Archivi Blog

Orgogliosamente Nudi 2014


Ammissibile che ognuno abbia le proprie idee in merito alla nudità più o meno pubblica; tollerabile l’essere più o meno d’accordo con la pratica del nudismo; inopinabile, però, che senza sperimentazione diretta esista solo il sentito dire, ovvero l’incertezza se non la tenebra più scura, con l’inevitabile conseguenza di poter formulare solo opinioni infondate o, al massimo, poco fondate.

Il saggio non è colui che sa tutto, è semplicemente colui che evita l’imprecisione e, ponendosi il dubbio su tutto ciò che gli è poco noto, cerca la conoscenza diretta, unica via per chiarire i dubbi e arrivare alla formulazione di pareri fondati.

Il programma “Orgogliosamente Nudi” nasce e si esplica nel preciso intento di dare a tutti l’opportunità di conoscere da vicino questa realtà, di poter parlare con chi la pratica, eventualmente di poter sperimentare di persona cosa voglia dire stare nudi e perché ci sia chi lo ha scelto come stile di vita.

Non è nostra intenzione obbligare il mondo a rigettare i vestiti, vogliamo solo che sia rispettato il nostro diritto alla nudità, un diritto che, nonostante non ci sia un vero veto legislativo, nonostante le diverse sentenze a nostro favore, ci viene spesso negato da quei pochi estremi oppositori, dalle forze dell’ordine e da molte amministrazioni comunali che ci obbligano a indossare la maschera del conformismo.

L’unica strada a nostra disposizione per cambiare le cose è quella di aumentare i nostri numeri, siamo così costretti a fare proselitismo, non comunque un proselitismo integralista, bensì un proselitismo aperto e sincero, una propaganda amichevole: venendo con noi non ti sentirai costretto a nulla, non cercheremo di forzare le tue decisioni, rispetteremo le tue scelte, ti spoglierai solo se lo vorrai e quando ti sentirai pronto a farlo.

L’esperienza, d’altra parte, ci ha insegnato che l’esempio nudista è coinvolgente, di più, travolgente, vivendo tra noi è impossibile resistere e prima o poi si superano i condizionamenti mentali e ci si mette nudi, una volta nudi bastano pochi secondi per accorgersi che è tutto bello e semplice, una volta nudi… non si torna più indietro, specie provandolo nel massimo sistema, quello dello sport e, nello specifico, dell’escursionismo.

Quest’anno proponiamo un programma ben più ampio e variegato di quello del 2013, un programma che prevede anche incontri che, di base, saranno tessili, proprio per dare modo a chi voglia conoscerci di poterlo fare senza timori ed esitazioni: già può essere difficile inserirsi nei nuovi contesti, tra persone che non si conoscono, figuriamoci se ci aggiungiamo anche il fatto di doversi denudare o, comunque, di trovarsi tra persone nude.

Noi di Mondo Nudo abbiamo fatto la prima mossa e ci siamo messi a piena disponibilità del mondo tessile assicurandovi massima cordialità e disponibilità ad accogliervi tra le nostre fila, ora tocca a voi!


Locandina generale del programma

Le attività indicate (alcune ancora in via di definizione e pertanto formulate in modo generico) potranno subire variazioni, specie quelle che richiedono necessariamente l’interfacciamento con strutture turistiche e alberghiere. Seguiranno man mano le locandine delle singole attività con tutti i dettagli necessari, assieme alle schede di segnalazione della propria partecipazione: seppur rese pubbliche sono solo gite tra amici e non c’è obbligo di registrazione, segnalandoci però la vostra presenza potrete tenervi più facilmente aggiornati (perché ci penseremo noi a farlo) e sarà per noi più facile gestire i raduni di partenza.

Al programma viene abbinato un (pseudo) concorso fotografico senza premi: il riconoscimento l’avranno tutti i partecipanti dato che tutte le opere verranno utilizzate per creare una presentazione da proiettare durante la grande festa di chiusura e da utilizzare per successive serate di informazione sull’escursionismo al naturale.

Clicca sulla voce Eventi della barra di navigazione per accedere alla pagina di riepilogo di tutti gli eventi, oppure posizionaci sopra il cursore per aprire il menù con cui accedere direttamente alle singole schede e ai moduli di iscrizione (segnalazione della propria partecipazione).

Purtroppo non siamo riusciti ad organizzare queste serate, il 5 e l’11 sono sicuramente cancellate, resta in gioco il 19 ma con forti dubbi. Lasciamo la pagina e il modulo qualora qualcuno fosse interessato per organizzare serate in altre date. Grazie!

Cliccare sulla locandina per scaricarne la versione ad alta risoluzione

on2014b

L’esempio e l’orgoglio


C’è un solo modo per far si che uno stile di vita possa essere preso in considerazione dalle forze sociali, economiche e politiche ed è quello di farlo crescere numericamente.
C’è un solo modo per far crescere numericamente uno stile di vita ed è quello di farlo conoscere.
C’è un solo modo per far conoscere un qualcosa ed è quello di dargli massima visione e parlarne apertamente e sinceramente.
C’è un solo modo per dare una visione aperta e sincera di un qualcosa ed è quello dell’esempio.
C’è un solo modo per dare un esempio positivo, ed è quello dell’orgoglio.

Non si può pretendere che la società, o anche una sola sua parte, possa prendere parte a un qualcosa dove chi già ne fa parte non ne parla o ne parla con timore.
Non si può pretendere di far fare ad altri una scelta di vita quando coloro che già l’hanno fatta trasmettono, anche inconsciamente, un messaggio di vergogna.
Le vie della comunicazione sono strane e infinite, ma precise: se mi nascondo dietro a termini impropri, se veicolo il mio stile attraverso messaggi imprecisi, se parlo con remissione di un qualcosa che faccio, ecco se adotto queste linee di comunicazione innanzitutto ingenero confusione nell’interlocutore portandolo a recepire cose totalmente differenti da quelle che volevo trasmettergli; in secondo luogo, quando questi si accorgerà di cosa volevo invece parlare, riterrà che io stesso avessi vergogna di quello che volevo trasmettere, per cui difficilmente potrà seguirmi su quella strada.
Al contrario se uso i termini più adeguati e chiari, se i messaggi sono ben precisi e inequivocabili, se il mio parlare è aperto e sincero ecco che mi dimostro tranquillo in relazione al messaggio che voglio trasmettere e divento un esempio da seguire.

Cosa è che può dare il migliore esempio di apertura e sincerità, di apprezzamento e interesse verso quello che si sta facendo e trasmettendo? Quale è il sentimento opposto a quello di vergogna? Beh, semplice, è… l’orgoglio!
Se non si è orgogliosi delle proprie scelte significa che non le si considerano importanti, che le si considerano inopportune, dannose, improponibili, allora come si può pretendere che qualcuno possa seguire il nostro esempio se non siamo contenti delle nostre scelte, se non le consideriamo importanti?

Il nudismo è una scelta di vita che racchiude, tra le sue varie motivazioni e derivazioni, diversi aspetti importanti, per non dire fondamentali, per la società moderna, per le libertà sociali, per la democrazia, per il rispetto ambientale, per la salute personale e sociale. Un nudista ha quindi tutte le più valide motivazioni per essere contento di essere nudista, di più, per esserne orgoglioso. E’ l’orgoglio di chi sente di fare qualcosa di buono, è l’orgoglio di chi porta un messaggio di crescita e speranza, è l’orgoglio di chi sta lavorando al benessere fisico e psicologico della società.
Non bisogna aver paura dell’orgoglio, l’orgoglio non è un sentimento cattivo, l’orgoglio è un importante stimolo psicologico a se stessi e agli altri, un riconoscimento del proprio operato, la trasmissione di un messaggio sincero, la massima espressione di positività.

L’orgoglio porta all’esempio, l’esempio migliore è l’orgoglio!

Chi siamo, cosa siamo, è l’etichetta a farci diversi?


Una mattina d’inverno una mucca, svegliandosi dal sonno notturno, improvvisamente balza in piedi e, rivolta alle sue compagne di stalla: “carissime amiche, io mi sono stufata di vivere ferma in questa stalla mal ridotta, d’essere munta solo quando sto scoppiando dal dolore, di stare al freddo e all’umido, voglio cambiare, voglio essere una mucca da corsa!”

Così tutta baldanzosa per la sua idea, si lucida per bene il manto, si pulisce gli zoccoli e s’avvia verso il vicino paese dove, proprio oggi, si tiene la fiera degli animali. Giunta al paese cerca di attirare l’attenzione su di sé e, per farlo, si piazza un bel cartellone al collo con scritto “Venite signori, venite a vedere la più bella mucca da corsa del mondo!. Passa il tempo e nessuna delle persone che si sono fermate a leggere il cartello si è poi soffermata a osservare e parlare con la mucca, solo qualche veloce sguardo di compassione. Alla fine, sconfortata, la mucca decide di chiedere al capo del villaggio: “Carissimo, ma perché mai nessuno mi ha voluto comprare come mucca da corsa?” Il Capo Villaggio senza esitazione risponde: “Ma mia cara bestiola, esistono le mucche da latte e quelle da macello, ma non si è mai sentito parlare di mucche da corsa! Per le corse si usano i cavalli e una mucca non potrà mai stare al passo con un cavallo.” Così la nostra mucca, mogia, mogia, con la coda fra le gambe si avvia sulla strada del ritorno.

Rientrata alla stalla, le sue compagne presero a deriderla: “Eccola li quella che si credeva di poter cambiare il suo essere! Sei una mucca da latte e tale devi restare eheheh!”.
La derisione delle compagne rese ancor più furibonda la nostra mucca, che per dimenticare la brutta esperienza se ne andò nel suo cantuccio e si addormentò.
Durante la notte, la mucca si sognò di se stessa mentre correva felice insieme ai cavalli, mantenendone il passo e vincendoli pure. Al risveglio si disse: “Bene mia cara, se le mucche da corsa non esistono, allora devi diventare cavallo!” Detto, fatto, durante i giorni successivi si allenò a lungo per camminare come un cavallo, si liscio per bene il pelo e provò a fare delle lunghe corse per prendere fiato e velocità.

Ritornato il giorno della fiera degli animali, la nostra amica vi si reca con un bellissimo cappellino bianco con su scritto “Cavallo da corsa”. Trova una posizione bene in evidenza e vi si piazza gridando per richiamare l’attenzione: “Signori, signoriiiiii, venite a vedere questo bellissimo cavallo, un cavallo velocissimo, un cavallo robusto, un cavallo che vi farà vincere tanti trofei. Compratelo, signori, cooomprraaaateloooooo!”.
Passano le ore e la nostra mucca non raccoglie altro che sguardi attoniti, nessuno si ferma a guardarla, nessuno mostra il benché minimo interesse per lei. La mucca, arrabbiata, continua a ripetersi quanto siano cattive quelle persone, ma che avranno gli altri cavalli di diverso da me? Perché non mi danno ascolto? Perché non mi guardano? Alla fine, stanca e furibonda, chiede nuovamente spiegazioni al capo del villaggio e questi: “ma mia cara bestiola, non basta cambiarsi l’etichetta per cambiare il proprio essere, sei una mucca e mucca devi restare!”.

La mucca se ne ritorna alla stalla assai furibonda: “ma che è questa storia delle etichette? Io non voglio essere etichettata, non è giusto, devo essere libera di essere quello che voglio e io voglio essere… Uhm, già, anche cavallo è un’etichetta, esattamente come mucca, io non voglio etichette e allora? Come posso vendermi, allora?”.

Per tutta la settimana la mucca rimugina sulla questione, finché si arriva nuovamente al giorno della fiera. “Oggi” di dice la nostra mucca, “oggi sono sicura che riesco a farmi comprare, mi tolgo di mezzo ogni etichetta e vedrai che mi compreranno”. E’ così che la nostra raggiunge nuovamente il villaggio e si piazza al centro della piazza dove si svolge la fiera. Piazza dei bellissimi cartelloni colorati tutt’attorno a se stessa sui quali campeggiano incitazioni all’acquisto. Passa le ore e ancora niente, la mucca inizia a diventare nuovamente furiosa quando un fattore si avvicina alla mucca e, mormoreggiando, la osserva per bene. La mucca lo guarda a sua volta e pensa: “ecco, visto, ora mi compra!”
Passano una decina di minuti durante i quali il fattore, sempre mormorando frasi incomprensibili, continua ad osservare la mucca; questa sta per spazientirsi quando il fattore: “Si, si, non male. Un bellissimo animale, una stupenda mucca da latte”. A sentir questo la mucca alza violentemente il capo, osserva il fattore e… “mio caro signore io non sono una mucca da latte!” “Ah no” risponde il fattore, “se non sei una mucca da latte, allora cosa sei?” E la mucca “vede signor fattore io sono…, ehm io sono… beh ecco io sono un animale con la pelle liscia, un manto bianco chiazzato di nero, delle gambe robuste, una coda snella e filante; sono un animale senza etichetta, perché non è giusto etichettare le cose, ogni animale deve sentirsi libero di essere quello che vuol essere e io voglio essere… ehm… essere…. uhm, a si sono un animale con la pelle liscia, un manto bianco chiazzato di nero, che corre veloce nei prati, che …” “Mia cara mucca” la interrompe il fattore “tu sei libera di voler essere quello che vuoi, di voler fare quello che vuoi, però a me serve una mucca da latte, tu per me sei una mucca da latte e anche una bellissima mucca da latte, ti avrei dato tanti soldi, ti avrei messo in una stalla bellissima, ti avrei dato da mangiare cose sane e prelibate, ma… ma visto che tu non vuoi essere una mucca da latte, visto che non vuoi etichettarti, beh, allora ti saluto e vado a cercarmi una mucca che abbia il coraggio di essere quello che è, di fare quello che deve fare, di chiamarsi come deve chiamarsi. Addio!”

Sconsolatissima e rassegnata la mucca si riavvia sula strada del ritorno, ma prima d’arrivare a destinazione incontra casualmente in capo villaggio. Questi vedendola così abbattuta si fa raccontare la giornata e, alla fine, con un sorriso sulle labbra le dice: “Vedi carissima, tu hai provato a venderti in modi diversi da quello che sei, hai provato addirittura a proporti per un qualcosa di non meglio definito e alla fine hai ottenuto solo delusioni, perché? Non possiamo fuggire da quello che siamo, non possiamo cambiare il nostro essere solo cambiandoci l’etichetta o rifiutandola totalmente, non possiamo proporci in un modo che gli altri non possono comprendere o, peggio ancora, in un modo che non corrisponde a quello che di  noi si vede, di quello che gli altri possono vedere di noi. Se vogliamo che gli altri a noi si interessino, allora dobbiamo necessariamente dare loro l’idea esatta di quello che siamo, dare loro il modo di vederci per quello che siamo, dare loro la possibilità d’apprezzare quello che facciamo, dare loro un modo per identificarci con semplicità e precisione. Insomma, se vuoi cambiare la tua vita, non puoi farlo cambiando l’etichetta che ti identifica, ma devi farlo cambiando il tuo modo di vederti e di porti, facendoti vedere orgogliosa di quello che sei e di quello che fai”.

A questo punto la mucca improvvisamente comprende i suoi errori e felicissima s’incammina verso la sua stalla, l’espressione sorniona maschera bene quello che le sta passando per la testa, ma dentro, nel suo animo, è ormai certa che alla prossima fiera riuscirà nel suo intento.

La settimana passa tranquilla, arriva nuovamente il giorno della fiera e la nostra mucca si avvia, senza particolari preparativi, al paese. Ivi giunta si mette in una posizione evidente, ma non troppo centrale, prepara uno sgabellino e un secchio di latta e fissa alla palizzata uno striscione su cui ha scritto “Sono una mucca da latte, il mio latte è ottimo, ma non voglio che mi crediate sulla parola, qui trovate uno sgabellino e un secchio, prendeteli, mungetemi e assaggiate il mio latte, poi decidete”. Fatto ciò si mette al centro della sua piazzola e si mette a canticchiare dolcemente una canzoncina che le ricorda i prati e i fiori della sua infanzia, mostrandosi felice e orgogliosa d’essere una mucca da latte. Nel giro di mezz’ora, davanti alla piazzola della nostra mucca s’è creato un grosso assembramento di persone, tutti, attratti da tanta felicità e sicurezza, vogliono assaggiare il suo latte e, a turno, la mungono. I mugolii di soddisfazione si ripetono uno dietro l’altro: “buono questo latte”, “eh, si, è proprio buono”, “anzi è ottimo, questa mucca la voglio io”, “no, no, dev’essere mia”, “ehi voi, non pensateci nemmeno, me la porto via io”.

E’ una lotta di persone che vogliono portarsi a casa la mucca e nessuno riesce a prendere il sopravvento sugli altri. Allora interviene la mucca: “cari signori, apprezzo il vostro interessamento e ne solo decisamente lusingata, ma, vi chiedo, dove mi portereste?” “In una bellissima stalla” grida un distinto signore. “In una stalla moderna” urla un altro. “In un grande prato” afferma un terzo. “Guarda carissima, io ho una piccola stalla di montagna, ne bella ne moderna, ma la tengo curata e mungo le mie vacche due volte al giorno, in più esse sono libere di circolare a piacimento tra i prati e i boschi, mangiando l’erba fresca e respirando la brezza dell’alpe”. “Signori, ho deciso” interviene la mucca” vado con quest’ultimo signore. Fu così che la nostra mucca riuscì a cambiare la propria vita ed ora scorrazza libera e felice, non più timorosa di quello che è, non più infastidita dal sentirsi chiamare per quello che è, anzi orgogliosa di tutto ciò e orgogliosa d’aver compreso che “gli altri ci vedono in ragione di quello che noi facciamo, non per la maschera che noi vogliamo indossare!”

Giornata dell’Orgoglio Nudista


Lunedì 19 giugno è la Giornata Mondiale della Serenità Naturista, con riferimento ad essa si propone, in data 5 giugno, la Giornata dell’Orgoglio Nudista andando così a realizzare un doppio evento che coinvolga tutti, ma proprio tutti, nudisti e non nudisti per far conoscere il vero senso del nudismo e la piacevolezza dello stare nudi, del vivere in natura, per la natura con la natura!

Non serve un posto specifico, serve solo un posto tranquillo e defilato dal passagggio di massa: potete farlo a casa vostra, sul vostro terrazzo, nel vostro giardino, in un prato o bosco, in una caletta di mare o lago, lungo un sentiero di collina o montagna, arrampicando o facendo un qualsiasi altro sport all’aria aperta, ma, perchè no, anche in palestra e … in gruppo se c’è disponibilità e accordo.

The Meandering Naturist

Traveling the world in search of naturist nirvana...

Interferenze

“Walk in the mashup side!"

Vita a Lou Don

Una borgata alpina con tre abitanti ma tante storie da raccontare

ARDRONINO

Quadricottero con Arduino

El eurociudadano nudista

... eta nik txoria nuen maite ...

mamá nudista

Vivencias y opiniones desde mi condición de mujer, madre, nudista y humana

Freekat2

Finding My Way, Trusting My Path, Sharing My Journey

MOUNTAIN SOUND

LA' DOVE VIVONO GLI ANIMALI - MATTIA DECIO PHOTOGRAPHER

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2019

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer // photographer // fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: