, i così detti Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), come d’altra parte è in questi casi necessario fare anche da vestiti.
  4. Come tutte le persone anche il nudista gradisce fissare ricordi ed emozioni; come tutti anche il nudista gioisce nel condividere con altri i propri ricordi e le proprie emozioni.
  5. Un nudista è una persona normale, che vive normalmente come qualsiasi altra persona, che pensa e agisce come fanno tutti, fatto salvo che preferisce abbigliarsi con la sola sua pelle.

Normale… Normalmente … Normalità.

montagna_nuda2Normalità, ecco la parola chiave che deve incardinare tutti i nostri ragionamenti, anche quelli che riguardano il nudismo, anche il rapporto tra nudismo e fotografia. Allora: si fotografa il nudismo?

Certo che si!

Avete mai visto un sito di motociclismo senza foto di motociclisti? Avete mai visto un sito di alpinismo senza foto di alpinisti? Avete mai visto un sito di cucina senza foto di cuochi? Chi segue, ammesso che esista, regolarmente un sito senza immagini? Le regole stesse della comunicazione indicano che le immagini sono, se non proprio indispensabili, comunque fondamentali: il successo di una comunicazione, di un articolo, di un libro, di un sito, sono direttamente proporzionali alla quantità di immagini che li accompagnano.

Chi entra in un sito palesemente nudista, vuoi per il nome del sito, vuoi per le dichiarazioni presenti nella home page, vuoi per ambedue le cose, non può poi lamentarsi se incappa in immagini di persone nude.

Palesato che non ha senso, né dal punto di vista logico né da quello tecnico, un sito nudista senza foto di nudismo e, quindi, di nudisti, la domanda che ora ci facciamo è: come si fotografa il nudismo?

IMG_3769Normalmente!

L’unica risposta possibile è proprio questa: il nudismo va fotografato così come si fotografa qualsiasi altra attività sociale, il nudista si fotografa così come fanno tutte le altre persone.

Avete mai visto un album fotografico di persone in costume che si mettono le mani davanti ai genitali per nasconderne il bozzo? Avete mai visto fotografie di pallavoliste che giocano tenendo le gambe strette per non far vedere il solco della vulva ricalcato dai braghini? Avete mai visto, sempre con riferimento all’ambito tessile, delle foto prese dal basso in qualche modo mascherate per non mostrare i segni esteriori dei genitali? Avete mai percepito in un qualunque album fotografico tessile la rinuncia ad alcune direzioni nell’inquadratura o ad alcune posizioni del soggetto?

Normalità!

Un nudismo senza normalità assume le parvenze del bambino che ruba la marmellata dalla credenza. La foto di nudismo senza normalità esprime quello che esprime il bambino di cui sopra quando viene colto in fallo. Un sito nudista senza normalità appare come il reo che confessa la sua colpa.

Normalità!

Normalità è la parola chiave per tutto e per tutti, nudismo compreso.

Normalità! In tutto e per tutto.

Normalità!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: