Archivi Blog

#MondoNudo approda in Cina


Foto di Attilio Solzi

Immerso in una natura rigogliosa un uomo nudo si sta rinfrescando nella pozza di un torrente montano, sul vicino sentiero passano due persone, un uomo e una donna, lui fotografo, lei biologa, insieme hanno scritto e documentato diversi articoli per riviste naturaliste, articoli sui popoli e sulla natura di mezzo mondo. I rumori provocati dal bagno del nostro uomo nudo arrivano alle orecchie dei due, pensando ad un animale s’inoltrano nel fitto della boscaglia per scattare alcune fotografie, con circospezione si avvicinano alla fonte rumorosa e… sorpresa, superata l’ultima barriera vegetale davanti a loro appare una scena che mai si sarebbero immaginati di trovare in questo luogo, in Italia, a pochi chilometri da centri abitati.

Così, per caso, è avvenuto l’incontro di Attilio e Paola con noi di Mondo Nudo, quell’uomo nudo, infatti, era uno di noi che, essendosi fermato prima, attendeva il ritorno degli altri dalla loro escursione.

Negli anni a seguire Paola e Attilio partecipano assiduamente alle nostre escursioni, loro non si spogliano ma a noi non importa, Mondo Nudo promuove, anzi di più, crede con forza nell’unicità sociale della via alla condivisione di spazio e tempo tra chi, superate le barriere dei condizionamenti mentali, ha riabbracciato la normalità del nudo e chi, per varie lecite e più o meno comprensibili ragioni, è ancora indissolubilmente legato alle vesti: alle escursioni di Mondo Nudo non ci sono imposizioni (salvo quelle naturali legate al rispetto reciproco e quelle, non sempre comprensibili e spesso poco naturali, legislative o socio convenzionali), chiunque può partecipare e farlo nel modo che ritiene più opportuno.

Questa lunga partecipazione si tramuta in un rilevante archivio fotografico che documenta con mirabile eleganza e forte comunicabilità il nostro escursionismo, un escursionismo dove al primo posto c’è la natura montana e proprio per questo subito dopo viene il concetto di inclusione nella stessa, quell’inclusione che solo attraverso la nudità si può attivare e sperare di raggiungere.

Ora da quest’archivio fotografico ne scaturisce un articolo pubblicato sul numero sei di LOST, una rivista internazionale edita da Volume Press, agenzia pubblicitaria con sede a Shangai. Foto come già detto significative e grandemente espressive, commento anch’esso denso di pregevoli osservazioni, nell’insieme una mirabile comunicazione che comporta l’approdo di Mondo Nudo all’attenzione dei cinesi e non solo, visto che la rivista è acquistabile sostanzialmente in tutto il mondo, vuoi attraverso i canali più tipici (selezionate edicole e librerie, ad esempio a Milano è reperibile presso 10 Corso Como Armani Bookshop, Verso libri, Reading Room, Libreria Gogol & Company) che più comodamente on-line direttamente sul sito della rivista (esaminalo).

Foto di Attilio Solzi

Puoi vedere (e acquistare) altre opere di Attilio Solzi cliccando sui seguenti collegamenti:

Zaino Grivel Mountain Runner 20: integrazione


IMG_20180705_082915

Vista frontale dello zaino

Come scrivevo nella recensione principale, ancora non avevo avuto modo di provarlo sulla lunga distanza, ora anche questo è stato fatto (tentativo di una centotrenta chilometri con novemila metri di dislivello, purtroppo interrottosi a metà) consentendomi e imponendomi questa integrazione.

Innanzitutto devo osservare che sbagliavo affermando l’inesistenza di un porta bastoncini: è costituito da quello che avevo indicato come variatore volumetrico inferiore, che avendo due fissaggi sganciabili è un comodissimo (utilizzabile anche a zaino indossato) sistema di fissaggio per i bastoncini (o altro) a patto che siano del tipo ripiegabile in tre o comunque molto riducibile in lunghezza (altrimenti sporgono troppo sui due lati diventando pericolosi).

IMG_20180705_091759

Il porta bastoncini sul fondo dello zaino

Altra osservazione decisamente positiva: eccezionale il portamento del carico. I quasi otto chili, che si facevano ben sentire prendendo in mano lo zaino, sono spariti nel nulla una volta indosso, man mano che le ore passavano la sensazione restava identica e anche alla ventunesima ora di cammino spalle e schiena erano perfettamente immuni dai classici fastidi dovuti al lungo portamento di un carico, fatto salvo al fastidio per sfregamento sulle spalle di cui, non essendo collegato al discorso portamento, parlo più avanti.

A seguire alcuni piccoli appunti negativi, che in parte confermano quanto già notato:

  • a zaino pieno agganciare la sacca idrica è veramente complicato e richiede lo svuotamento parziale dello zaino ad ogni rifornimento;
  • proprio non comprendo la scelta di dedicare maggior volume al comparto interno (a diretto contatto con la schiena quindi non idoneo al posizionamento di materiali duri; non isolato dalla pioggia e dal sudore quindi non idoneo alla collocazione del vestiario) piuttosto che a quello intermedio stagno (purtroppo tanto sottile che ci si riesce a collocare solo una maglietta, già la maglia pesante rende complicata la chiusura della cerniera e, per giunta, entra in conflitto con il materiale collocato nel comparto esterno); questo comparto andrebbe dimensionato giusto quel tanto per collocarvi la sacca idrica, fornendo alla stessa un sostegno inferiore (magari regolabile per adattarsi alle varie dimensioni);
  • se il comparto intermedio viene forzatamente (ma giustamente) riempito con la maglia pesante e i pantaloni lunghi (due dotazioni obbligatorie) la cerniera (giustamente molto scorrevole) tende ad aprirsi da sola se non si ha l’attenzione di tirare ambedue i cursori nella parte sommitale;
  • con un discreto carico (tra i sette e gli otto chili quello che avevo io) alla lunga le spalle nude soffrono la frizione (principalmente dovuta alle operazioni “togli e metti” dello zaino) del tessuto qui reso molto più rigido dal sistema di regolazione; va bene, mettiti una maglietta direte, fatto, ma per poi levarla poco dopo faceva un caldo infernale e proprio non la sopportavo, per altro molti sono i runner e gli escursionisti minimalisti, ossia coloro che preferiscono correre e camminare nel modo più naturale possibile e cioè con addosso il minimo necessario o, come nel mio caso, addirittura niente;
  • le fibbiette per la chiusura delle cinghie pettorali sono difficili da utilizzare a mani sudate (scivolano parecchio), andrebbero leggermente ingrandite e rese più ruvide.

Infine devo purtroppo formulare una critica un poco più seria, forse legata al tipo di sacca idrica da me utilizzata ma comunque criticità assolutamente da risolvere: quando lo zaino è riempito parecchio si crea una pressione verso il dorso che porta l’asta di chiusura della sacca idrica a premere in modo percepibile contro la parte alta delle scapole, all’inizio solo un fastidio (ma già questo diviene negativo: chi deve correre o camminare tanti chilometri non può permettersi nemmeno il più piccolo fastidio) ma poi, chilometro dopo chilometro, si trasforma in vero e proprio dolore; ho provato ad infilare tra l’asta e la schiena la giacca da pioggia ma, nonostante sotto la stessa ci fosse altro materiale, inevitabilmente scivolava verso il basso e il problema si ripresentava costringendomi a continue fermate per ricollocare la giacca nel punto opportuno (solo verso la fine ho provato a tirare quello che ora ho capito essere il porta bastoncini, ma che funziona comunque come variatore volumetrico della base, ottenendo un apparente miglioramento ma da verificare e comunque non completamente risolutivo).

Per il resto posso solo confermare quanto già scritto e ribadire che trattasi di un ottimo zaino, con un portamento eccezionale che non mi ha fatto percepire il peso che avevo a spalle, motivo per il quale proprio mi dispiacerebbe veder restare irrisolti i pochi problemi evidenziati.

Libro “Il mio 3V” di Luca Regonaschi


È sempre difficile fare la recensione di un libro, si rischia di cadere nello scontato, di reiterare nelle cose già dette per altri libri, di scadere nei luoghi comuni e nelle solite affermazioni iperboliche, per mia fortuna di libri ad oggi ne ho recensiti molto pochi, così posso almeno in parte sentirmi protetto, ritenermi parzialmente esente da alcune delle suddette problematiche e procedere con spirito libero.

Inizio estate 2017, vengo contattato da una persona che non conosco e che mi chiede informazioni sul sentiero 3V, sentiero dedicato a mio padre e che ormai conosco alla perfezione visto che ne ho recentemente tentato la percorrenza in tappa unica fermandomi a poco più di venti chilometri dal traguardo, un viaggio per il quale mi sono studiato il percorso, che salvo bevi tratti mai avevo effettuato, nei minimi dettagli, percorrendolo più volte per intero ma a singole distinte tratte. Un lavoro, questo, intenso e interessante che mi ha dato tantissimi insegnamenti evocandomi così l’idea di metterli a frutto, di mettermi a disposizione di chiunque volesse percorrere questo sentiero e così, come appena fatto con altra persona, passo a Luca tutte le informazioni che mi chiede e gli offro la mia collaborazione anche per il seguito.

DCIM100MEDIA

Agosto 2017, Luca parte per la sua avventura sul sentiero 3V, lo seguo a distanza per il tramite di alcuni contatti telefonici, gli dipano in tempo reale alcuni dubbi e incertezze, lo sostengo e lo incito. Maddalena, Conche, Sonclino, Vaghezza, Maniva, “dai Luca sei al giro di boa, ora inizia la discesa”. Hai voglia della discesa, ci sono ancora migliaia di metri da fare, anche in salita: è solo una discesa virtuale, quella discesa che ti dipingi nella mente al fine di renderti più agevole il cammino. Luca procede deciso e, pian piano, lascia dietro di sé metri e chilometri: Monte Campione, Monte Guglielmo (l’antico Cölmen poi storpiato nel passaggio dal dialetto all’austriaco degli antichi topografi e da questo all’italiano), Croce di Marone, Almana, Zoadello, Pizzo Cornacchia, Quarone, Santuario della Stella, Monte Peso, Campiani, Picastello. Ecco che ai suoi piedi appare nuovamente la città, l’ultima discesa ed è fatta, s’infila nella stradina ciottolosa che entra tra le prime case di Urago Mella e perviene al suo meritato traguardo. Seppure a distanza esulto con lui per la splendida riuscita del suo viaggio e lo esorto a scrivermi un resoconto da pubblicare sul mio blog, dove, fra le altre cose, ho creato una sezione specifica per il sentiero 3V.

Giugno 2018, Luca, stimolato dallo scritto fatto per il mio blog e trovandosi materiale già pronto, mi chiede l’autorizzazione per utilizzarlo nella realizzazione di un libro: “ci mancherebbe altro, manco devi chiedermelo, è materiale tuo, per me è stato un onore pubblicarlo ma resta tuo e ci puoi fare quello che vuoi”.

Luglio 2018, Luca non perde tempo, giusto il tempo di rivedere gli scritti e aggiungervi qualche appunto sulla storia del sentiero ed ecco che il libro è pronto, il 27 viene ufficialmente presentato presso il Comune di Isorella, suo luogo natale. La sala straborda di persone, molte persone, cento, duecento, forse anche più, ci si deve stringere per far entrare tutti nella piccola Sala Consiliare, Luca è visibilmente commosso da questo afflusso, si aspettava tanti amici e parenti, ma qui ci sono tanti altri, più o meno conosciuti, più o meno sconosciuti, sono strafelice per lui e… per il 3V: tutti e due meritano successo, ambedue meritano siffatta attenzione.

Ma il libro? Ehm, si, il libro. “Il mio 3V – Il sentiero delle Tre Valli bresciane – Secondo me –“ di Luca Regonaschi edito Marco Serra Tarantola. Resoconto emozionale, coinvolgente descrizione che ci accompagna passo passo nelle emozioni vissute, negli incontri fatti, nei dubbi e nelle incertezze, nelle paure, eh si perché ci sono anche queste, e nelle soddisfazioni che un solo percorso a tappe sa creare e donare a chi lo percorre. Luca è un ragazzo solare, aperto, tutto il mio contrario, attacca facilmente bottone e lo si capisce benissimo man mano che si procede nella lettura: rapporti non solo convenzionali coi gestori delle strutture in cui pernotta, amicizie che si formano ad ogni incontro, il coinvolgimento in una festa di compleanno, l’ospitalità notturna di un lumezzanese, i cercatori di funghi della Vaghezza, Sergio e Nicola casualmente incontrati sulle tracce e via dicendo. Lo stile narrativo dello scritto ne rende fluida la lettura, la cominci e non te ne stacchi più, parola dopo parola, riga dopo riga, pagina dopo pagina, anche tu sali e scendi le montagne, anche tu ti perdi nel vortice emozionale e nella fatica, anche tu soffi e affanni chilometro dopo chilometro, anche tu tremi e sorridi, anche tu parli con le persone e la natura, anche tu disegni la tua discesa virtuale e ti incammini felice verso il traguardo, vedi la città sotto i tuoi piedi, percorri l’ultima discesa, entri in Urago e ne calpesti il ciottolato, ammiri con soddisfazione la targa che ne identifica la fine, gioisci del risultato. Un’oretta e volti il retro di copertina desideroso di metterti in cammino, la mente rivolta alla montagna, le gambe frementi di mettersi in moto, il cuore che già pompa per darti energia, una sola parola si visualizza davanti ai tuoi occhi: 3V.

Bravo Luca, un ottimo aiuto alla conoscenza del sentiero 3V “Silvano Cinelli”, la migliore risposta a quella domanda che ti poni nello stesso libro “cosa posso fare per contribuire alla conoscenza di questo percorso?” Ecco non solo ti sei risposto, ma l’hai fatto. Grazie Luca, grazie a nome del sentiero, grazie a nome di mio padre, grazie a nome mio personale e… segnatelo sul taccuino: fra poco ci riprovo io, poi un 3V ce lo facciamo insieme, magari in tappa unica, ma anche a tappe o, perché no, in ambedue le soluzioni (non credo nel 2019, forse nel 2020, la percorrenza a tappe la proporrò nell’ambito degli eventi VivAlpe del mio blog, siete tutti invitati).

IMG-20180721-WA0000

Zaino Grivel Mountain Runner 20


Questo slideshow richiede JavaScript.

Sai com’è, ci sono delle cose che, anche se viste per pochi secondi, ti colpiscono profondamente nella mente da rimanerci indelebili e ritornare continuamente a farsi sentire, di più, a farsi vedere come nitide immagini di realtà aumentata, ti stai camminando e te le vedi davanti, stai lavorando e le vedi sovrapposte a quello che stai facendo, stai dormendo e ti appaiono nei sogni. Inutile, per quanto tu faccia non riesci a liberartene, ti dici che non ti servono e loro impudenti tornano alla carica, ti dici che magari non sono così belle come sembrano e loro irrispettose ti scrivono nella mente “provami”, ti dici che hai già speso troppo e loro maleducate si mettono a farti i conti in tasca. Oggetti empatici, talmente empatici da ricalcare i tuoi sentimenti e farli loro e alla fine non hai scampo, devi dargli ascolto, devi farle tue.

Portamento dello zainoCosì è stato per questo zaino da corsa in montagna, tenutosi nascosto mentre ne cercavo uno, poi apparso improvvisamente ai miei occhi poco tempo dopo aver fatto l’acquisto, nero e giallo com’era nero e giallo un mio precedente zaino da arrampicata che mi aveva egregiamente accompagnato in montagna per tantissimi anni, elegante e compatto com’era elegante e compatto quell’altro, della stessa marca, con la stessa forza attrattiva. L’altro, dopo avermi allo stesso modo prepotentemente catturato, m’aveva dato un prestigioso servizio e se tanto mi dà tanto.

Capita, poi, che le forze si combinino insieme arrivando a trasformare un microcosmo di sensazioni in un macrocosmo di desiderio, in un irrefrenabile impulso all’acquisto: l’altro zaino da corsa si dimostra inadeguato alle mie esigenze, di più, si rileva proprio un brutto zaino e così eccolo qui, davanti a me, sul mio tavolo, ormai parte di me, di un me che lo guarda estasiato, che, nonostante l’abbia già fatto in negozio, ancora lo gira e lo rigira esaminandolo nei minimi dettagli, di un me che ha già trovato e rimediato una piccolissima mancanza (il gancio portachiavi), ma nel contempo ne sta già apprezzando la forma perfetta e la magica struttura, di un me che già sogna le prossime avventure in compagnia del nuovissimo zaino giallo e nero, in compagnia di questo bellissimo Grivel Mountain Runner 20.

In linea di principio sarebbe troppo presto per farne una recensione, tutto sommato sono passate poche settimane dall’acquisto e l’ho utilizzato per poche volte e pochi chilometri, ma è troppo bello, troppo funzionale, troppo troppo per attendere oltre, d’altronde ci ho comunque fatto un giro di trenta chilometri con duemiquattrocento metri di dislivello tirato al massimo con diversi lunghi tratti di corsa, inoltre ho una certa esperienza di zaini (invero non solo di quelli) e posso ben farne la valutazione quasi solo guardandoli.

IMG_20180705_082915La forma è perfettamente cilindrica (una delle due sole forme ammissibili per uno zaino: cilindro e gerla), bordi laterali paralleli, base piana, fronte che si sviluppa perfettamente in verticale per quasi l’intero zaino e solo nei pressi della sommità s’inclina per unirsi al dorso con una parte superiore stretta e piana. Un colpo d’occhio che fa presagire un’ottima portabilità del carico, una perfetta vestibilità e una grande stabilità dell’insieme, un colpo d’occhio, tra l’altro, decisamente gradevole e a me reso ancor più piacevole dall’indovinata combinazione di colori: il nero della struttura generale dello zaino, il giallo delle cerniere e delle varie tasche, le piccole striscette bianche degli elementi riflettenti e i quattro baffi rossi del sistema di regolazione della taglia.

Molto leggero (550g) rispetto agli zaini da escursionismo ma, sebbene i venti litri di volume un poco giustifichino la cosa, ancora un poco più pesante di molti suoi compagni da corsa, è fatto con un mix di tessuti che appaiono tutti assai robusti, solo la maglina delle varie tasche appare critica potendo strapparsi a seguito dell’impigliamento di rami e spine, comunque è sempre applicata sopra il tessuto principale per cui eventuali rotture si possono fino ad un certo punto ignorare e poi facilmente sistemare con ago e IMG_20180705_091044filo. Non vengono date le specifiche tecniche del tessuto, la prova pratica ha dimostrato un’ottima traspirabilità e l’assenza di impermeabilizzazione ma la presenza del trattamento di idrorepellenza grazie al quale l’acqua scivola via sotto forma di palline sferiche rallentando l’infradiciamento del tessuto e del contenuto; c’è da osservare che lo scomparto principale ha la spalmatura su un lato del tessuto risultando impermeabile e forse evitandoci la necessità di un coprizaino (che per altro tenderebbe a scalzarsi vista l’assenza del classico gradino formato, negli zaini da alpinismo, dalla patta superiore), sebbene la cerniera non stagna possa comunque rappresentare una criticità (sarebbe stata forse opportuna una piccola sottile patta impermeabile di copertura della parte superiore). Le uniche due fibbie presenti sono pratiche e robuste, forse leggermente piccole per una buona manipolazione con i guanti o le mani indurite dal freddo. Appaiono altrettanto robuste tutte le altre parti in plastica. Le cerniere scorrono tutte molto bene, non sono stagne, dispongono di piccoli tiretti in metallo il cui utilizzo è reso più agevole da asole di robusto cordino annegate in comode prese plastiche, non molto grandi ma sufficienti per una buona presa, forse andavano fatte un poco più ruvide. Il fondo dello zaino non è rinforzato, cosa logica in ragione della tipologia corsaiola e dell’esigenza di contenimento del peso. Quando riempito sta in piedi anche da solo ma dipende da quanto e cosa ci abbiamo messo dentro, oltre che da come abbiamo sistemato il materiale: è consigliabile metterlo sempre sdraiato a terra o appoggiato a qualcosa.

IMG_20180705_083538Lo spazio di carico è stato suddiviso in tre distinti comparti, ognuno con la sua cerniera di accesso e la sua specificità d’uso, cosa che tiene adeguatamente separati i vari materiali e rende possibile un’ottima distribuzione del peso. Il comparto a contatto con la schiena è, incomprensibilmente, il più capiente, comodamente accessibile da una cerniera laterale verticale lunga quasi quanto l’intera altezza dello zaino contiene il velcro per appenderci la sacca idrica, operazione invero leggermente difficoltosa e che richiede IMG_20180705_083711l’appoggio su un tavolo o altra superficie orizzontale (si poteva forse studiare un modo per poter estrarre il velcro e poi, una volta collocato sull’aggancio della sacca idrica, velocemente rifissarlo al suo posto) e quello per appendere le chiavi (così ho dedotto io data la limitatissima dimensione), purtroppo collocato in una posizione che le rende si molto accessibili ma anche facilmente perdibili; data la generosa capienza di questo comparto dopo l’inserimento della sacca idrica avanza ancora spazio che, pur dovendosi tener conto del diretto contatto con la schiena e del dorso che non isola dal sudore, possiamo sfruttare per collocare altro materiale; sulla spalla destra è presente l’unica feritoia, chiusa con velcro, per l’uscita del tubetto dalla sacca idrica. Il comparto più esterno è il più piccolo ma offre comunque una bella capienza; è servito da una cerniera posta orizzontalmente nella parte alta del fronte, l’accesso è molto comodo (vi passa l’intera mano e avanza ancora spazio) e in esso vi trovano naturale collocazione tutti i materiali più piccoli quali barrette, gel, portafoglio, documenti, kit di pronto soccorso, chiavi (manca un gancio per appenderle ma, prima di scoprire il velcro all’interno del comparto più grande, ho facilmente rimediato cucendo un asola di stoffa sul bordino interno della cerniera collegandoci un piccolo moschettone extraleggero), lo smartphone, anche se ci si perde dentro e può rovinarsi nel contatto con gli altri oggetti, rigorosamente da tenere in IMG_20180705_091527apposita custodia stagna. Il comparto centrale è impermeabile, vi si accede attraverso una lunga cerniera che inizia alla base dello zaino, ne risale per intero un lato e prosegue lungo tutta la parte superiore; due cursori a scorrimento opposto permettono (posizionandoli in corrispondenza della curva) di differenziare l’apertura e l’accesso (laterale e superiore); il suo volume è un poco limitato e va in conflitto con quello del comparto più esterno; qui vi metterei gli elementi asciutti dell’abbigliamento tenendoli rigorosamente ben piegati e piatti. Sul fronte dello zaino è presente una capiente tasca in maglina elastica chiusa con un velcro centrale, appare la collocazione ideale per il materiale di utilizzo più frequente ma discontinuo, quale i guanti, il berretto, la maglia del secondo strato, il gilet antivento o, per chi si mette nudo, maglia e pantaloncini. Lungo i fianchi IMG_20180705_083239dello zaino, passando in anelli di fettuccia, con tensione uniforme scorrono i due cordini del sistema di variazione volumetrica, la regolazione avviene in alto sopra la spalla, soluzione molto comoda in quanto fruibile anche a zaino indossato; detto cordino è elastico e di discreto diametro facendo così ipotizzare un limitatissimo effetto taglio sui passanti. Alla base dello zaino è presente altro identico cordino (in realtà il cordino potrebbe essere uno solo che fa tutto il giro, ma essendo fissato allo zaino nelle sue due parti laterali inferiori è come se fossero tre) elastico con un cursore di tensionamento al centro (anche questo utilizzabile a zaino indossato) per stringere anche la parte basale dello zaino e spingere ancor più verso l’alto il materiale nello stesso contenuto; appare utilizzabile anche per il bloccaggio di un piccolo materassino o di un leggero sacco da bivacco.

IMG_20180705_083758Come per tutti gli zaini da corsa non esiste uno schienalino, questo non ha nemmeno un’imbottitura: solo un trasparentissimo (quindi traspirabilissimo) tessuto a maglia con rinforzi diagonali incrociati (Padded Air Mesh, un tessuto confortevole anche a torso nudo) separa la schiena dal materiale presente nel limitrofo comparto dello zaino; data la sua conformazione trattiene pochissimo sudore (anche perché buona parte finisce sul materiale presente nel comparto principale, da tener presente quando si sceglie cosa metterci in tale comparto) cosa decisamente preziosa quando ci si rimette lo zaino dopo averlo levato (si avverte solo minimamente il classico attimo di fastidioso gelo). Dal dorso due ali si prolungano nella parte inferiore ad abbracciare il torace e altre due si allungano nella parte superiore ad avvolgere le spalle, tutte fatte con lo stesso tessuto del IMG_20180705_083111dorso, quelle superiori rinforzate all’esterno con il tessuto principale (Air Mesh) cucito solo ai lati per lasciare spazio all’ingegnoso sistema di regolazione della taglia di ci parlo più avanti. Sull’esterno delle ali inferiori sono applicate due tasche (una per ala), abbastanza capienti (ci sta benissimo uno smartphone con schermo da cinque pollici, anche se si fatica un pochetto a farlo passare dalla cerniera, comunque operazione fattibile a zaino indossato) e servite da una cerniera superiore a tutta lunghezza, sopra di loro un’ulteriore tasca (una per lato) formata mediante il tessuto a maglia elastica e chiusa da un piccolo velcro centrale; anche qui, tra le ali e le tasche, è ricavato il vano per fissaggio, mediante il già citato sistema di regolazione della taglia, degli spallacci.

Gli spallacci, in Padded Air Mesh rinforzato sui soli bordi, sono confortevolmente dimensionati e leggermente elastici, quel tanto che basta a favorire l’indossamento dello zaino senza mettere a repentaglio il suo sostentamento; se siete a torso nudo e correte molto potreste sentire l’esigenza di usare dei copricapezzoli, camminando nessun IMG_20180705_083153problema. Come detto sono collegati al corpo dello zaino mediante un ingegnoso sistema di regolazione della taglia: gli spallacci non sono come sempre cuciti al dorso nella loro parte alta e in quella bassa collegati con la solita fettuccia regolabile, bensì scorrono liberamente all’interno delle dette sedi realizzate nelle quattro ali che si prolungano da dorso e bloccati mediante quattro pezzi di lungo e largo velcro (assai difficile da staccare); staccato il velcro (operazione piuttosto complessa che, d’altra parte, presumibilmente andrà fatta solo a zaino nuovo), aiutandosi con le opposte fascette di tessuto (rosse) si fanno scorrere gli spallacci all’interno delle sedi fino ad ottenere il posizionamento desiderato (operazione che, purtroppo, data l’automatica richiusura del velcro quando si tolgono le dita dalla sede per far scorrere lo spallaccio, richiede la ripetizione della complessa regolazione almeno due o tre volte, ma poi è fatta e siete a posto per sempre), quattro robuste striscette graduate (da +2 a -2) permettono di avere evidenza del posizionamento, che può essere identico su tutti e quattro i punti oppure differenziato in modo da adattarsi al meglio alla conformazione della persona; se durante l’operazione di apertura del velcro lo spallaccio dovesse inavvertitamente uscire dalla sua sede la fettuccia rossa è bloccata allo zaino e gli impedisce di sfuggire fuori poi lo si rimette in sede facilmente.

IMG_20180804_104950Estremamente confortevole (praticamente non lo si sente addosso), lo zaino veste benissimo, è molto stabile e rimane bello alto sulla schiena determinando il miglior portamento possibile: baricentro ben più in alto del nostro e molto vicino alla schiena per un carico verticale senza momento torcente all’indietro. Sul lato frontale degli spallacci sono applicate altre tre tasche per spallaccio: una è il portaborraccia. Quest’ultimo è posizionato poco sopra la base dello spallaccio, è leggermente basso ma comunque compatibile con ogni tipo di borraccia rigida e floscia, essendo chiuso con cordino elastico e cursore può diventare anche un portamateriali (ci sta una canotta o un paio di pantaloncini da corsa); ha un foro di scarico sul fondo rifinito con anellino metallico; un asola in cordino elastico (generata con un semplice nodo) è fissata poco sopra per stabilizzrae l’eventuale pipetta lunga della borraccia, purtroppo non è fissato allo spallaccio in modo rigido ma con in piccolo anellino di fettuccia che ne permette la rotazione e la caduta all’interno della tasca finendo bloccato tra questa e la borraccia. Alla base dello spallaccio c’è una taschina orizzontale con chiusura in velcro, bella larga ma un po’ troppo corta comunque comodissima. In alto, verso la spalla, la terza tasca, senza chiusura salvo il bordino elastico, comodissima per tenerci la barretta di primo utilizzo e il dispenser della crema da sole. Ai lati di ogni portaborraccia ci sono due taschine in maglina elastica, abbastanza larghe da potervi infilare persino uno smartphone con schermo da cinque pollici, manca una fettuccina per aprirle agevolmente indossando i guanti. Grazie alle cerniere molto scorrevole e ai pezzettini di velcro correttamente dimensionati, tutte le tasche sono accessibili senza togliere lo zaino, anche per chi, come il sottoscritto, non abbia una grande articolabilità della spalla e del IMG_20180705_083334braccio. Sugli spallacci sono montati il fischietto d’emergenza, posizionato in alto a destra è facilmente accessibile ma non si può modificare la sua posizione, e i due cinturini pettorali. Questi ultimi si possono far scorrere onde trovarne la migliore collocazione in conformazione al proprio torace, hanno il lato corto (comunque non troppo corto, quel tanto che lo lascia agevole da utilizzare) elastico e il lato lungo, con sistema di regolazione, rigido; la lunghezza delle fettucce di questi cinturini è eccessiva, in particolare quello più alto che se anche tirato al massimo rimane troppo lasco (e il mio torace non è propriamente stretto), inoltre manca un pratico sistema di raccolta e fissaggio della parte eccedente. Due asoline sullo spallaccio destro permettono di stabilizzare il tubetto della sacca dell’acqua, mentre manca una clip per fissarne il terminale (non tutte le camelbag ne hanno una in dotazione), ho comunque trovato a tale scopo pratico il cordino che chiude i portaborraccia.

IMG_20180705_082951

Vista dorsale dello zaino

 

Mancano: un sistema specifico per il fissaggio dei bastoncini (anche se a me non serve visto che non utilizzo i bastoncini), si possono infilare sotto il cordino del variatore volumetrico ma l’operazione richiede di togliere lo zaino; un aggancio sullo spallaccio per l’orologio (c’è chi preferisce non tenerlo al braccio specie col caldo e camminando nudo); la classica maniglia di trasporto nella parte superiore dello zaino (per brevi spostamenti all’interno di luoghi affollati è scomodo usare uno spallaccio e può dare intralcio metterselo a spalle); una tasca stagna per il solo smathphone; un fissaggio più sicuro per le chiavi. Modificherei anche il volume dei due comparti più grandi, riducendo quello a contatto con la schiena e ampliando quello stagno centrale. Vedrei molto bene una versione femminile.

In conclusione, questo Grivel Mountain Runner 20 necessita magari di attenzione nel carico dei materiali (mentre si è in marcia è invece tipico cacciarli dentro alla belle meglio) ed è poco agevole il fissaggio della sacca idrica, ma è proprio un bello zaino, pratico, comodo, stabile: è un piacere camminare e correre con lui sulle spalle. Decisamente promosso e consigliabile.

Importante integrazione consequenziale a un utilizzo sulla lunga distanza.

Zaino RaidLight UltraVest 20


Nella tarda estate del 2016, sulla base delle esperienze fatte durante la preparazione e il primo tentativo di TappaUnica3V, ho sentito l’esigenza di applicare dei portaborraccia agli spallacci dello zaino onde semplificare e velocizzare l’idratazione. Dal momento che i negozi della mia zona, quantomeno quelli da cui mi servo, non avevano nulla del genere ed anche su Internet non trovavo nulla di soddisfacente, capii che dovevo pensare ad uno zaino già così predisposto. A quel punto, avendo introdotto negli allenamenti la corsa dove l’ottimo zaino già in mio possesso (e descritto in altra recensione) perdeva stabilità, focalizzai la mia attenzione sugli zaini da trail che, oltre al requisito di cui sopra, mi avrebbero dato un minore peso e una maggiore stabilità. Nel corso dei due mesi successivi esaminai i siti di diversi produttori (quelli legati all’alpinismo, l’unico campo che, a quel tempo, conoscevo bene), visualizzando vari modelli, tutti, però, avevano un solo portaborraccia e io ne volevo due, uno per spallaccio. Cerca che ti ricerca sono incappato nel sito di RaidLight (marca che si dedica esclusivamente ai prodotti per il trail e che, quindi, non conoscevo) e ho trovato quello che desideravo, ma… ma quello che vedevo non mi convinceva per cui memorizzai la pagina e continuai la ricerca ancora per un mesetto. Cercai delle recensioni e ne trovai alcune, purtroppo nessuna dava pareri completi e tutte sembravano nascondere qualcosa (devo dire che analoga impressione l’avevo già avuta leggendo le recensioni di altri prodotti similari e anche completamente differenti). Alla fine, evitando stupidamente di vedere se lo zaino fosse disponibile presso qualche negozio della mia zona, mi feci convincere dal prestigio del marchio e dal valore dei suoi ambasciatori così ruppi gli indugi: nel tardo autunno 2016 feci l’ordine direttamente sullo shop on-line della RaidLight. Poco dopo arrivò il pacco, lo aprii freneticamente e la prima impressione fu quella di uno zaino esteticamente notevole ma anche piuttosto delicato per il tessuto sottilissimo, alzandolo rinotai quei dettagli che mi avevano fatto tergiversare a lungo prima di formulare l’acquisto ma mi dissi anche “non facciamoci condizionare dalla vista, spesso le apparenze ingannano, solo l’utilizzo darà indicazioni obiettive”.  Siamo ad oggi, l’utilizzo ora c’è stato ed è stato intenso, posso quindi formulare un parere oggettivamente valido, anche se, trattandosi di un prodotto che deve vestire, in parte sempre suscettibile di soggettività: “che delusione: alla prova dei fatti questo zaino è risultato solo in minima parte degno della fama del marchio e dei suoi testimonial”. Passiamo ai dettagli.

La base molto più larga, sia sul piano orizzontale che su quello longitudinale, della sommità dà allo zaino un’antica e obsoleta forma a pera che, per giunta, diventa rotondeggiante quando viene riempito anche solo parzialmente. A parte l’aspetto estetico, tutto sommato irrilevante, tale conformazione comporta un abbassamento (più materiale, indi più peso, alla base che sopra) e un arretramento (maggiore distanza dalla schiena) del baricentro, questo, per precise regole fisiche, genera un momento torcente e comporta un problematico portamento: lo zaino tira all’indietro e preme sui lombi provocando, alla lunga, dolore in questa sede. Si potrebbe obiettare che in uno zaino da trail non ci si mette tanto materiale e, soprattutto, non ci si mette materiale pesante, ma questo è uno zaino da venti litri e quindi anche solo il vestiario che ci si può infilare finisce con l’avere un peso già rilevante ai fini del discorso fatto, aggiungiamoci la tasca dell’acqua, un poco di cibo e magari una borraccia di riserva o un termos e la frittata è fatta.

Leggero (630 grammi) rispetto ai classici zaini da venti litri, ma comunque piuttosto pesante per la categoria a cui appartiene (trail), è fatto con un tessuto molto sottile e dall’apparenza alquanto debole, al lato pratico si è invece dimostrato piuttosto resistente, salvo per le diverse parti in maglina: vi restano facilmente impigliati rami e spine che strappano il tessuto, fortunatamente sono elementi che si sovrappongono al tessuto principale quindi i danni sono fino ad un certo punto ignorabili e poi facilmente riparabili con ago e filo. Discreta la traspirabilità del tessuto principale: riponendoci materiale umido (quale una maglia sudata) questo non riesce ad asciugare e va a infradiciare tutto il resto. Anche se ho avuto modo di testarla una sola volta, l’impermeabilità posso definirla quantomeno buona (ha retto tre ore di pioggia torrenziale) ma, mancando una patta di copertura, in parte annullata dalle cerniere non stagne: si rimedia parzialmente tenendo ambedue i cursori della cerniera sullo stesso lato dello zaino e, per le situazioni più critiche, adottando un coprizaino da pioggia (che faticherà a stare al suo posto visto che, per la conformazione tipica degli zaini da trail, manca il classico gradino creato dalla patta che sale oltre gli spallacci). Le pochissime fibbie presenti sono di materiale robusto e adeguatamente proporzionate per un comodo utilizzo anche coi guanti o le mani irrigidite dal freddo. Le cerniere sono poco scorrevoli, più curati i tiretti: al posto di quelli, classicamente fragili, metallici sono stati usati dei tiretti composti da una più resistente asola di cordino annegata in pratiche e anatomiche prese in plastica zigrinata che offre un’ottima presa. Il fondo dello zaino è rinforzato con materiale più robusto cucito solo sul contorno in modo da creare una grande e praticissima tasca inferiore. Dato il dorso molto più lungo del fronte e l’eventuale irregolarità del fondo provocata dalla presenza di materiale nella tasca inferiore, quando appoggiato a terra lo zaino, anche se bel pieno, non mantiene la posizione verticale: per riempirlo agevolmente o, una volta in ambiente, per non vederlo scivolare giù da qualche scarpata, va assolutamente sdraiato, meglio se sul dorso (che in caso di terreno bagnato o infangato si infradicerà).

Molto ampio e capiente il comparto principale, che poi è anche l’unico visto che per il resto possiamo solo parlare di tasche, mi sembra superi abbondantemente i venti litri dichiarati (oppure è il mio nuovo zaino da trail che non li raggiunge, ma direi più probabile la prima opzione); un comparto così voluminoso andava quantomeno diviso in due parti, sia per mantenere separato il materiale rendendone più facile la collocazione e il prelevamento, sia per premettere una migliore distribuzione del peso. Quasi completamente avvolto sui tre lati da una cerniera risulta facilmente accessibile in ogni suo punto, a cerniera completamente aperta, però, il contenuto tende ad uscire molto facilmente. All’interno di tale comparto, sul suo lato posteriore (ovvero quello a contatto con la schiena), è collocata la tasca per la sacca idrica; fatta in rete a larghi fori, è una tasca molto ampia in tutte e tre le direzioni con un conseguente limitatissimo contenimento della sacca che, essendo fissata solo al centro mediante l’apposto velcro (leggermente troppo lungo), tende ad oscillare; è comunque possibile sfruttare la tasca per collocarvi, e tenerlo separato dal resto , materiale morbido riempiendo gli spazi vuoti e stabilizzando la sacca. Il tessuto che separa la tasca dalla schiena, leggermente argentato, dovrebbe isolare la sacca dal calore, in realtà questo non avviene. Giustamente due sono le uscite per il tubetto della sacca idrica: destra e sinistra. Il sistema di variazione volumetrica è composto da un cordino che, scorrendo in passanti in tessuto, segue il bordo dei fianchi mantenendo inalterata la forma a pera e la tendenza del materiale a posizionarsi in basso. I passanti inferiori, sottoposti ad una maggiore tensione rispetto agli altri, vengono facilmente tagliati dal cordino; il punto di tiraggio è posto in basso al centro dello zaino risultando accessibile solo togliendo lo zaino dalle spalle; l’eccedenza del cordino può essere infilata nella parte centrale della grande tasca a maglia che avvolge la base dello zaino: l’apertura di accesso è limitatissima (ci passa un solo dito) e rende l’operazione non comodissima, inoltre questa zona non è separata dal resto della tasca per cui il cordino finisce col scivolare lateralmente andando a incastrarsi nel materiale che viene inserito complicandone la successiva estrazione.

Come già detto una parte in maglina elastica avvolge su tre lati la parte inferiore dello zaino e crea un ampio e comodo spazio accessibile da ben quattro aperture per lato (indi otto in totale): una orizzontale nella parte superiore laterale, è bella grande e, a patto di avere le braccia molto flessibili, fruibile anche senza togliere lo zaino; un’altra verticale nella parte laterale rivolta verso la schiena, leggermente più piccola e stretta (per evitare la fuoriuscita del materiale) della precedente ma più facilmente utilizzabile a zaino indossato; altre due, molto piccole, nella parte frontale dello zaino (una è quella già indicata parlando del sistema di variazione volumetrica). Tali aperture sono chiuse solo da un elastico di trattenimento, cosa comoda ma che lascia qualche perplessità sulla capacità di trattenere qualsiasi tipo di materiale. L’idea di questa grande tasca esterna attorno allo zaino in linea teorica è bellissima visto che permette di tenere a portata di mano molto materiale, peccato che, alla prova dei fatti, vada a esaltare la forma a pera incidendo negativamente sui già detti problemi di carico e portamento. Il cordino del sistema di variazione volumetrico passa all’interno di questa grande tasca senza nessuna separazione e, pertanto, finisce con l’ostacolare l’inserimento del materiale. Un’altra altrettanto comoda tasca in maglina elastica è cucita sul fronte dello zaino, l’accesso molto ampio e morbido lascia fuoriuscire il materiale rigido quando ci si leva lo zaino da spalle e lo si deposita a terra. In coincidenza di questa tasca ne è presente un’altra interna allo zaino e, quindi, fruibile a fatica quando il comparto principale è bello pieno; è molto profonda e larga, ma ha un accesso limitato (ci passano tre o quattro dita ma non la mano intera) che rende difficile recuperare eventuale piccolo materiale, ad esempio la patente, che vi sia stato deposto; al suo interno è presente un gancio in plastica per fissare le chiavi, peccato che un eventuale smartphone (che, nonostante la cerniera non stagna, trova qui la sua collocazione ideale) finisca per interferire con le chiavi, questo gancio andrebbe collocato all’interno dello zaino, tanto le chiavi serviranno solo al termine dell’uscita. Un’altra tasca, in larga maglina elastica, è ricavata all’interno dello zaino sull’ampia patta di accesso e viene così a coincidere in posizione con le precedenti due incrementando ulteriormente il conflitto tra i materiali: se ne riempite per bene una, sarà difficile usufruire delle altre. Chiusa solo da un elastico, per giunta piuttosto morbido, quest’ultima tasca perde facilmente il suo contenuto quando si apre il comparto principale e si rivolta la patta: sarebbe stato opportuno mettere almeno un pezzetto di velcro al centro, meglio due laterali, meglio ancora una cerniera.

Non esiste un vero e proprio schienalino, il dorso dello zaino è semplicemente imbottito sui due lati con due cuscinetti, divisi ognuno in tre parti da due cuciture trasversali, di discreto spessore e  ricoperti con un tessuto a maglina fine assai morbido e confortevole ma troppo caldo, cosa che torna utile con basse temperature o, a schiena sudata, nel reindossare lo zaino dopo una sosta, ma che risulta poco confortevole in tutte le altre situazioni: strano per uno zaino che è stato studiato per il deserto! Il sistema è quello sostanzialmente adottato da tutti gli zaini da trail ed è necessario alla vestibilità e alla leggerezza, ovviamente eventuale materiale duro lo si sente nella schiena se non si ha l’accortezza di frapporvi del vestiario (ma poi quando ti serve…): certo in un trail di materiale duro ne serve ben poco, giusto la frontale e il kit di pronto soccorso, ambedue collocabili altrove, ma se usate questo zaino per delle escursioni (personalmente trovo gli zaini da trail molto comodi per le escursioni di un giorno solo, specie se fatte a passo sostenuto e magari con qualche tratto di corsa) le cose potrebbero cambiare. Per la ventilazione della schiena c’è il solo canale centrale creato dalla separazione tra le due parti imbottite: pochino, il sudore non evapora. L’assenza di una struttura rigida impone molta attenzione nel collocare il materiale onde evitare il fastidiosissimo rigonfiamento a pallone verso la schiena: sostanzialmente sarebbe da evitarsi il classico riempimento alla buona, con appallottamento del vestiario, che si finisce col fare in fase di cammino, specie se si ha fretta.

Gli spallacci vestono molto bene e sono composti da un tessuto a maglia larga la cui elasticità viene limitata da due bordini in tessuto molto meno elastico, in tal modo si facilita l’indossamento senza inficiare la corretta sospensione dello zaino. Leggera l’imbottitura, adeguata al carico che si presume si possa dover mettere in uno zaino di questo tipo, un poco al limite per un utilizzo più escursionistico. Purtroppo il loro sistema di regolazione è molto meno adeguato: è difficile da registrare, appare dimensionato per toraci piuttosto voluminosi (il mio non è grossissimo ma nemmeno sottile eppure ho dovuto stringere al massimo) ed è cucito solo sul lato interno dello spallaccio per cui ad un certo punto il passante, più grande della fessura in cui passa la fettuccia del sistema di regolazione, si impunta nello spallaccio provocandone un fastidioso arricciamento. Il taglio degli spallacci lascia scivolare lo zaino verso il basso invece di tenerlo alto sulle spalle, peggiorandone il già critico portamento. Sulla parte alta degli spallacci sono applicate due taschine con chiusura a cerniera, sono comode per tenere a portata di mano barrette e gel ma rumorose (se non completamente riempite il materiale al loro interno rimbalza durante la corsa facendo frusciare il tessuto) e posizionate troppo in alto (praticamente sopra la spalla): con la complicità delle cerniere poco scorrevoli risulta difficile aprirle e chiuderle; essendo l’accesso posto sull’esterno, per accedervi senza togliere lo zaino bisogna piegare molto il braccio potendo così operare con le sole dita, e nemmeno tutte, il che rende complicato prelevare il materiale senza far cadere fuori il tutto. Sul lato frontale di queste taschine è applicata una fascia di tessuto in maglina dove poter infilare un’altra barretta tenendola a portata di mano, peccato che il posizionamento della tasca di supporto sottostante (come detto sopra la spalla) renda difficile inserire ed estrarre la detta barretta. Nel lato inferiore degli spallacci sono applicati i due ottimi portaborracia, uno per spallaccio: compatibili sia con le borracce da corsa tradizionali (rigide) che con quelle flosce; piuttosto capienti (ci si infilano anche borracce rigide da seicento centilitri); dotati di un pratico cordino elastico di chiusura, più lungo del necessario, l’asola eccedente torna utile per impedire alle borracce di scivolare fuori, ha un cursore che permette di chiuderli completamente rendendoli utilizzabili, in assenza di borraccia, come portamateriale (in una singola tasca potete metterci comodamente una canotta e, cosa utile a chi cammina o corre nudo, un sottile pantaloncino da corsa oppure ci si può addirittura collocare una maglia a maniche lunghe del secondo strato); le borracce rigide da seicento centilitri rimangono molto stabili e anche correndo non ho rilevato rilevanti problemi di sfregamento sui capezzoli, anche se si percepisce una certa pressione; sui due lati hanno un piccolo taschino di maglia a rete, abbastanza alto e capiente da potervi infilare, senza tema di perderlo (quantomeno in presenza di borraccia e camminando), persino uno smartphone con schermo da cinque pollici (cosa comoda per tenere a portata di mano la fotocamera o l’app GPS). All’interno dei portaborraccia una sottile membrana di morbido tessuto genera un altro taschino, qui, anche se la presenza della borraccia ne rende difficoltoso l’accesso, vi si possono infilare delle buste di gel o altri materiali sottili: non avendo una chiusura, in assenza delle borracce questo materiale può però fuoriuscire facilmente sotto l’effetto dei rimbalzi della corsa o dei salti. Due i cinturini elastici pettorali, uno nella parte alta degli spallacci e uno, con fischietto integrato nella fibbia, nella parte bassa in corrispondenza dei portaborraccia. Il primo ha un lato troppo corto che lo rende difficile da allacciare, inoltre con una regolazione ottimale la fibbia preme sul torace e alla lunga genera dolore; il secondo è fatto con un elastico che tende a perdere elasticità, inoltre il suo posizionamento (pensato per stabilizzare le borracce), tende a far ruotare verso l’interno i portaborraccia rendendo di fatto poco fruibile il taschino a rete interno (rimane schiacciato contro il torace). Manca un aggancio a clip per il terminale del tubetto della sacca idrica e un sistema di fissaggio dell’orologio (c’è chi preferisce non tenerlo al polso, specie con il caldo e specie camminando o correndo nudo). Dato il posizionamento basso sulla schiena dello zaino, il sistema di avanzamento del carico è sostanzialmente inutile, serve più che altro a mantenere più stretta la parte alta dello zaino ed evitarne sballonzamenti durante la corsa, oltre che a impedire, nell’aprire il comparto principale, l’involontario ribaltamento della patta anteriore e la fuoriuscita incontrollata del materiale.

In uno zaino vestente e corto la cintura in vita risulta inutile, dato il suo cascante posizionamento sulla schiena, risulterebbe in questo caso invece assai utile per stabilizzare uno zaino che, nella corsa e nei salti, tende a rimbalzare parecchio: l’intero zaino in senso verticale e la sua parte basale in quello orizzontale. Due ali laterali dipartono dal corpo dello zaino e vanno a collegarsi alla base degli spallacci; sopra di esse sono collocate due tasche, una, suddivisa in due parti con il tipico problema di conflitto tra i due contenuti, contiene l’attacco per un lettore MP3 (o smartphone ma dev’essere piccolino) il cui cavo passa all’interno del comparto principale per uscire sullo spallaccio destro dove il terminale permette il collegamento del jack degli auricolari. Queste due tasche sono discretamente capienti, peccato risultino talmente arretrate da richiedere capacità da contorsionista per potervi comodamente accedere senza togliere lo zaino, il tutto complicato dalle cerniere poco scorrevoli.

Doppio portabastoncini, uno classico sul retro dello zaino e uno innovativo sovrapposto al portaborracce che consente di riporre e togliere i bastoncini senza togliere lo zaino; non utilizzando i bastoncini non ho avuto modo di testarli. Quattro robusti anelli di tessuto sono posti sotto la base dello zaino e servono a fissare un eventuale sacco a pelo o materassino (le relative fascette vanno però acquistate a parte). Altri tre anelli sono presenti sulla parte frontale, sopra la tasca in maglina, e sono stati pensati per fissare un pannello solare di tipo portatile. Nella parte superiore degli spallacci sono presenti i due agganci per lo zainetto pettorale della RaidLight che si acquista a parte. Le cinghie di regolazione, decisamente ed eccessivamente lunghe, sono sprovviste di un efficiente sistema di raccolta e fissaggio dei lembi eccedenti che così restano fastidiosamente cascanti. Anellini di tessuto sono posti sulle varie taschine di rete e sui portaborraccia per facilitarne l’apertura. Questi ultimi e i passanti del variatore volumetrico sono fluorescenti facilitando l’individuazione della persona che cammina al buio.

Tirando le somme, dovendosi correttamente rilevare che questo zaino è stato nel 2017 rielaborato in una tipologia più tradizionale (decisamente più alto, apparentemente cilindrico, con spallacci più imbottiti e cintura in vita) e ora (2018) appare rimosso dal catalogo della casa produttrice (al suo posto è apparso un altro modello pressoché identico: il Legend 20), in questo RaidLigh UtraVest 20 si nota un’impressionante cura dei piccoli dettagli purtroppo non supportata da un’analoga attenzione verso i macrofattori, soprattutto verso i due aspetti più importanti ai fini di un corretto e indolore portamento: la forma e il posizionamento sulla schiena. Peccato, sono stato alla fine costretto a comprare un altro zaino di marca diversa (che recensirò quanto prima possibile perché appare veramente valido)!

 

 

Zaino Salewa Randonnée 36


 

dsc06316

Quando hai uno zaino pressoché perfetto il doverne registrare l’ormai eccessiva anzianità di servizio è certamente traumatico, ma la speranza di trovarne uno altrettanto valido, anzi, vista l’evoluzione del settore, probabilmente migliore, ti aiuta ad affrontare il delicato passo del nuovo acquisto. Con tali contrastanti sentimenti ero lì, nel negozio, davanti a decine di zaini di ogni forma e dimensione, deciso a non andarmene via senza il mio nuovo zaino. Con minuziosa attenzione esamino tutti quelli che rientrano nel range dimensionale che ho stabilito (dai trenta ai quaranta litri) e nel giro di una ventina di minuti ne ho uno che mi piace assai però… però è al limite minimo del range e secondo mia moglie potrebbe essere troppo piccolo, lo metto in disparte e riprendo l’analisi. Ce ne sono altri due che m’avevano colpito, li riesamino, li provo, li confronto, ma ancora non scatta quella molla che mi convinca all’acquisto. Ripasso tutta la collezione presente nel negozio, so che una scelta errata risulterebbe irreparabile per cui, anche se sia il commesso sia mia mogie iniziano a mostrarsi infastiditi dalla mia indecisione, ci ragiono sopra con attenzione. Dopo un’ora e mezza finalmente ho ridotto la scelta tra tre soli zaini: il primo che avevo individuato da subito e altri due che sono praticamente identici ma uno, un trenta litri come il primo, è da escursionismo e l’altro, un trentasei litri, è da sci alpinismo, che fare? Devo prendere una decisione e vado sul più grosso: anche se è studiato per un’attività diversa da quella che andrò a fare, alla fine è molto simile al corrispondente da escursionismo, purtroppo in negozio disponibile solo nella taglia più piccola, anche il peso è identico. Esco dal negozio con in mano il mio nuovo zaino, un Randonnée 36 della Salewa e ora, dopo tre anni di intenso utilizzo (precisiamo utilizzo escursionistico, visto che lo sci alpinismo non lo pratico più, e a tale utilizzo fa riferimento la presente recensione) in varie situazioni e su vari percorsi, da poche ore a quaranta ore consecutive, con il sole e con la pioggia, camminando e correndo, vestito e nudo, ne ho potuto apprezzare ogni singolo dettaglio, ogni singola caratteristica, individuandone pregi e difetti, si perché qualche difetto c’è, d’altronde la perfezione è inarrivabile.

IMG_8341La forma leggermente a gerla (più largo in alto che in basso) comporta un ottimo portamento del carico: essendo il baricentro dello zaino molto più in alto di quello del nostro corpo il peso del carico agisce su di noi in modo verticale, senza la pericolosa pressione sul piano trasverso a livello lombare che si crea quanto il baricentro dello zaino è prossimo o addirittura più basso del nostro. Abbastanza leggero (1100g) per la categoria a cui appartiene, è fatto con un tessuto robusto dotato di buona traspirabilità e discreta impermeabilizzazione, le cerniere non sono stagne ed è preferibile dotarsi di un coprizaino (purtroppo non integrato). Fibbie resistenti e, nonostante siano piccole, pratiche. Cerniere scorrevoli, i relativi tiretti, già di per sé stessi di buona dimensione, sono dotati di comodi, ma un poco delicati, tiranti in gomma con voluminosa presa. Il fondo dello zaino è adeguatamente rinforzato ma con una forma che, in abbinata allo schienalino rigido interno che arriva a sopravanzare il fondo, rende lo zaino poco stabile nell’appoggio a terra, ne consegue la difficoltà nell’operazione di riempimento e, una volta in ambiente, il pericolo di vederlo rotolare a valle se deposto a terra senza fornirgli un adeguato sostegno (tenerlo fra le gambe, appoggiarlo a un muro o una pianta, sdraiarlo).

IMG_20180706_170039Comparto principale con doppio accesso: quello classico superiore e quello alternativo laterale. Il primo è solo leggermente stretto, il secondo è molto ampio ma ha la cerniera mal dimensionata: la sua terminazione inferiore è lontana rispetto al fondo per cui è difficile se non impossibile prelevare gli oggetti posti più in basso (sebbene qui vadano collocati i materiali d’utilizzo meno frequente, questi sono spesso anche i più voluminosi e quindi complessi da estrarre se l’accesso è ridotto), mentre la terminazione superiore arriva molto in alto col risultato che, specie a zaino parzialmente vuoto e quindi molto arricciato nella parte superiore (la quale è per altro comunque facilmente accessibile dall’alto), per poter accedere al cursore della cerniera va aperta la patta. Limitatissima l’estensione del comparto principale (2 litri), comoda per una migliore chiusura del vano, specie in caso di pioggia. La tasca per la sacca idrica è collocata all’interno del vano principale, un’apposita finestrella (una sola, sul lato destro) permette il passaggio verso l’esterno del tubetto. Questa tasca è bella larga, i due fermi laterali, però, non si adattano alla forma dei principali sistemi di aggancio presenti sulle camelbag, comunque il velcro centrale è sufficiente dato che la tasca non si espande molto e tiene così ben ferma la sacca; tale limitata espandibilità purtroppo spinge la sacca idrica verso l’esterno e, nonostante lo schienalino semirigido, la fa sentire nella schiena. Nella parte superiore è presente un cinghiolo per il fissaggio della corda: può tornare comodissimo per fissare una giacca o un maglione mantenendoli velocemente fruibili.

IMG_20180706_170247La patta copre a fatica lo zaino quando questo è pieno, ma il bordo elastico facilita un poco l’operazione e la mantiene poi in posizione anche a zaino vuoto. Sopra la patta è collocata una comoda e capiente tasca che, correttamente, si espande verso l’alto onde mantenerla fruibile anche a zaino pieno. All’interno di questa tasca, sul suo lato inferiore, è cucita una rete che crea una parte isolata, invero poco utile dal momento che per accedervi è necessario aprire la tasca principale ed è così facile perdere materiale; la chiusura a velcro rende poco pratico l’accesso, inoltre ha il lato superiore più lungo di quello inferiore. Sotto la patta c’è un’altra tasca, questa con una più affidabile e comoda, chiusura a cerniera: documenti e chiavi possono qui trovare la loro collocazione migliore anche se in alcune occasioni può risultare scomoda (per accedervi è necessario aprire la patta). All’interno di tali tasche, purtroppo, manca il classico gancio per fissare le chiavi. C’è anche da rilevare che, problema comune a tanti zaini, le due tasche supplementari sono ricavate nello stesso spazio della tasca principale e pertanto risultano difficili da utilizzare quando quest’ultima è ben riempita.

IMG_8343Lo schienalino aderisce in modo preciso alla schiena dando, con il contributo della piastra modellabile interna (che invero non sono riuscito a modificare vista la sua estrema durezza ed ho preferito lasciarla così come è trovandola comunque già perfetta), allo zaino una eccellente stabilita: camminando non si sentono spostamenti laterali sia a pieno carico che a vuoto, solo correndo tende a sballottare (già non è uno zaino da corsa, ma lo è da scialpinismo, indi… l’azione dello sci provoca ancor più sollecitazioni laterali e verticali del correre). Il tessuto che ricopre il lato esterno dello schienale è morbido dando una sensazione gradevole anche sulla pelle nuda: dopo ore di utilizzo non ho rilevato irritazioni. Sarebbe stata apprezzabile una maggiore areazione che si poteva facilmente ottenere dimensionando i canali un poco più ampiamente o/e aggiungendone alcuni in più, questa è una delle poche cose che mi fanno rimpiangere in mio precedente zaino.

IMG_8342Spallacci ben formati, né troppo larghi né troppo stretti, imbottiti il giusto, facilmente regolabili, con cinghioli di avanzamento del carico. Dotati di cinturino pettorale per la stabilizzazione dello zaino, regolabile sia in lunghezza che in posizione, con elastico di tensionamento e fischietto incorporato nella fibbia di chiusura, purtroppo manca un sistema di fissaggio dell’avanzo di cinturino. Peccato manchino un passante per fissare l’orologio (camminando nudi si preferisce toglierlo), un pratico aggancio a clip per il terminale del tubetto della sacca idrica (c’è solo uno scomodo passante elastico sul lato superiore dello spallaccio: prima di togliere lo zaino bisogna ricordarsi di levare l’erogatore da tale passante perché non esce da solo o si rischia comunque di strappare il passante) e una morbida tasca portaborraccia.

IMG_20180706_170435Ottima anche la cintura in vita, con funzionale doppio (frontale e laterale) sistema di regolazione simmetrico (ogni regolazione è effettuabile su ambedue i lati), molto comode le striscioline in velcro per fissare quanto avanza della cintura frontale dopo la sua regolazione. Sul lato sinistro è collocata una comoda ma non molto capiente tasca con cerniera, sotto a questa troviamo un vano aperto su entrambi i lati dove, se la tasca sopra non è troppo piena, si possono infilare un paio di barrette energetiche o altro materiale sottile. Inutile ai fini escursionistici (ma a mio parere anche per quelli sci alpinistici, ce ne sono altri due più capienti sui lati dello zaino) il portamateriale applicato sul lato senza tasca, era molto meglio collocare qui una seconda tasca.

IMG_8344Comodissime le due tasche a rete poste sui lati dello zaino: molto capienti e alte vi si possono collocare anche le borracce ottenendone un comodo accesso, sebbene sia comunque necessario togliere lo zaino (o quantomeno uno spallaccio). La larga e piatta tasca anteriore a doppia apertura (cerniera laterale e velcro superiore), pensata per riporvi il materiale di emergenza (pala, sonda e barella), è comodissima per metterci la cartina e gli indumenti sottili di principale utilizzo, quali la maglietta, i pantaloni corti e il berretto, il suo riempimento va però a ridurre negativamente quello dello scomparto principale (o viceversa). Il sistema di fissaggio degli sci (cinghia laterale più cinghia inferiore a scomparsa) torna sostanzialmente inutile ai fini escursionistici, peccato non sia possibile rimuoverlo senza materialmente tagliarlo. Il porta piccozza va bene anche per fissare i bastoncini (se li utilizzate).  Manca un portaramponi, ma devo dire che a mio parere questo è più un vantaggio che uno svantaggio: molto meglio riporli all’interno dello zaino, subito sotto la patta. Adeguati i variatori di carico, anche se, alla fine, vista la già limitata larghezza dello zaino e la presenza sotto gli stessi delle tasche a rete, si utilizzano molto poco, possono comunque tornare utili per fissare un materassino o altro materiale leggero ma ingombrante.

Riepilogando il Salewa Randonnée 36 è un ottimo zaino da escursionismo, ricco di dettagli interessanti che lo rendono piuttosto versatile, alcuni piccoli ritocchi e la risoluzione di un paio di seri difetti potrebbero renderlo pressoché perfetto.

Indietro

Maglia tecnica invernale TECSO PRN1006


IMG_8394-1

Affiancandosi strettamente all’altra recensione fatta (T1006) e offrendo l’opportunità di ampliare il campo di scelta a chi avesse bisogno di una maglia tecnica da usare durante le proprie escursioni invernali, pubblico subito anche questa scheda.

Altra maglia Tecso di ottima qualità e dalle caratteristiche tecniche eccezionali, purtroppo con un probabile errore di stampigliatura della taglia che, pur senza inficiare del tutto la prova, ne condiziona notevolmente l’utilizzo e una parte delle valutazioni. Ma andiamo con ordine.

Dopo l’acquisto dell’altro modello, quello già recensito, visto che, nonostante la soddisfazione delle prove fatte, presentava qualche leggera controindicazione all’uso che ne devo fare (escursionismo a ritmo sostenuto e/o su percorsi estremamente lunghi), attraverso Internet mi sono informato sugli altri prodotti della Tecso e ho appreso che la loro produzione prevede anche capi d’abbigliamento più specifici per la corsa, presumibilmente più adatti alle mie esigenze. Casualmente scopro che una delle mie sorelle conosce l’azienda e il suo titolare, combiniamo allora una visita pressoché immediata. L’intenzione è innanzitutto quella di acquistare una maglia tecnica invernale per i mei allenamenti di TappaUnica3V, poi visionare dal vero anche gli altri prodotti, infine, perché no, sondare la possibilità di ottenere un piccolo supporto al mio viaggio, magari la giacca antivento che da tempo cerco senza trovarne una che abbia tutte le caratteristiche che voglio.

Mia sorella, convinta che a me interessi più che altro la sponsorizzazione, parte col discorso di TappaUnica3V e mi vengono fatte vedere tre bellissime maglie estive. Mi soffermo a lungo ad osservarle, sono tutte bellissime, in particolare quella più leggera, però… però intanto l’estate è lontana, poi nelle escursioni estive preferisco stare nudo e per quei momenti in cui devo necessariamente vestirmi sono già sufficientemente e modernamente equipaggiato, quello che mi manca è l’inverno. Sposto quindi l’attenzione sulle maglie invernali.

IMG_8395

Aerazione della schiena

Ne escono due, una più leggera, l’altra più vicina al peso delle maglie già comprate al mercatino ma con una composizione dei tessuti decisamente diversa e più adatta al cammino sostenuto. Alla fine mi compro quest’ultima, purtroppo senza la possibilità di provarla sul posto e, arrivato a casa, risulta troppo piccola: nell’uscita del giorno successivo non posso provarla, peccato.

Cambiata la maglia pochi giorni dopo ne faccio il primo test su un percorso lungo. La temperatura è costantemente prossima allo zero, in certi momenti anche sotto, e in alcuni tratti del percorso c’è anche un forte e freddissimo vento: niente di meglio per testare un capo invernale.

Subito si dimostra decisamente un buon acquisto: da fermo la maglia non apporta calore ma appena ci si mette in movimento diviene bella calda tanto che per tutto il giorno non ho bisogno di aggiungervi altro né sotto né sopra; la protezione dall’aria ancora non è ottimale ma è decisamente migliore rispetto alla T1006. Estremamente elastica aderisce molto al corpo pur lasciando ampia libertà di movimento; il collo è un po’ troppo alto e sulle prime mi dà un poco di fastidio, comunque svanisce nel giro di poco tempo; anche dopo molte d’utilizzo ore non ho sensazioni di prurito ed è totale l’assenza di irritazioni.

La cosa più interessante e che più la differenzia dalla T1006 è che questa maglia si bagna pochissimo e solo dopo molte ore di cammino: inevitabilmente, specie per un corpo che è abituato  a stare nudo, incrementa anche lei la naturale sudorazione, ma proprio di poco e il sudore passa subito all’esterno da dove evapora velocemente e completamente anche nella parte di schiena a contatto con lo zaino.

Negli allenamenti successivi uso sempre questa maglia e le prime osservazioni si confermano, anche se, proprio nell’allenamento in stile corsaiolo di oggi 6 febbraio, sulla schiena sia la maglia che la pelle si sono decisamente bagnate: certo è da considerarsi che l’uso di uno zaino limita considerevolmente le caratteristiche di traspirazione della maglia, inoltre il fatto che il mio zaino abbia un appoggio a cuscinetto quasi pieno incide ulteriormente (ma l’appoggio con rete rende lo zaino poco stabile nella corsa, inoltre risulta fastidioso sulla pelle nuda: tutta l’attrezzatura che prendo deve necessariamente risultare adeguata all’utilizzo in nudità, aspetto che le case produttrici dovrebbero iniziare a prendere in considerazione vista la costante crescita di coloro che scelgono di vivere in nudità e, pertanto, nudi praticano anche gli sport), d’altra parte questo è l’utilizzo che devo farne e queste sono le mie esigenze, esigenze magari al limite ma che ritengo siano pur sempre abbastanza vicine a quelle di ogni escursionista allenato.

Arriviamo ai difetti, che, come già anticipato, a parte il primo, a mia opinione sono da attribuirsi ad un errore di stampigliatura della taglia (non oso pensare che si possa volutamente produrre una maglia siffatta):

IMG_8404

  • i polsini sono troppo larghi e lasciano scivolare la manica verso l’alto;
  • a cerniera completamente abbassata il colletto risulta fastidiosamente tirato all’indietro;
  • le maniche sono troppo corte e non arrivano ai polsi (anche i ricami dei gomiti sono spostati verso l’alto);
  • ma la cosa peggiore è che ad essere corto è anche il corpetto, troppo corto, arriva poco sotto l’ombelico; data la sua notevole elasticità, tirandolo si riesce a farlo entrare nei pantaloni ma camminando se ne esce nel giro di pochi minuti lasciando scoperte proprio le due parti del corpo più sensibili al freddo, reni e pancia; inaccettabile per una maglia invernale ed anche incomprensibile visto che l’altra maglia era perfetta; confrontandola, come dalle foto a fianco e sotto, con l’altra Tecso ben si nota la differenza; anche la larghezza è sensibilmente inferiore, avevo attribuito questo alla diversa destinazione d’uso delle due maglie, poi l’ho confrontata con altra maglia da corsa (di marca diversa e, per giunta, estiva) e il risultato non cambia, molto più corta e sensibilmente più stretta.

IMG_8406-1

L’evidente differenza di lunghezza con la T1006

Ultimo appunto, seppure indossandola non mi sono impigliato in niente, rivoltandola si notano anche in questa diversi fili sporgenti che formano asole libere, molti di più che nella T1006 e distribuiti su un maggior numero di zone, il timore è che alla lunga si possano strappare e provocare un cedimento strutturale della maglia.

Tecso Articolo PRN1006: maglia a manica lunga con collo a lupetto dotato di cerniera; 92% polipropilene Dryarn, 8% elastan.

Voto (ignorando il probabile errore di stampigliatura della taglia e rapportandolo ad una maglia dimensionata correttamente):

  • estetica 9
  • cura dei dettagli 9
  • finiture 10 quelle esterne, 5 quelle interne
  • vestibilità 10
  • comfort 10
  • calore 8 a freddo, 10 dopo essersi messi in movimento
  • protezione dall’aria 9
  • complessivo… 9 e mezzo (così come è, corta e stretta, la valuterei comunque con un 6)

Maglia tecnica invernale TECSO T1006


IMG_8399-1

Trovata da mia moglie sulla bancarella di un mercatino di paese, appena mi viene consegnata resto colpito dalla gradevolissima estetica anche se rimbrotto per non essere il capo d’abbigliamento tecnico che stavo cercando (maglia tecnica da corsa mentre questa è una maglia sotto tuta da sci). Ormai c’è e tanto vale provarla, nell’infilarla, però, due dita di una mano restano incastrate in alcuni fili sporgenti, rivoltata la manica individuo qualche altro sfilacciamento, cosa che mi indispone ulteriormente (questo per dire che quanto segue è sincero e non dovuto a smancerie).

IMG_8407La maglia calza bene, ben elastica aderisce ovunque senza stringere, il corpetto è lungo a sufficienza da coprire i reni, le maniche arrivano fino ai polsi senza andare fastidiosamente oltre, il colletto ben alto garantisce un’adeguata protezione del collo dall’aria, la cerniera scorre bene e il relativo tiretto è della giusta misura dando una presa ottimale senza, nel contempo, creare fastidio. Ottima, infine, la libertà di movimento, gradevole il contatto con la pelle e immediata la sensazione di calore, aspetti importanti visto l’uso che intendo farne.

Qualche giorno dopo posso provarla direttamente sul terreno pratico e, pur evidenziandosi non essere il suo specifico campo d’azione, ne resto veramente soddisfatto. Dopo il lavaggio l’asciugatura è velocissima, ciliegina sulla torta che mi fa decidere per l’acquisto di una seconda maglia dello stesso articolo (stavolta mi arriva una taglia in più che risulta altrettanto adeguata e confortevole, all’interno si notano ancora gli stessi sfilacciamenti).

IMG_8406Dopo varie uscite, effettuate tra novembre e gennaio, a quote comprese tra i 400 e i 2000 metri, camminando a passo sostenuto e per diverse ore, con un impegno fisico non indifferente, premettendo che faccio riferimento sempre e solo all’utilizzo come capo esterno calzato direttamente sulla nuda pelle, posso affermare che:

  • il capo dona di suo calore al corpo;
  • sotto sforzo fa magari sudare un po’ troppo;
  • il sudore viene immediatamente trasferito sul lato esterno della maglia;
  • la pelle resta perfettamente asciutta;
  • l’evaporazione del sudore è abbastanza veloce, solo la parte di schiena a contatto con lo zaino non riesce ad asciugarsi (da notare che il dorso dello zaino si presenta asciutto);
  • anche a maglia esternamente bagnata la protezione termica è pressoché inalterata;
  • si sente un po’ troppo l’effetto del vento e dell’ombra,
  • totale assenza di irritazioni o più o meno fastidiosi pruriti.

Insomma, un capo ottimo e, seppur con le piccole limitazioni riportate, adatto anche all’utilizzo come maglia per escursionismo, perfetta con temperature tra i 5 e i 10 gradi centigradi, comunque buona, in assenza di vento, anche sotto i 5. Aggiungendovi o una maglia tecnica leggera, da calzare sotto, o una giacca tecnica antivento, da calzare sopra, anche a temperature più rigide (credo d’essere arrivato sino a -10) ci si sente benissimo, anche da fermi.

Tecso Articolo T1006: maglia a manica lunga con collo a lupetto dotato di cerniera; 70% polyamide Skinlife, 25% polipropilene Dryarn, 5% elastan. Prodotto fuori produzione sostituito dal modello TN1006 che ha le stessa composizione dei tessuti ma, dalle immagini sul sito, appare un poco più ricercata nei dettagli tecnici della parte alta del torace e della schiena.

Voto:

  • estetica 9
  • cura dei dettagli 9
  • finiture 10 quelle esterne, 7 quelle interne
  • vestibilità 10
  • comfort 10
  • calore 10 in assenza di vento, 8 in presenza di vento
  • protezione dall’aria 7
  • complessivo 9

Impronte


Un direttore, nove musicisti, dodici melodie… una sinfonia.

Ci sono momenti di alta, altri di bassa, altri ancora che oscillano tra vari livelli sonori. Ci sono tratti filanti e altri meno, parti melodiche e altre romantiche, c’è un’alternanza di suoni che evoca e produce l’alternarsi di emozioni.

In alcuni punti rivedi tè stesso, in altri riconosci familiari o amici, altrove si compongono figure più o meno distinte, immagini ignote, fantastiche o mitologiche.

Amore e dolore, vita e morte, sogno e realtà, velocità e lentezza, emozioni che, una dopo l’altra, si alzano e si abbassano, si creano e si dissolvono, si mescolano e si separano. Tracce subliminali che s’imprimono nella mente. Tracce evidenti che segnano il cammino.

Impronte, impronte di scrittura, impronte di lettura, impronte emozionali, impronte sensitive, impronte.

Impronte… un conduttore, nove appassionati scrittori, dodici mesi, dodici semplici parole espressione di dodici complessi argomenti.

Impronte che man mano vanno a fissarsi nelle pagine di un sito, impronte infine dipinte, eternamente impresse nelle pagine di un libro.

Impronte, quelle che resteranno segnate nel vostro cuore alla fine di questa lettura.

Impronte!


“Impronte” racconti del Circolo Scrittori Instabili, libricino edito per mano e mente di Luca Bonini, Elda Cortinovis, Barbara Favaro, Mara Fracella, Laura Giardina, Giorgio Matteotti, Rossana Mazza, Franco Pelizzari, Giovanni Zambiasi, coordinamento di Barbara Favaro, illustrazioni di Silva Cavalli Felci – Lubrina Editore.

Il libro è acquistabile su IBS, clicca qui per reperirlo direttamente.

Resoconto della serata di presentazione sul sito del Circolo Scrittori Instabili.

Impronte

Recensione di “e poi c’è CAP D’AGDE – I racconti di un pollo”


libsiman

Tutto è un flusso, la vita e le cose della vita sono un flusso, un continuum di eventi fra loro più o meno interdipendenti ma che inevitabilmente vanno a costruire la nostra storia, le nostre esperienze, il nostro modo di vedere e vivere le cose. Così è per l’insieme di noi come per le piccole specificità che compongono il nostro insieme.

Anche i libri sono un flusso, una sequenza di parole che nella logicità sintattica della loro composizione formulano una sequela di discorsi, di opinioni, di racconti, di affermazioni che vanno a costruire il contesto del libro. Così è anche per “e alla fine c’è CAP D’AGDE” dove si racconta il flusso nudista dell’autore da quando si è trovato coinvolto in una visita ad un luogo nudista. Ehm, dell’autore? No, no, c’è il trucco, anche se lo sembra invero non è un racconto autobiografico, piuttosto un puzzle di eventi raccolti qua e là all’interno di alcuni anni di discorsi da forum, e in alcuni casi elaborati dalla fervida fantasia.

Un tassello qua, un altro la, uno sopra, un altro sotto, questo a destra, quello a sinistra, ecco che, uno dopo l’altro, gli eventi vanno mirabilmente a fondersi, intersecarsi, sovrapporsi, allinearsi in un unico avvincente continuum che, più di qualsiasi altra formulazione, illustra minuziosamente il nudismo nei suoi molteplici aspetti: come ci si arriva, cosa vi si cerca, i dubbi, le perplessità, gli apprendimenti, le curiosità, i chiodi fissi, le speranze, le disillusioni, le persone e… Cap D’Agde.

Perché proprio Cap D’Agde? Perché non un’altra delle tante località nudiste? Perché proprio questa che è universalmente conosciuta e riconosciuta più come città della perdizione sessuale che come luogo di sano nudismo? Semplice, Cap D’Agde è forse l’unico luogo nudista estesamente noto anche fuori dallo specifico contesto del nudismo e non esiste nudista che prima o poi non venga in contatto, fisicamente o meno, con tale città, vuoi per i racconti di altri, vuoi per gli articoli dei media, vuoi per le discussioni sui forum. Il flusso nudista, che lo si voglia o meno, porta e/o passa inevitabilmente per Cap D’Agde, innegabile, incontestabile, ineluttabile.

“e poi c’è CAP D’AGDE… nudismo, nudisti, ipotesi, maldicenze e speranze – i racconti di un pollo – “ è un libricino che si legge volentieri, una lettura per tutti, assolutamente tutti, ivi compresi i giovani, i ragazzi e alla fine anche i bambini. Tutti possono trovarci qualcosa di interessante, tutti possono trovarci qualcosa di istruttivo. Tutti, assolutamente tutti possono venirne coinvolti.

Con poco più di cento pagine scritte con caratteri di generose dimensioni, ben leggibili anche da chi non ha undici decimi di vista, si legge facilmente e gradevolmente, si legge in un piccolo lasso di tempo, si può leggere in una qualsiasi pausa del giorno, a casa come sul lavoro, durante l’ora delle merenda, oppure la sera prima di coricarsi, o anche, sulle orme del Don Abbondio di manzoniana memoria, mentre si passeggia.

Un libro che senza volerlo fare finirà per convincervi, una creazione assolutamente realistica, una fantasia del vero che diventa realtà, il racconto di un pollo che racconta tanto, tantissimo anche di se stesso.

“e poi c’è CAP D’AGDE… nudismo, nudisti, ipotesi, maldicenze e speranze – i racconti di un pollo – “ assolutamente da leggere.

Potete acquistarlo su Lulu, sito di supporto per gli autori editoriali indipendenti, i proventi andranno integralmente a supporto delle spese di gestione del sito iNudisti al quale è dedicato e dal quale ha preso spunto.

Potrete presto leggerlo anche attraverso la Rete Bibliotecaria Bresciana e Cremonese.

libsiman

Orologio Laurens Snorkeling


Laurens è un marchio della più nota e prestigiosa azienda Lorenz.

Grande abbastanza da essere ben leggibile senza creare fastido sul polso, questo orologio di basso costo (69€ soltanto) si propone come un buon attrezzo per lo snorkeling e la pesca in apnea.

Esteticamente gradevole, il rivestimento gommato lo rende piacevole al tocco, i tasti di comando colorati sono facili da individuare anche con poca luminosità, sono solo un poco piccoli e, per questo, si manovrano con qualche difficoltà indossando i guanti; spesso, poi, la pressione del tasto che commuta la modalità (ma rilevata la stessa cosa anche con quello che scorre il registro d’immersione) viene percepita come una doppia pressione e la commutazione avanza di due step anzichè uno (da orologio a registro, scavalcando il modo deep). Non è un water-proof ma solo un water-resistant, comunque a 100 metri; la cassa è in materiale plastico (e alluminio) ma la lunetta e il fondello, serrato mediante quattro viti, in acciaio ne fanno un oggetto affidabile anche per l’uso in acqua, basta ricordarsi che i tasti non sono studiati per l’utilizzo in immersione e vanno pertanto manovrati solo in superficie.

Trattandosi di un orologio digitale la ghiera girevole risulta solo un inutile orpello estetico, meglio sarebbe se al suo posto si fosse messa una griglia di protezione del vetro, visto che utilizzandolo nella pesca in apnea, ma anche nello snorkeling diciamo evoluto (quello che prevede non il solo nuoto pinnato in superficie o poco sotto la stessa, bensì anche diversi tuffi con soste sul fondo), è facile sfregare o urtare quest’ultimo contro i sassi del fondale, in particolare quando si infila una mano sotto di questi per immobilizzarsi sul fondo. Allo stato attuale conviene proteggerlo tenendolo sotto il polsino del guanto, anche se questo rende poco agevole l’utilizzo dell’orologio in fase d’immersione, per consultarlo, e in superficie, per commutare gli stati.

Il cinturino è in gomma semirigida, ma risulta comunque abbastanza confortevole; la sua lunghezza è tale da poterlo indossare agevolmente anche sopra la muta, mentre è al limite l’utilizzo sopra anche il polsino del guanto. I fori di fermo sono ben dimensionati, mentre risulta troppo mobile il passante in cui infilare la parte eccedente del cinghiolo. La fibbia appare robusta e agevole da manovrare, sebbene abbia troppo agio nel ribaltamento e si fatichi un poco, specie con i guanti, a riportarla in avanti per infilarci il cinturino; l’astina di aggancio è piatta e apparentemente robusta, ma molto sottile e quindi difficile da sollevare.

I dati sullo schermo sono facilmente identificabi, la loro dimensione abbondante li rende facilmente leggibili e la presenza della retroilluminazione, di cui non si può usufruire in immersione dato che i pulsanti, come già detto, non sono studiati per l’uso subacqueo, ne consente la lettura anche in assenza di luce.

Veniamo ai dati riportati, limitando l’analisi a quelli che interessano l’apneista (l’orologio non prevede dati specifici per l’immersione con bombole).

L’orologio incorpora un profondimetro e un sensore di temperatura; ambedue i dati, insieme al tempo di immersione, sono riportati nella stessa schermata della modalità deep. Qui si rilevano alcune caratteristiche fastidiose e in parte incomprensibili vista la destinazione d’uso specifica: lo snorkeling.

Affinchè la modalità deep entri in funzione non è sufficiente commutare lo stato in deep, ma bisogna anche avviare la rilevazione premendo l’apposito pulsante. Questo, sebbene rendi meno pratico l’utilizzo della funzione, può anche accettarsi, unico vero appunto è che il pulsante di attivazione è proprio quello che si appoggia al guanto (alto destra) e con guanti spessi si fatica non poco a manovrarlo. Di difficile comprensione è, invece, la scelta di far partire la registrazione dell’immersione dopo ben un minuto di permanenza sotto il metro e mezzo di profondità: quale è lo snorkelista che effettua apnee di tale entità? ma anche per il pescatore in apnea, un tempo di avvio ridotto almeno della metà non sarebbe male, ma meglio ancora sarebbe portarlo a zero secondi. Adeguato il tempo di uscita automatica dalla modalità di registrazione (10 minuti), mentre il tempo di uscita automatica della modalità deep (60 secondi) è troppo breve: andrebbe portato a 5 minuti. Scarsino il numero di tuffi registrabil (solo 20), sebbene si possa ovviare mantenendo attiva la modalità di registrazione del tuffo, sarebbe meglio portarlo a 50. In risalita il profondimetro procede ovviamente a scalare: visto l’utilizzo specifico e le caratteristiche dell’orologio (commutazione manuale) meglio sarebbe se venisse riportata la profondità massima raggiunta nel tuffo, bloccandola in fase di risalita o facendola apparire al posto di 0.00 una volta arrivati in superficie. L’allarme di discesa troppo veloce, che si attiva oltre i 6 metri al secondo e comporta il lampeggio dell’indicatore di profondità (ma chi lo guarda scendendo?) e l’avvio di una segnalazione acustica (ma chi ci bada?), lo rimuoverei, al suo posto magari inserirei un indicatore del tempo di recupero in superficie. Sempre in ragione delle caratteristiche attuali, sarebbe opportuno poter consultare l’ora senza uscire dalla modalità di registrazione del tuffo.

Tutto sommato un buon orologio per il pescatore in apnea, che si potrebbe rendere ottimo con le modifiche suggerite, modifiche che non credo possano incidere più di tanto sul costo dell’orologio, ma lo renderebbero sicuramente più adeguato allo specifico target d’indirizzo: snorkeling e pesca in apnea.

The Meandering Naturist

Traveling the world in search of naturist nirvana...

Interferenze

“Walk in the mashup side!"

Vita a Lou Don

Una borgata alpina con tre abitanti ma tante storie da raccontare

ARDRONINO

Quadricottero con Arduino

El eurociudadano nudista

... eta nik txoria nuen maite ...

mamá nudista

Vivencias y opiniones desde mi condición de mujer, madre, nudista y humana

Freekat2

Finding My Way, Trusting My Path, Sharing My Journey

MOUNTAIN SOUND

LA' DOVE VIVONO GLI ANIMALI - MATTIA DECIO PHOTOGRAPHER

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2019

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer // photographer // fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: