Archivi Blog

Un gradito ritorno: raduno invernale de iNudisti


inbandierasfumatodefiq6_ridottaI raduni sono un importante indotto economico per le strutture ricettive in genere, alcuni raduni lo sono ancor più per particolari e specifiche strutture. Parlando di raduni nudisti viene logico pensare alle spiagge, ma anche a tutto il mondo dell’acqua e di quei centri che dell’acqua hanno fatto una nicchia di lavoro: piscine, saune, eccetera.

Come dimostrano i centri benessere del Trentino e dell’Alto Adige, oltre che le esperienze escursionistiche di questo blog, indiscutibilmente la società odierna, pur a fronte di qualche ultimo vagito di resistenza, è ormai pronta e disposta se non proprio a spogliarsi del tutto, quantomeno a condividere con la nudità gli stessi luoghi e gli stessi momenti. A fronte di tale considerazione risultano inspiegabili le titubanze che ancora si rilevano nel mondo della politica, della giurisprudenza, delle istituzioni e delle strutture ricettive, in particolare quelle vicine agli ambienti dove la nudità dovrebbe risultare più spontanea e naturale che lo stare vestiti: mare e acqua in primis, poi prati assolati, ma anche la montagna sebbene entro i limiti dettati dalla quota e dalla temperatura.

Una delle strutture che ha saputo superare i condizionamenti di una società corporalmente malata è stato il Gardacqua, anni addietro aveva di buon grado accolto il primo raduno invernale della grande comunità web de iNudisti, osservando con sua grande soddisfazione la considerevole, ordinata e rispettosa affluenza dei partecipanti, tanto da rendersi immediatamente disponibile per altri eventi. Purtroppo il cambio di gestione del centro, con l’introduzione della malsana regola della sauna in costume, aveva provocato l’interruzione di questi raduni. Lo staff de iNudisti ha sempre sperato di ripristinarli al più presto possibile e alla fine, grazie alla disponibilità del centro benessere Wave Urbanspa di Povegliano (VR), ci sono riusciti.

L’evento avrà luogo nell’intera giornata di sabato 4 marzo 2017, ai partecipanti saranno disponibili tutti gli ambienti del centro che, per l’occasione, sarà frequentabile in nudità pressoché ovunque: solo nella zona ingresso sarà necessario coprire i genitali.

Alla sera si terrà una cena comunitaria presso un ristorante della zona.

I posti sono limitati (50) è pertanto opportuno registrarsi quanto prima possibile, termine ultimo il 15 febbraio. Per le modalità di prenotazione e altre informazioni leggere il forum della comunità (link diretto).

Arriva l’inverno!


Novembre, ormai delle spiagge, del mare o del lago, delle piacevoli camminate sulla rena, delle nuotate, del relax e del caldo resta solo il ricordo. Per quanto questo possa essere intenso e piacevole, non basta a compensare il bisogno si togliersi da dosso la conformità degli abiti quotidiani, l’esigenza di fare movimento o, al contrario, di starsene bellamente in panciolle a godersi il lento scorrere delle ore. Ecco che si risveglia l’interesse per le strutture salutistico-ricreative atte a riprodurre le condizioni e gli ambienti estivi: centri benessere, saune, palestre, piscine e via dicendo.
Tutto questo vale anche per i praticanti del nudismo, con l’aggravante che l’abitudine a stare completamente senza vestiti fa sentire ancor più forte la costrizione che gli stessi apportano: il corpo si ribella pesantemente alla ridotta traspirazione, allo sfregamento coi tessuti, all’assenza di aria e di sole. Così si sviluppa la ricerca di strutture che permettano di tornare nudi almeno per alcuni giorni, alcune ore della settimana.
Purtroppo trattasi d’una ricerca assai vana, a parte alcune rarissime eccezioni che si vengono a creare per l’interessamento di alcune Associazioni Naturiste, di strutture che concedano un seppur esiguo spazio alle esigenze invernali dei nudisti non ce ne sono, non in Italia quantomeno.

Nelle saune trentine e altoatesine è d’obbligo il nudo all’interno delle cabine sauna, ma all’esterno è altrettanto obbligatorio indossare qualcosa. Nelle saune del resto d’Italia, purtroppo, persino all’interno delle cabine sauna è, salvo rarissimi casi, obbligatorio non esporre alla pubblica visione i genitali e, per le donne, le mammelle. Nulla l’attenzione di tali centri alla bassa qualità e alla nulla igienicità d’una sauna effettuata indossando il costume o anche un semplice telo che non sia in tessuto naturale, invece d’educare il cliente alla giusta pratica saunistica si preferisce lasciarlo macerare nel proprio sudore invocando un ormai superato concetto di decenza.

Analogo il discorso in merito alle altre strutture, dove oltre al già detto arcaico concetto di decenza si sollevano altre opinabili problematiche.

Nelle piscine s’è perfino arrivati al divieto, altamente antigienico, di fare la doccia senza costume; un divieto ancor più inconcepibile dato che nelle piscine italiane vige ancor oggi la netta separazione tra gli spogliatoi maschili e quelli femminili. Riguardo all’uso della vasca natatoria in nudità si registrano obiezioni alquanto comiche come quella dei peli che si perderebbero dal pube e dai genitali, a nulla serve osservare che ci sono piscine dove pur con il massimo rispetto per l’obbligo d’indossare la cuffia, sul fondo si trovano masse di capelli, mentre in altre piscine dove non vige l’obbligo della cuffia i capelli non si vedono galleggiare o affondare, dato che la pulizia dell’acqua non è data da questi piccoli accorgimenti (costume e cuffia) ma da adeguati sistemi di ricircolo e filtraggio dell’acqua. A proposito, non è informazione che i gestori delle piscine amino far circolare, ma l’odore di cloro che si sente entrando in molte di esse non è assolutamente sintomo di pulizia, dato che non è generato dal cloro immesso in acqua, bensì è prodotto dai batteri in assenza di un adeguato ricircolo dell’acqua.

Nelle palestre il discorso della frequenza nudista è novità recentissima e se all’estero qualcosa si sta muovendo in Italia, figuriamoci, s’è subito sollevata l’aperta opposizione sulla presunzione, assolutamente errata, di minore igienicità nell’uso degli attrezzi. Che forse il sudore filtrato da una maglietta o dai pantaloncini è diverso da quello non filtrato? Che forse il sudore di un gluteo è diverso o minore da quello dei genitali? Che forse non è possibile stendere sugli attrezzi adeguati lenzuolini di cotone, che gli stessi frequentatori possono portarsi al seguito così come oggi tutti si portano appresso un piccolo asciugamano?

Purtroppo c’è da osservare che la colpa di quanto sopra riportato è in parte anche degli stessi nudisti, infatti a fronte dei pochissimi che si adoperano per spezzare le viste illogiche obiezioni, ce ne sono molti che non riescono a svincolarsi da un atteggiamento sottomissivo e autocensorio:

  • Siamo solo una minima percentuale di pubblico, non possiamo campare pretese!
  • Saune, piscine, palestre non hanno nulla a che fare con il naturismo e il nudismo!
  • In sauna non ci si va per stare nudi, la sauna si fa nudi motivi igienici.
  • Non possiamo imporre agli altri la nostra nudità!
  • E via dicendo.

Ora, mi risulta che:

  • In Italia anche le minoranze abbiano il diritto di chiedere spazio sociale (e commerciale), molti sono gli esempi di come ciò avvenga, peraltro “chiedere è lecito, rispondere è cortesia” e poi nulla ottiene se nulla si chiede.
  • Se è vero che saune, piscine, palestre eccetera non abbiano nulla a che vedere con il naturismo, non è altrettanto vero che non abbiano rapporti con il nudismo, dato che nudismo non è stare nudi qualche giorno dell’anno su di una spiaggia o in un prato, bensì nudismo è un atteggiamento di vita globalizzante, un’esigenza di liberazioni fisica e mentale dalla costrizione degli abiti, una scelta che si ripercuote su ogni istante della vita di un nudista e questi desidera, anzi, ha la profonda e pressante esigenza di starsene in nudità sempre e ovunque, si autoviolenta per rispettare le attuali regole sociali ma nel contempo giustamente cerca d’arrivare a poter soddisfare la sua esigenza.
  • E perché mai in sauna non ci si dovrebbe andare per stare nudi? Che differenza formale ci sarebbe tra lo stare nudi per l’esigenza di starci e lo stare nudi per motivi igienici? E poi, allargando il discorso all’esterno delle stanze sauna, m’hai visto nudo nella cabina e cosa cambia uscendo dalla stessa? Che forse il nudo cambia significato se è interno alla cabina della sauna o esterno?
  • Analogamente gli altri non possono imporre la loro non nudità a chi nudo è o vuole stare! Per altro la mia specifica nudità non obbliga nessuno a cambiare stato, non obbliga gli altri a togliersi i vestiti, ma caso mai gli aiuta a superare le loro barriere psicologiche, mentre la loro pretesa di non nudità generalizzata obbliga qualcuno a modificare il suo stato, obbliga qualcuno a violentarsi per starsene vestito quando il suo corpo esige liberazione, rafforza le limitazioni psicosociali. Il punto d’incontro tra nudismo e non nudismo non è il divieto alla nudità (che apporta un netto sbilanciamento tra i due diritti in quanto rispetta totalmente il secondo ma impedisce completamente il primo), ma è l’ambiente misto (quello che viene definito clothing optional, abbigliamento facoltativo), cioè il consenso alla nudità senza obbligo della stessa messo in evidenza e progressivamente ampliato (che apporta il pieno rispetto di ambedue i diritti: chi vuole stare nudo può farlo e chi non vuole può fare altrettanto, chi proprio non ce la fa a vedere altre persone nude, che sono pochissimi, potrà evitarlo essendo informato preventivamente della loro presenza e avendo comunque spazi a lui riservati).
  • E via discorrendo!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: