Archivi Blog

Le ricette del “Cuoco Nudo”: capesante in salsa di zenzero


Ingredienti (per quattro persone)

8 capesante (mezzo guscio), 60 grammi di radice fresca di zenzero, 50 grammi di cipolla, un vasetto di yogurt bianco (anche di soia) non zuccherato, 3 fette biscottate ai cereali senza zucchero (oppure del pane duro ai cinque cereali), mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva, sale, pepe bianco, un limone, burro.

Preparazione

Lavare lo zenzero e la cipolla e tritarli a piccoli pezzi, lavare le capesante, grattugiare le fette biscottate.

In un piccolo tegame versare l’olio e farlo scaldare, aggiungere la cipolla e lasciarla imbiondire, aggiungere lo zenzero e, mescolando in continuazione, farlo appassire abbondantemente. Versare il composto in un alto e stretto contenitore, aggiungere lo yogurt e lavorare abbondantemente con un frullatore a immersione fino a ottenere una soffice crema.

Prendete le capesante e adagiatele in un piatto da forno, salatele e pepatele, versate su ognuna un poco di succo di limone e di olio, ricopritele con due cucchiai di crema allo zenzero e infine riempite quasi completamente il guscio delle capesante con il trito di fetta biscottata, sopra il quale adagiate una piccola noce di burro. Mettete al forno che avevate preventivamente scaldato a 180 gradi centigradi e lasciate cuocere per una quindicina di minuti.

Sfornate e impiattate decorando il piatto con una fetta di limone e una strisciata di crema allo zenzero. Accompagnare con spumante secco.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: risotto con gamberetti e zenzero


Ingredienti (per quattro persone)

Per il risotto: 350 grammi di riso per risotti, 2 litri di brodo di polpo, 350 grammi di code di gambero sgusciate, 50 grammi di radice fresca di zenzero, pepe, un limone, mezzo bicchiere di olio extravergine di oliva, un bicchiere di vino bianco secco fermo o mosso (va bene anche dello spumante).

Per il brodo di polpo: 3 litri di acqua, 1 polpo di circa 7 etti, 2 spicchi d’aglio, pepe nero in grani, una gamba di sedano, un limone, una cipolla, sale grosso.

Preparazione

Preparate il brodo di polpo mettendo a lessare il polpo insieme agli spicchi d’aglio interi, qualche grano di pepe nero, la gamba di sedano tagliata in due parti, il limone e la cipolla tagliati in quattro parti, un’adeguata presa di sale grosso. Quando il polpo è quasi cotto spegnete la fiamma e lasciate raffreddare completamente. Levate il polpo, filtrate il brodo e assaggiatelo: se è troppo carico di sapore aggiungete uno o due bicchieri di acqua.

Lavate le code di gambero, lavate e tritate finemente lo zenzero, lavate e spremete il limone. Rimettete al fuoco il brodo di polpo per riportarlo a bollore per poi tenerlo in sottobollo.

In una larga casseruola mettete l’olio e fatelo scaldare a fuoco moderato, quando inizia a fumare abbassate la fiamma e versate i gamberetti facendoli soffriggere fino a che diventano rossi. Aggiungete lo zenzero e mescolando in continuazione fate insaporire per un minuto, poi aggiungete anche il riso. Un altro minutino per far cantare quest’ultimo ingrediente e a questo punto versate il vino. Quando il liquido è evaporato completamente aggiungete due mescoli di brodo. Lasciate assorbire quasi completamente, sempre mescolando con una certa frequenza onde evitare che il riso attacchi al fondo della pentola, e continuate la cottura aggiungendo un mescolo di brodo alla volta. A fine cottura se necessario aggiungete ancora un poco di brodo per ottenere un risotto non troppo asciutto. A fuoco spento aggiungete una spruzzata di succo di limone e pepate leggermente, mescolate e impiattate decorando a vostro piacere.

Servite immediatamente accompagnando con lo stesso vino (o spumante) usato per la cottura.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: uova strapazzate con formaggio e zenzero


Ingredienti (per quattro persone)

12 uova, 120g di formaggio saporito a pasta morbida di breve stagionatura, 20g di zenzero fresco, 100g di burro, olio extravergine di oliva, sale.

Preparazione

In una scodella rompere le uova, stracciarle per bene e aggiungervi il formaggio tagliato a piccoli pezzetti, lo zenzero grossolanamente tritato e sale, mescolare per amalgamare bene il tutto.

In un largo tegame far sciogliere il burro bagnato con un filo d’olio dopo di che aggiungere il composto di uova, formaggio e zenzero. Mescolando con decisione mantenere stracciate le uova e portarle a cottura. IL formaggio non deve fondere completamente ma solo ammorbidirsi e amalgamarsi leggermente alle uova.

Impiattare e accompagnare con dell’insalata fresca tagliata a sottili striscioline insieme a dei cetrioli sottilmente affettati.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: pennette ai semplici sapori


Ingredienti (per quattro persone)

400g di penne rigate piccole, sale grosso, acqua, 20 pomodorini ovali (Piccadilly, Pakino Ovale o simili) ben maturi, timo, origano, semi di Chia

Preparazione

Mettete al fuoco l’acqua per la cottura della pasta e in attesa che prenda il bollore mondate e tagliate a pezzetti i pomodori. Quando l’acqua bolle aggiungete il sale grosso e lasciatelo sciogliere, a questo punto immergetevi le penne e lasciatele cuocere a fiamma medio bassa.

Quando manca un minuto alla giusta (al dente) cottura della pasta, prelevate e mettete da parte un mestolino di acqua di cottura della pasta, indi scolatela e rimettetela nella pentola di cottura, bagnatela con pochissima acqua di cottura, aggiungete un filo d’olio e i pomodorini tagliati a pezzi, mescolando per bene facendo colorire di rosso la pasta, unite timo e origano in abbondanza, poi impiattate versandoci sopra i semi di Chia (non danno sapore ma colore).

Decorate a piacere e accompagnate con del vino rosso fermo, a temperatura ambiente.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: spaghetti uno, due, tre


Ingredienti (per quattro persone)

480g di spaghetti grossi, 50g di sale grosso, 3l di acqua, 10 mandorle, 6g di zenzero, 20 pomodorini ovali (Piccadilly, Pakino Ovale o simili) ben maturi.

Preparazione

Mettete al fuoco l’acqua per la cottura degli spaghetti e in attesa che prenda il bollore sgusciate e tritate finemente le mandorle, tritate grossolanamente lo zenzero, mondate e tagliate a pezzetti i pomodori, indi mescolate i tre composti fra di loro provocando lo schiacciamento delle fette di pomodoro e la dispersione del relativo succo. Quando l’acqua bolle aggiungete il sale grosso e lasciatelo sciogliere, a questo punto immergetevi gli spaghetti e lasciateli cuocere a fiamma medio bassa.

Quando manca un minuto alla giusta (al dente) cottura della pasta, prelevate e mettete da parte un mestolino di acqua di cottura della pasta, indi scolatela. In un largo tegame versate l’olio e scaldatelo leggermente, versate la pasta e, mescolando in continuazione, lasciatela insaporire, aggiungetevi il composto di pomodori, zenzero e mandorle. Mescolate per bene facendo colorire di rosso la pasta, bagnate con l’acqua di cottura tenuta da parte e lasciate al fuoco ancora per circa un minuto poi impiattate.

Decorate a piacere e accompagnate con del vino rosato mosso bel fresco.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: Penne in salsa saporita


Ingredienti (per quattro persone)

400g di penne; 250g di mela; 25g di zenzero fresco; 4 cucchiai di yogurt bianco di soia; mezzo litro d’acqua; sale; pepe nero.

Penne in salsa saporita

Preparazione

Tritare finemente lo zenzero sbucciato e lavato. Lavare e sbucciare la mela, poi tagliarla a piccoli pezzi.

In un tegame ampio versare la mela e bagnarla con un goccio d’acqua, mettere al fuoco e, mescolando, lasciar colorire la mela poi aggiungere la restante acqua. Portare a bollore e, sempre mescolando, lasciar cuocere finché l’acqua è evaporata per tre quarti, a questo punto aggiungere lo zenzero e continuare la cottura a fuoco lento per far addensare il tutto.

Nel frattempo preparare la pasta. Quando è cotta scolarla e aggiungerla al composto di mela e zenzero. Mescolare per bene, spegnere il fuoco, aggiungere lo yogurt, mescolare ancora, spolverare di pepe e servire ben caldo decorando con spicchi di mela.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: Cavedano a letto


Ingredienti (per quattro persone)

1 cavedano da 500g, 500g di patate, 1 limone, 50g di zenzero fresco, 3 foglie di salvia, 2 cucchiaio di olio d’oliva extravergine, sale.

Preparazione

Squamare e pulire per bene il pesce, lavarlo, togliergli la testa e aprirlo completamente sul lato pancia in modo da poterlo aprire a libro. Lavare il limone e tagliarne cinque fette molto sottili, quasi trasparenti. Lavare e sbucciare le patate, mettendole man mano in acqua acidulata con un poco di succo di limone. Quando tutte le patate sono pulite, tagliarle a fettine molto sottili che vanno a loro volta immediatamente messe nell’acqua acidulata.

Cospargere i due lati del pesce con un poco di sale e adagiarlo, lato pelle, sulla teglia ricoperta con carta forno. Aiutandosi con un cucchiaino creare sul pesce un leggerissimo velo d’olio. Aromatizzare con tanto zenzero tritato finissimo, quasi polverizzato.

Sopra al pesce appoggiare le cinque fettine di limone. Adagiare le fette di patata attorno al pesce e poi sopra fino a ricoprirlo completamente. Spolverizzare con la salvia spezzettata e, a piacere, altro zenzero tritato.

Mettere in forno a 200 gradi e lasciar cuocere per trenta minuti.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: Petto di pollo alla Marietta


Ricetta ideata da mia moglie.

Ingredienti (per quattro persone)

1 petto di pollo intero; 1 mango maturo; 1 bicchiere di vino bianco fermo; due manciate di bacche di rosa canina essiccate; 1 bustina di zenzero in polvere (o dello zenzero fresco da macinare); sale; pepe nero; olio extravergine di oliva.

Preparazione

Mettete in ammollo in acqua fredda le bacche di rosa canina. Lavate, pulite e asciugate il petto di pollo, poi liberatelo dall’osso e dividetelo in quattro fettine. Lavate e asciugate il mango; liberate la polpa dal nocciolo e tagliatela a pezzettini non troppo piccoli.

In un largo tegame versate un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva, mettete al fuoco moderato e quando l’olio è caldo, ma non troppo, abbassate la fiamma e adagiatevi la carne e le bacche che di rosa canina. Fate rosolare per bene finche la parte superiore inizia a sbiancare e quella inferiore prende colore, a questo punto con una paletta girate delicatamente i petti, aggiungete i pezzi di mango, il vino e abbondante zenzero macinato. Lasciate completare la cottura della carne a fuoco molto basso; la frutta si deve quasi completamente sciogliere, formando un fondo di cottura denso e compatto.

Impiattate e servite subito, accompagnando con un’insalatina fresca condita con arance e ananas.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: “Mi sono superato”


Trattandosi di un piatto unico (primo e secondo insieme), questa ricetta utilizza dosi abbondanti.

Ingredienti (per quattro persone)

500g di spaghetti, 400g di polpa di persico reale (potete ricavarla da 600g di filetti di persico reale o da 1kg di pesce intero), 25 pomodori Ciliegino, 1 cipolla rossa, 6 spicchi d’aglio, 20g di zenzero fresco, 1 bicchiere di birra bionda, il succo di 2 limoni, 5 cucchiai d’olio di oliva extravergine, un pizzico di sale.

Preparazione

Tritare abbastanza finemente la polpa di pesce. Mondare, lavare e tritare grossolanamente l’aglio (dal quale avrete tolto l’eventuale germoglio centrale) e la cipolla.

In un tegame bello largo (dovrà contenere alla fine gli spaghetti) versate l’olio e mettetelo al fuoco. Quando l’olio inizia a fumare versate l’aglio e fatelo imbiondire leggermente. Aggiungete la cipolla e, mescolando continuamente, lasciatela appassire. Ora aggiungete la polpa del persico e, agitando la pentola frequentemente, fatela cuocere finché diventa bianca. Aggiungete i pomodorini tagliati in due adagiandoli sul loro lato interno. Agitando delicatamente lasciate cuocere 4 minuti poi, in tre volte, bagnate con la birra lasciandola ogni volta assorbire quasi completamente. Nel frattempo avrete tagliato e tritato grossolanamente lo zenzero necessario (fatelo proprio all’ultimo momento al fine di mantenere il più possibile integro il profumo e il sapore della radice), aggiungetelo al sugo, versateci sopra il succo di limone, mescolate delicatamente il tutto, cospargete con pochissimo sale, spegnete la fiamma, coprite il tegame con un largo coperchio e lasciate riposare per un’ora.

Passata l’ora, mettete al fuoco la pentola per la pasta con un litro d’acqua. Portate ad ebollizione, salate leggermente, lasciate riprendere il bollore e versate gli spaghetti spezzati in due. Mescolate immediatamente e, mescolando ogni tanto, fate cuocere tenendola bene al dente (un minuto in meno della cottura indicata sulla confezione).

Subito dopo aver versato la pasta rimettete al fuoco il tegame con il sugo. Ripreso il calore (l’olio del fondo di cottura inizia a sfrigolare) abbassate la fiamma e aggiungete un primo mescolino di acqua di cottura della pasta, mescolate delicatamente e continuate ad aggiungere acqua della pasta man mano che la stessa si asciuga.

Quando la pasta è pronta, aggiungete al sugo un ultimo mescolino d’acqua di cottura e scolate per bene la pasta. Ora versatela nel tegame del sugo e, mescolando continuamente e delicatamente, lasciate cuocere ancora un paio di minuti, poi impiattate.

Servire ben caldo accompagnando con birra bionda.

 

Le ricette del “Cuoco Nudo”: tinca allo zenzero


Ingredienti (per quattro persone)

1 tinca da 2kg, 1 foglia di alloro, 1 foglia di salvia, 1 piccolo rametto di rosmarino, una spessa fetta di zenzero fresco (la quantità esatta dipende dal gusto personale e dalla freschezza della radice: se vecchia tende a perdere sapore), mezzo limone, mezzo bicchiere di vino bianco, olio extravergine d’oliva, sale.

Preparazione

Pulite e lavate la tinca, con l’aiuto di un trinciapollo e di un coltello molto affilato tagliate via la testa (passando appena dietro le pinne pettorali che, così, vengono via insieme alla testa) e la coda, togliete anche le pinne ventrali. Usando il coltello incidete la parte posteriore dall’ano alla coda e approfondite il taglio lungo la lisca centrale come se voleste sfilettare il pesce ma senza aprirlo del tutto, a questo punto con il trinciapollo partendo dal lato della testa tagliate le grosse lische pettorali staccandole dalla spine centrale su ambo i lati e aprite per bene il pesce rendendolo quasi piatto (come si fa per il pollo).

Mondate e lavate gli aromi (alloro, salvia e rosmarino), lasciateli asciugare per bene e poi tritali finemente tutti insieme. Tritate finemente anche lo zenzero.

Foderate con carta da forno una grossa teglia e adagiatevi il pesce ponendo la parte della pelle a contatto con la carta. Spennellate il lato carne del pesce con poco olio e poi con il vino, bagnate con il succo del mezzo limone e, infine, cospargetevi sopra il trito di aromi. Distribuite uniformemente sul pesce il trito di zenzero, salate leggermente e mettete in forno caldo (220°C) lasciando cuocere per circa un’ora.

Servite ben caldo accompagnando con altro zenzero tritato (per chi volesse rendere il piatto più piccante), insalata verde in foglia e vino bianco secco.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: tinca agli aromi


Ingredienti (per quattro persone)

1 tinca da 2kg, 3 foglie d’alloro, 5 foglie di salvia, 2 rametti di rosmarino, mezzo limone, mezzo bicchiere di vino bianco, olio extravergine d’oliva, sale.

Preparazione

Pulite e lavate la tinca, con l’aiuto di un trinciapollo e di un coltello molto affilato tagliate via la testa (passando appena dietro le pinne pettorali che, così, vengono via insieme alla testa) e la coda, togliete anche le pinne ventrali. Usando il coltello incidete la parte posteriore dall’ano alla coda e approfondite il taglio lungo la lisca centrale come se voleste sfilettare il pesce ma senza aprirlo del tutto, a questo punto con il trinciapollo partendo dal lato della testa tagliate le grosse lische pettorali staccandole dalla spine centrale su ambo i lati e aprite per bene il pesce rendendolo quasi piatto (come si fa per il pollo).

Mondate e lavate gli aromi (alloro, salvia e rosmarino), lasciateli asciugare per bene e poi tritali finemente tutti insieme.

Foderate con carta da forno una grossa teglia e adagiatevi il pesce ponendo la parte della pelle a contatto con la carta. Spennellate il lato carne del pesce con poco olio e poi con il vino, bagnate con il succo del mezzo limone e, infine, cospargetevi sopra il trito di aromi. Salate leggermente e mettete in forno caldo (220°C) lasciando cuocere per circa un’ora.

Servite ben caldo accompagnando con patate lesse, prezzemolo tritato e vino bianco secco.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: Risotto viola con gocce di verde


Ingredienti (per 4 persone)
Per il brodo.
1 polpo da 2,5kg, 1 spicchio d’aglio, 1 gamba di sedano, 1 carota, mezza di cipolla, 2 peperoncini, mezzo limone 5 grani di pepe nero, sale grosso q.b., 5l di acqua.

Per il risotto.
350g di riso, un quarto di cipolla, 2 cucchiai di olio extravergine di oliva, 4l di brodo di polpo, 25g di piselli secchi tagliati, 1 bicchiere di vino spumante molto secco.

Risotto viola con gocce di verde

Preparazione
Iniziamo con la preparazione del brodo, che va fatta almeno 6 ore prima del pranzo.

Prendere una pentola a bordi molto alti e abbastanza larga: il polpo deve poterci stare adagiato di piatto. Metterci dentro il polpo, coprire abbondantemente con acqua fredda, aggiungere la mezza cipolla, lo spicchio d’aglio, la gamba di sedano tagliata in due parti, la carota tagliata in quattro parti, i due peperoncini interi, il limone tagliato in due parti, i grani di pepe nero e il sale grosso. Mettere al fuoco e, verificando ogni tanto che l’acqua non vada di sopra, lasciare bollire per un’ora, indi spegnere, coprire e lasciar raffreddare completamente lasciandoci dentro il polpo.

Al momento giusto mettere a scaldare il brodo di polpo e preparare il risotto. Il polpo lo potrete servire a parte in insalata (ad esempio in questo modo) o surgelare e tenere da parte per altra occasione.

In una casseruola adeguata versare i due cucchiai d’olio e mettere al fuoco a fiamma moderata. Quando l’olio si è scaldato aggiungere la cipolla e lasciar imbiondire lievemente. A questo punto aggiungere il riso e mescolare finché lo stesso non inizia a cantare. Bagnare con un bicchiere di vino spumante molto secco e attendere che asciughi quasi completamente. Aggiungere i piselli e, subito, bagnare con un mestolo di brodo. Mescolando continuamente e aggiungendo un mestolo di brodo alla volta man mano che asciuga, portare a cottura il riso. Quando il riso è cotto, spegnere la fiamma, aggiungere una noce di burro, mescolare per bene di modo che il burro si amalgami per bene al riso, impiattare e servire. Volendo potete decorare il piatto con due riccioli fatti con le punte dei tentacoli del polpo.

Servire con vino spumante molto secco, ben freddo.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: gnoccone al Bagòss di Claudia Fusi


Questa ricetta me l’ha passata una carissima amica, Claudia Fusi, alla quale ho subito chiesto l’autorizzazione a pubblicarla: ne vale veramente la pena di provarla!

Ingredienti (per otto/dodici persone)

12 pani raffermi, 3hg di pane grattugiato, 1l di latte, 5 salamine, 2 spicchi d’aglio, 4 uova, 2 mazzetti di prezzemolo, 1/2kg di mortadella, 1kg di Parmigiano Reggiano, 500g di Bagòss a media stagionatura (un anno, un anno e mezzo al massimo), sale, pepe, farina bianca, 2l di brodo di carne leggero e poco salato.

Preparazione

Tritare finemente la mortadella, le salamine e il prezzemolo. In un tegame far imbiancare la salamina insaporendola con uno spicchio d’aglio intero. Togliere dal fuoco, rimuovere l’aglio, unire le uova, il prezzemolo, la mortadella, il pan grattato e i formaggi, regolare di sale e pepe, ammorbidire con il latte.

Prelevare un poco dell’impasto, passarlo nella farina bianca e farci una palla grande come un pugno, facendo in modo che la farina penetri leggermente nel gnoccone. Procedere così fino ad esaurimento dell’impasto disponendo man mano i gnocconi su un letto di farina bianca, sul quale dovranno riposare per 12 ore tenendoli in frigorifero.

Passate le 12 ore, prendere i gnocconi e ripassarli nella farina bianca, poi versarli uno alla volta (o anche più insieme, dipende dalla dimensione della pentola) nel brodo di carne bollente. Quando viene a galla togliere il gnoccone dal brodo e impiattarlo (3/4 a testa) cospargendolo con del Bagòss a piccole scagliette.

Servite ben caldi.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: persico sole in sughetto di birra


Ingredienti (per due persone)

8 persici sole da 200 grammi cadauno; 12 pomodori perini piccoli; 1/2 vasetto di capperi; 20 olive verdi denocciolate; il succo di mezzo limone; 1 bicchiere di birra chiara; 2 spicchi d’aglio; 2 cucchiai d’olio extravergine d’oliva; sale, pepe; peperoncino

Preparazione

Pulite e lavate il pesce; mondate l’aglio e tagliatelo grossolanamente; tagliate in quattro parti i pomodori; recuperate e mettete da parte la salamoia del mezzo vasetto di capperi.

Ponete l’olio e l’aglio in una largo tegame, mettetelo al fuoco e fate scaldare. Quando l’aglio inizia a sfrigolare, abbassate la fiamma e aggiungete i pomodori, mescolate un attimo e poi versate anche il succo di limone, mescolate ancora e, dopo un altro minuto, adagiatevi il pesce.

Lasciate soffriggere per un altro minuto poi salate e pepate, girate delicatamente il pesce, ancora un altro minuto, salate e pepate anche su quest’altro lato, aggiungete un pizzico di peperoncino, i capperi con la loro salamoia e le olive; coprite il tegame con un coperchio e lasciate cuocere per 3 minuti, poi girate i pesci e versate la birra, rimettete il coperchio e fate cuocere per altri 5 minuti.

Servite ben caldo accompagnando birra fresca.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: la pasta del sole


Ingredienti (per quattro persone)

500g di pasta (tipo a piacere), 300 grammi di polpa di persico sole, 200 grammi di polpa di persico reale, 2 spicchi d’aglio, 1 limone, 1 cucchiaio abbondante di zenzero tritato (o in polvere), 6 pomodori perini, 2 bicchieri di vino bianco secco fermo, 2 bicchieri di olio extravergine di oliva, peperoncino, pepe, sale.

Preparazione

Grattugiate la buccia del limone, poi spremetene il succo. mondate l’aglio e tritatelo finemente. Tritate grossolanamente il peperoncino. Tritate finemente lo zenzero se avete quello fresco. Tagliate a rondelle un poco spesse il pomodoro, poi tagliate in due o quattro parti ogni rondella.

In un largo tegame versate l’olio di oliva, distribuite l’aglio e ponete a fuoco medio. Quando l’aglio inizia a sfrigolare abbassate la fiamma al minimo, aggiungete la polpa del pesce, salate e pepate, mescolate per bene e lasciate soffriggere finché la polpa del pesce è diventata completamente bianca. Ora versate il peperoncino e lo zenzero, mescolate ancora per bene. Aggiungete i pomodori, lasciate soffriggere ancora un minuto, versate il succo di limone e, dopo un altro minutino, il vino, mescolate, coprite con un coperchio e lasciate andare a fuoco basso per mezz’ora, controllando ogni  tanto che il tutto non si asciughi troppo, se ciò avviene aggiungete un mezzo bicchiere di acqua tiepida.

Passata la mezz’ora, regolate ancora l’acqua del sugo e iniziate a cuocere la pasta. Due minuti prima del termine cottura della pasta (nel frattempo il sugo ha continuato a cuocere coperto, regolandone la densità mediante la stessa acqua di cottura della pasta), prelevate un ultimo mestolo di acqua di cottura della pasta e versatelo nel tegame del sugo, scolate la pasta e versatela nel sugo, aggiungete la buccia del limone grattugiata, mescolate bene e completate la cottura.

Servite ben caldo accompagnando con vino bianco secco fermo.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: pesce in tre maniere


Ricetta un poco elaborata e che richide un po’ di tempo per essere preparata, ma di sicuro successo ed effetto. Per altro permette di apprezzare tre diverse tipologie di cottura e soddisfare ogni tipo di palato. Ovviamente invece di tre pesci diversi si può utilizzare un solo pesce di opportune dimensioni o quantità, in tal caso si consiglia di usare la tinca o il siluro (ma anche la carpa) che meglio si prestano a tutti e tre i tipi di cottura.

Ingredienti (per quattro persone)

1 tinca da 1kg, 1 luccio da 1kg, 2 persici reali da 400 grammi, 5kg di sale grosso (ma dipende dalla dimensione della pentola che verrà usata per la cottura in crosta di sale), 3 uova, 4 pani secchi, 4 grandi e belle foglie di lattuga, 1 arancia, 4 foglie di alloro, 3 spicchi d’aglio, 1 ciuffo di  prezzemolo, 5  foglie di erba cipollina, 3 foglie di mentuccia, olio extravergine di oliva, sale, pepe.

Preparazione

Pulire e lavare il pesce. Ricavare dalla tinca quattro tranci di grosso spessore ( 4 centimetri). Dal luccio ricavare, invece, quattro tranci di medio spessore (2 centimetri). Dai persici reali ricavare quattro sottili filetti.

I tranci grossi farli cuocere in crosta di sale… Coprire il fondo di una pescera con due centimetri di sale grosso, adagiarci sopra due foglie d’alloro e sopra a queste i tranci di pesce facendo in modo che non tocchino i brodi della pentola, altre due foglie d’alloro sopra il pesce poi coprire completamente con altro sale grosso (altri due centimetri sopra il pesce); mettere in forno già caldo a 220°C per una mezz’ora, lasciare raffreddare poi rovesciare la pesciera, liberare il pesce dal sale e metterlo da parte.

I tranci medi frali cuocere sulle brace… Preparare un battuto di aglio e prezzemolo, in una terrina piatta versare un bel po’ di olio extravergine di oliva, aggiungere il battuto, sale e pepe a piacere e lasciare insaporire per 15 minuti poi aggiungere i tranci di pesce, mettere in frigorifero per 12 ore; passato questo tempo togliere i tranci di pesce dall’infusione e metterli a scolare (non asciugarli con carta o altro, lasciali solo sgocciolare per bene); nel frattempo preparare le braci (il braciere deve permettere di tenere la carne ad almeno 30 centimetri dalle braci, meglio ancora se si può usufruire di quei bracieri che permettono di tenere le braci dietro e la carne davanti invece che sopra) e mettere a cuocere il pesce; prima di girarlo lasciare che la parte superiore diventi bianca (ma fare attenzione che sotto non bruci, se le braci fiammano gettarci sopra del sale fino per spegnere le fiamme); anche qui una mezz’ora di cottura dovrebbe essere più che sufficiente, poi mettere da parte.

I filetti sottili si fanno fritti… In un piatto rompere le uova intere, aggiungerci un pizzico di sale e sbatterle con i rebbi di una forchetta per ben amalgamare il tuorlo con l’albume; in un foglio di carta da forno versare abbondante pane secco grattugiato, passare le fette di pesce nell’uovo, poi nel pane, quindi ancora nell’uovo e nuovamente nel pane (doppia impanatura); in un’ampia padella versare due dita d’olio extravergine d’oliva, adagiarci uno spicchio d’aglio intero (meglio se in camicia, cioè non mondato dalla sua pellicina), quando l’aglio inizia a sfrigolare (fare piccole bollicine), adagiare anche le fette di pesce, lasciare indorare per bene sotto e imbiancare sopra e poi delicatamente girarle a completare la cottura (quindici minuti circa).

Preparare dei piatti scaldandoli, contemporaneamente riscaldare in forno o nel microonde anche i tranci di pesce, porre nei piatti una bella foglia di lattuga (o altra insalata a foglia larga), versare tre gocce di succo d’arancia, adagiare sopra la foglia d’insalata un trancio per tipo (sotto quello alla brace, in mezzo quello al sale e sopra quello fritto) sfalsandoli tra loro di modo che siano ben visibili tutti e tre, spruzzare il tutto con qualche goccia di succo d’arancia, decorare con pezzettini di erba cipollina, mentuccia e striscioline di buccia d’arancia e servire accompagnando con vino bianco secco mosso o, meglio ancora, del brut di Franciacorta.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: insalata secca di tinca


Ingredienti (per 4 persone)

1 tinca da 2kg, 100g di noci sgusciate, 100g di mandorle sgusciate, 100g di pinoli o pistacchi non salati sgusciati, 3 o 4 cucchiaini di zenzero fresco macinato al momento (o in polvere), 1 limone, sale, olio extravergine di oliva

Preparazione

Pulite, lavate e fate asciugare la tinca, se necessario tagliate la testa e la coda.

Prendete una grossa pentola per la cottura al vapore, oppure una pesciera tenendo sollevata la fondo l’apposita griglia mediate due spiedini metallici; sul fondo versate due dita d’acqua e adagiate la tinca sull’apposito piano che la tiene sollevata dall’acqua e coprite con un coperchio. Mettete al fuoco e fate cuocere per circa 30 minuti a fiamma moderata. Poi lasciate raffreddare il pesce senza toglierlo dalla pentola.

Intanto che il pesce si raffredda tritate, non troppo finemente, la frutta secca. Spolpate minuziosamente la tinca, facendo ben attenzione a rimuovere tutte le lischette, specie quelle a Y che sono molto insidiose; non fidatevi del solo tatto, ma osservate con cura i pezzettini di polpa, più li fate piccoli meno rischiate di lasciare lische, ma non esagerate altrimenti poi ne risente il palato alla degustazione.

Versate la polpa del pesce in una larga terrina, aggiungetevi la frutta secca tritata e lo zenzero, mescolate amalgamando per bene il tutto; in una ciottola preparate l’olio amalgamandolo con il sale e il succo di limone; versate l’olio sul pesce mescolando ancora per far si che il condimento vada a insaporire tutto il composto di pesce e frutta secca.

Impiattate formando una bella montagnetta di composto che decorate con una noce al sommo e alcune mandorle ai lati.

Servite a temperatura ambiente accompagnando con vino bianco mosso o spumante brut.

Variante tricolore
Tagliare a metà una ventina di pomodori datterini. Sciacquare e tagliare a pezzetti una ventina di cetrioli sott’aceto. Mescolare il tutto al composto pesce – frutta secca poco prima di servire, o, meglio ancora, portarlo in tavola a parte e lasciare ai commensali di gestire l’aggiunta.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: persico alla Marietta


Ricetta che ho rubato a mia moglie , che la usa per i petti di pollo, ho solo cambiato la frutta dato che in questo momento il mango non è reperibile.

Ingredienti (per due persone)

Persico alla Marietta1 persico reale da 300/400 grammi o due da 200; 5 prugne piccole dolci, meglio se selvatiche; 1 pesca noce a pasta gialla e matura; 1 bicchiere di vino chiaretto fermo; due manciate di bacche di rosa canina essiccate; 1 bustina di zenzero in polvere (o dello zenzero fresco da macinare); sale; pepe nero; olio extravergine di oliva.

Preparazione

Mettete in ammollo in acqua fredda le bacche di rosa canina. Lavate, pulite e asciugate il pesce, poi sfilettatelo e ripulitelo con cura dalle lische. Lavate e asciugate le prugne e la pesca; spelatele, liberatele dal nocciolo e tagliatele a pezzettini non troppo piccoli.

In un largo tegame versate un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva, mettete al fuoco moderato e quando l’olio è caldo, ma non troppo, aggiungete le bacche di rosa canina. Abbassate la fiamma, lasciate soffriggere per un paio di minuti, poi aggiungete i pezzi di frutta, il vino e abbondante zenzero macinato, lasciate andare a fuoco molto basso affinché la frutta si sciolga e si formi un sugo denso e compatto.

Nel frattempo in un altro tegame versate due cucchiai d’olio extravergine d’oliva e mettete a scaldare su fiamma moderata. Quando l’olio si è scaldato abbassate la fiamma e adagiatevi i filetti di pesce. Fate rosolare per bene finche la parte superiore diventa bianca e quella inferiore prende colore, a questo punto con una paletta girate delicatamente i filetti per farli colorare anche sull’altro lato.

Quando i filetti sono ben rosolati, spostateli nel tegame del sugo di frutta e lasciateveli insaporire per tre o quattro minuti a fiamma molto bassa, girandoli una volta.

Impiattate su piatti caldi e servite subitissimo, accompagnando con un’insalatina fresca condita con arance e ananas.

Servite con lo stesso vino chiaretto usato per la cottura della salsa.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: persico agli aromi


Persico agli aromiIngredienti (per due persone)

2 persici reali da 250 grammi cadauno, mezzo limone, 10 foglie d’alloro (ma il numero dipende dalla dimensione delle foglie), abbondante rosmarino, 5 foglie di salvia, pepe nero in grani, pepe verde in grani, olio d’oliva extravergine, sale.

Preparazione

Pulite, senza squamare, e lavate i persici, asciugateli, mettetegli in pancia una foglia di alloro e cospargeteli di sale, pepe verde e nero grattugiati al momento. Spremete il succo del limone, lavate e asciugate accuratamente le foglie d’alloro, la salvia e i rametti di rosmarino, separate dallo stelo (che buttate via) le foglie del rosmarino.

Foderate una larga teglia con carta da forno, sopra a questa ponete un foglio di allumino da cucina, ponete sul fondo tre foglie di alloro e adagiatevi sopra i persici, ponete le restanti foglie di alloro sopra i pesci, bagnante con il succo di limone e cospargete con le foglie di rosmarino e di salvia. Ricoprite il tutto con un foglio di alluminio da cucina e mettete in forno a 200°C, possibilmente sul programma che attiva sia la piastra superiore che quella inferiore e la ventilazione. Lasciate cuocere per un 30 minuti, spegnete la ventilazione e fate cuocere altri dieci minuti.

Pulite il pesce e impiattatelo contornandolo con cornetti lessati; accompagnate con vino bianco o birra di medio corpo.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: persico fritto arricchito


Ingredienti (per due persone)

2 persici reali da 250 grammi cadauno, 1 limone, 20 capperi, 20 olive verdi denocciolate, 200 grammi di pancetta arrotolata, olio d’oliva extravergine, 6 foglie d’insalata Romana, sale e pepe.

Preparazione

Pulite e lavate i persici, poi sfilettateli, togliete anche la pelle e, con una pinzettina da ciglia, rimuovete con cura tutte le lische rimaste nel filetto. Recuperate anche i residui di polpa rimasti nella testa, sulla lisca e sulla pelle e metteteli da parte insieme ai filetti.

Tagliate a fettine sottili le olive e unitevi i capperi mettendo il tutto in un piattino. Fate a dadoni la pancetta.

In un largo tegame antiaderente versate due cucchiai d’olio extravergine d’oliva, unitevi la pancetta e mettete a rosolare a fuoco medio. Quando il grasso della pancetta inizia a farsi trasparente, abbassate la fiamma al minimo, attendete qualche secondo e poi adagiatevi sopra i filetti di pesce e unite i residui della polpa. Scuotendo ogni tanto la pentola per non far attaccare il pesce al fondo, lasciate friggere finchè i filetti di pesce diventano bianchi anche di sopra, a questo punto girateli molto delicatamente, unite le olive tagliate e i capperi, salate, pepate e, sempre agitando ogni tanto il tegame, lasciate insaporire per un paio di minuti. Spruzzate poco succo di limone sopra ai filetti e tenete in caldo.

Preparate due piatti rivestendoli con tre foglie di insalata Romana a formare una base verde uniforme e lievemente concava. In questa specie di ciotola vegetale adagiate due filetti di pesce per piatto, decorate con i residui di polpa e bagnate con il fondo di cottura.

Servite subito accompagnando con vino rosato ben fermo.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: spaghetti inpersicati


Spaghetti inpersicatiIngredienti (per due persone)

200g di spaghetti, 150gr di polpa di pesce persico reale, 1 scatoletta di pomodori pelati, 1 limone, 10 capperi, 2 spicchi d’aglio, olio d’oliva extravergine, sale, pepe e peperoncino.

Preparazione

Mondate e tagliate a piccoli pezzi l’aglio. Sminuzzate grossolanamente i capperi. Spremete mezzo limone e grattugiatene un poco di buccia. Togliete i pelati dalla scatoletta e tagliateli a pezzettoni, tenete da parte la loro acqua. Tagliate a piccoli pezzi la polpa del persico.

Versate in un largo tegame due bicchieri d’olio extravergine d’oliva e mettetelo a scaldare su fiamma dolce. Quando è caldo versateci i pezzetti d’aglio e lasciateli imbiondire, aggiungete la polpa del pesce. Quando la polpa si è imbiancata, versate i capperi e fate insaporire per un minuto, mescolando per far si che tutta la polpa venga a contatto coi i capperi. Versate un poco di succo di limone (la quantità esatta dipende dell’acidità del limone: più è saporito, meno mettetene, deve solo dare il profumo e non risultare troppo aggressivo), mescolate, aggiungete i pelati e la loro acqua. Abbassate la fiamma, regolate di sale, pepe e peperoncino, quest’ultimo abbondante. Lasciate cuocere molto dolcemente per cinque minuti, poi spegnete, versate la buccia grattugiata del limone e lasciate riposare in attesa della cottura degli spaghetti.

A parte fate cuocere gli spaghetti tenendoli molto al dente, scolateli e versateli nel tegame del sughetto al persico, che avrete rimesso al fuoco un minuto prima del termine cottura degli spaghetti, bagnando un poco dell’acqua di cottura della pasta. Mescolate, fate insaporire e portate la pasta a fine cottura.

Impiattate decorando con una foglia di menta e qualche striscietta di buccia di limone.

Servite ben caldo accompagnando con birra chiara non troppo corposa e ben fredda.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: cavedano al cartoccio rosso e verde


Ingredienti (per quattro persone)

1 cavedano da 1,5kg, 3 foglie d’alloro, 1 vasetto di passata di pomodoro al basilico, 1 limone, 1 vasetto di capperi, olio d’oliva extravergine, sale e pepe. Per il contorno 12 barbabietole rosse.

Preparazione

Pulite e lavate il cavedano, tagliate via la testa e la coda, tagliatelo oltre la pancia come a volerlo sfilettare ma senza aprirlo del tutto, poi adagiatelo in un foglio di carta da forno bello abbondante. Bagnate il pesce dentro e fuori con un poco di succo di limone, salatelo lievemente e pepatelo con generosità; adagiategli in pancia le foglie di alloro poi richiudetelo. Cospargete su entrambi i lati la passata di pomodoro; posate metà dei capperi sotto il pesce e l’altra metà sopra e, per finire, bagnate il tutto con un filo di olio d’oliva extravergine.
Chiudete la carta da forno a formare un cartoccio non troppo stretto, se necessario usate un altro foglio di carta da forno. Infornate a 200 gradi centigradi e lasciate cuocere per una mezz’ora / tre quarti d’ora.
Servite caldo con un contorno di barbabietole rosse lessate, accompagnando il tutto con birra scura al doppio malto.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: spaghetti “Fine Anno”


Li ho chiamati “Fine Anno” perché questa è una ricetta che mi sono inventato ieri sera per organizzare il pranzetto di fine anno. Ovviamente la ricetta può essere usata in qualsiasi altro giorno dell’anno e, in tal caso, se non vi va di usare il nome indicato, come alternativa potete usare “Quando il tonno incontra il maiale”.

Ingredienti (per quattro persone)

500g di spaghetti; 1 scatoletta di tonno sott’olio (160g di prodotto non sgocciolato); 100g di pancetta affumicata a dadini; 150g di olive nere denocciolate; 50g di olive verdi denocciolate; 20g di capperi; 1 scatola di pomodori pelati (400g di prodotto non sgocciolato); 1 bicchiere di vino bianco secco; 4 cucchiai di olio d’oliva extravergine; il succo di mezzo limone; sale grosso; sale fino; pepe nero in grani; peperoncino.

Preparazione

In un largo tegame versate i quattro cucchiai d’olio d’oliva extravergine, poi mettetelo al fuoco e lasciate scaldare l’olio. Quando l’olio inizia a scaldarsi versateci i dadini di pancetta e, mescolando con un cucchiaio di legno, lasciateli friggere finché’ il grasso inizia a diventare trasparente. Nel frattempo sminuzzate con un coltellino o i rebbi di una forchetta il tonno in scatola e quando la pancetta è pronta versateci sopra il tonno con il suo olio di conserva (se preferite potete sgocciolare il tonno e usare altri due cucchiai di olio d’oliva extravergine). Mescolando ogni tanto, lasciate amalgamare il tutto per un paio di minuti, poi aggiungete i capperi, mescolate un poco e versate le olive nere e verdi. Attendete ancora un paio di minuti e versate il vino bianco, che lascerete evaporare quasi completamente, per poi versare i pomodori pelati con il loro liquido di conserva. Schiacciate e rompete i pelati, mescolate per bene e lasciate cuocere per cinque minuti; regolate di sale e di pepe, infine aggiungete il peperoncino. Ancora un minutino e poi spegnete il fuoco, coprite il tegame con un coperchio e lasciate riposare il tutto per almeno trenta minuti.

In una spaghettiera versate 3 litri d’acqua e mettetela al fuoco. Quando prende il bollore versateci il sale grosso e lasciatelo sciogliere per bene, poi versate gli spaghetti rotti a metà. Date subito una bella mescolata affinché gli spaghetti non restino attaccati gli uni agli altri, poi a fiamma medio bassa (l’acqua deve mantenere il bollore ma non saltare) continuate la cottura della pasta. Quando mancano quattro minuti alla completa cottura della pasta, riaccendete sotto il tegame del sugo per riportarlo a calore. A due minuti dal termine cottura degli spaghetti, prelevate due cucchiai d’acqua di cottura degli stessi e versatela nel sugo, mescolando, poi scolate gli spaghetti e versate anche questi nel tegame del sugo. Mescolate per bene portando la pasta a termine cottura (due minuti o poco più).

Quando la pasta è cotta, impiattate facendo in modo che qualche oliva (sia nera che verde) e un poco del tonno rimangano sopra alla pasta a titolo di decorazione e, per finire, versate sopra ad ogni piatto di pasta un quarto del succo di limone.

Servite immediatamente.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: involtini di malga


Ingredienti (per quattro persone)

8 filetti di petto di tacchino; 8 ciuffi di cavolfiore; 16 olive verdi denocciolate; 8 barrette di fontina o altro formaggio a pasta di media consistenza; 16 fette di pancetta affumicata; 1 bicchiere di vino bianco secco; 1 bicchiere di acqua tiepida; 1 limone; olio extravergine di oliva; 150g di burro

Preparazione

Stendere i filetti di tacchino su un tagliere, adagiare sopra a questi i ciuffi di cavolfiore (uno per filetto), le olive (due per filetto) e le barrette di formaggio (una per filetto). Arrotolare i filetti, avvolgerli con le fette di pancetta (due per filetto) e fermare il tutto con degli stecchini di legno.

Grattugiare la buccia del limone e tenerla da parte.

Coprire il fondo di un tegame con un filo d’olio e aggiungere il burro tagliato a pezzi, a fiamma media far fondere per bene il burro. Appoggiare gli involtini nella padella e lasciarli rosolare su ambedue i lati per un paio di minuti; salare e pepare, quindi versare il vino. Lasciare sfumare poi spolverare con la buccia del limone grattugiata, versare l’acqua tiepida, coprire il tegame con un coperchio e portare a fine cottura.

Servire ben caldo accompagnando con insalata verde e/o patate arrosto.

La mia ricetta italiana


In questo difficile periodo della vita italiana, ma non solo italiana, oltre ai politici molti sono coloro che formulano le proprie idee in merito al come tirarsi fuori dalla situazione contingente e allora, pur senza la pretesa d’essere esaustivo, pur nella coscienza che alla fine non mi sarà possibile apportare nulla di fattivo, ci voglio provare pure io.

La mia ricetta di benessere vuole differenziarsi dalle tante proposte che si sentono, dai tanti discorsi che vengono fatti, proposte e discorsi che viaggiano su due binari distinti ma poi non tanto diversi: gli uni preoccupati più di racimolare soldi che di risolvere i problemi strutturali, gli altri intenti più a criticare quello che fanno i primi che a proporre vere soluzioni alternative. Io voglio seguire la corrente, invero già seguita da un’esigua minoranza che svanisce nell’oceano delle lotte di potere, dell’analisi attenta e minuziosa, seguendo quelli che sono i dettami di uno strumento efficace e potente: il Problem Solving.
Certo non mi è possibile in poche righe andare ad illustrare l’intero processo d’analisi e valutazione delle soluzioni ipotizzabili e mi devo necessariamente limitare ad esporre quella che è la mia ricetta finale, chiedendovi di credermi sulla parola quando vi dico che essa non è il risultato estemporaneo di pensieri vaganti per la mia mente, ma scaturisce da una profonda meditazione delle cose e dei fatti.
Ma veniamo alla “mia ricetta italiana”.

Tanto per cominciare dobbiamo assolutamente prendere coscienza del fatto che i problemi dell’Europa non sono dati dalla situazione italiana, o quantomeno solo da quella: l’Europa è in crisi per il semplice fatto che non esiste un’Europa, ma esiste solo ed esclusivamente una moneta unica europea. Lasciamo pertanto perdere una qualsiasi considerazione che possa riguardare le problematiche europee, non hanno nulla a che fare con la soluzione delle problematiche italiane.
Precisato questo dobbiamo suddividere la ricetta in tre sezioni, ognuna delle quali raggruppa gli interventi che hanno effetto o sono attuabili in un dato spazio temporale: breve termine, medio termine e lungo termine. Il Governo è tutto teso, per evidenti ragioni di interesse politico ma con pochissima lungimiranza e scarso riguardo alle vere esigenze della Nazione, a portare avanti gli interventi validi sul breve termine, ovvero quelli che possono apportare immediate entrate di denaro alle casse dello Stato; l’opposizione si limita ad opporsi alle proposte del Governo o, al massimo, apporta alternative che si muovono sulla stessa scala temporale, il breve termine. Tutti chiedono, a parole, interventi strutturali, ovvero azioni che agiscano sul medio e lungo termine, ma nessuno, a fatti, riesce a mettere in campo proposte che realmente riguardino tali interventi strutturali. C’è si qualche voce che si sta alzando proprio in questi ultimi giorni, ma ancora è presto per capire se trattasi solo di vane parole o ci sia dietro la vera volontà di lavorarci; per altro, come ormai è ben risaputo, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare che nel caso in questione si può riformulare nel senso che tra il proporre e l’applicare c’è di mezzo una politica preoccupata solo ed esclusivamente della propria sopravvivenza.
Partire dal breve termine è l’errore comune che viene fatto, partiamo quindi dal lungo termine.

Interventi a lungo termine

1) Rinuncia alla furberia – Si sa che soprattutto in Italia è diffuso il concetto “furbo chi se ne frega delle regole e delle leggi, stupido che le rispetta”, lasciando perdere il fatto che a questo punto dovrebbe essere furbo chi non rispetta nemmeno questa linea che è pur sempre una regola (impossibile scappare dalle regole, è regola anche il non voler regole, il contestare le regole e via dicendo), le conseguenze di un tal modo di ragionare sono nefaste e ben si vedono quando, per inevitabile effetto indotto, la classe politica, che alla fine si crea dalle persone del popolo e come il popolo ragiona, si muove sulla base dello stesso concetto (vedi il mio precedente articolo di natura sociale “Il paese delle banane”).

2) Ristrutturazione del sistema politico/amministrativo – Fare il politico, a qualsiasi livello, compresi quelli parlamentari e governativi, non dev’essere un lavoro di sostentamento, ma un atto di volontariato civile; giusto che ricevano uno stipendio ma, intanto che sia livellato con quelli che sono gli stipendi medi di un qualunque lavoratore, poi che sia solo una forma di rimborso per il tempo rubato al proprio vero lavoro (che non può essere quello del politico) e/o al proprio tempo libero.

3) Ristrutturazione della formulazione di governo – “Governo” vuol dire guidare la Nazione e la guida della Nazione non è a unico carico del Governo ma anche di quella che oggi viene, inopportunamente, chiamata Opposizione. Un’Opposizione che fa opposizione, ovvero dice no a qualsiasi cosa venga proposta dal Governo (quando dovrebbe invece aiutare alla formulazione delle ipotesi di governo, non ostacolarle) alla fine determina l’impossibilita del Governo di fare governo e quindi è corresponsabile della crisi politico-amministrativa della nazione.

4) Responsabilità amministrativa oggettiva – Non è possibile che gli errori di chi governa debbano sempre e solo ricadere sul popolo, un amministratore che sbaglia e manda in rovina un azienda deve pagare di tasca propria per gli errori commessi, se un governo non riesce a governare dev’essere immediatamente destituito e deve rifondere, di tasca propria, i danni economici provocati.

5) Diversa politica del territorio – La si smetta di gridare all’eccezionalità degli eventi in occasione di catastrofi che ormai da un decennio tendono annualmente a ripetersi diventando sempre più frequenti e sempre più pesanti e costose (danni che vengono ovviamente e giustamente pagati da tutti, Stato compreso, che poi vuol dire nuovamente da tutti), si inizi ad attuare una politica territoriale conservativa e massiva, inducendo alla ristrutturazione degli edifici (piuttosto che alla costruzione di nuovi), limando notevolmente tutti i paini di urbanizzazione (già il territorio è troppo urbanizzato), inducendo i disoccupati ai lavori di mantenimento del territorio, avendo maggior cura e rispetto delle persone quando si fanno indagini di fattibilità strutturale in merito a nuovo costruzioni (onde evitare che si costruisca su terreni di frana, alla base di canali di scolo delle acque e via dicendo), eccetera.

Interventi a medio termine

1) Decadimento del fanatismo politico – Da alcuni anni le persone, tutte, dai politici al popolo, ragionano in termini di fan club: l’ha detto uno dei mie leader politici indi è la verità; l’ha scritto il giornale della mia corrente politica per cui è certezza; l’ha detto il mio partito quindi lo devo fare. Bisogna tornare a valutare le cose per quello che sono, non in ragione di chi le dice, che nessuno è infallibile.

2) Spostamento del potere decisionale auto sostentativo – allo stato attuale sono gli stessi politici che decretano in merito al loro stesso sostentamento ed è quindi logico, anche per il concetto già visto del furbo chi frega, che alla fine nel momento stesso in cui chiedono alla popolo di sacrificarsi per il bene della nazione, loro si aumentino gli stipendi o i benefici, loro evitino di tagliarsi il vitalizio pensionistico, loro se ne guardino bene dal prendere provvedimenti che colpiscano anche le loro tasche. Lo stipendio, i benefici, il vitalizio e quant’altro sia emolumento retributivo o simil retributivo dei politici dev’essere definito in via referendaria dal popolo stesso, sulla base dei meriti effettivi: un buon governo verrà premiato, un cattivo governo verrà licenziato senza emolumenti e liquidazione. Esattamente come l’attuale governo chiede (giustamente) che venga fatto per i dipendenti: i parlamentari sono i dipendenti dello Stato Italiano, il cui proprietario è il Popolo Italiano.

3) Definizione delle priorità economiche – Tra i vari servizi dello Stato ce ne sono alcuni che risultano essere assolutamente critici per la corretta evoluzione e il corretto sostentamento del popolo, sanità e scuola in primis. Questi servizi non possono essere assoggettati a criteri di rigidità economica: si può rinunciare alla costruzione di nuove strade o nuove case, ma non si può togliere disponibilità scolastica, non si può limare l’efficacia didattica tagliando i fondi alle scuola, non si può allungare la vita (assoluta e lavorativa) delle persone facendole vivere male più a lungo con un servizio sanitario scadente e che si trova costretto a rinunciare alla prevenzione (si ricordi che prevenire non è intervenire quando ci sono i sintomi, ma evitare che le malattie insorgano). Un popolo più istruito e più sano rappresenta una importante fonte di sostentamento della Nazione; un popolo ignorante e malato rappresenta una notevole spesa per la Nazione.

4) Riduzione degli sprechi – Diverse sono le azioni qui coinvolte, ecco un breve e non esaustivo elenco: smetterla di finanziare lavori pubblici che non vengono mai portati a termine; smetterla di pagare persone che di fatto scaldano solo la sedia del loro posto di lavoro; smetterla di portare avanti sperimentazioni amministrative (informatizzazione del sistema pubblico, documento di identificazione unico elettronico) senza mai arrivare ad un dunque (dunque che servirebbe anche per ridurre gli sprechi, ma bisogna arrivarci); disincentivare l’abitudine tutta italiana di volere il lavoratore presso la sede di lavoro (il 50% dei lavoratori potrebbe sicuramente lavorare da casa e del restante 50% almeno la metà potrebbe farlo in modo parziale); incentivare la riduzione dei rifiuti piuttosto che la ricerca di sistemi più efficaci di smaltimento degli stessi; migliorare i sistemi di riasfaltatura per evitare di dover rifare le strade ad ogni inverno; ridurre drasticamente il trasporto su gomma (causa d’inquinamento, rottura del manto stradale, decadimento delle strutture edilizie per effetto delle vibrazioni, eccetera).

5) Riduzione demografica – Siamo troppi e questo comporta tutta una lunga serie di problematiche territoriali e non territoriali (che alla fine hanno tutte un risvolto economico); va incentivato un corretto processo di riduzione demografica (in Italia dovremmo scendere almeno del 25%) e di un decentramento (migliore distribuzione) della popolazione.

6) Eliminazione dell’IVA – L’IVA è, a tutti gli effetti, più una spesa che un incasso: servono sistemi di gestione e di controllo e questi hanno un costo non indifferente.

7) Tutti scaricano tutto – Perché mai devo pagare le tasse su dei soldi che in realtà ho speso e quindi verranno già tassati a coloro che li hanno presi? Così come è possibile scaricare gli acquisti fatti per il sostentamento del lavoro, dev’essere possibile scaricare le spese fatte per il sostentamento della vita privata. Oltretutto così facendo si consentirebbe un incremento degli acquisti e per ogni acquisto ci sarebbe sicuramente la relativa documentazione fiscale, riducendo quasi a zero l’evasione fiscale, almeno in certi contesti.

8) Vera lotta all’evasione fiscale – Invece di prendersela con l’artigiano che ha sbagliato a riportare un decimale su una fattura, invece di ritenere a priori che tutti i professionisti siano degli evasori fiscali, invece di studiare complessi e costosi nonché poco democratici sistemi di controllo fiscale (vedi studi di settore), si combatta la vera evasione fiscale quella delle grandi multinazionali, quella delle organizzazioni malavitose, quella della nostra stessa classe politica.

Interventi a breve termine

1) Patrimoniale – La chiedono gli stessi che la dovrebbero pagarla e questo, anche perché in Italia è una novità assoluta, la dice lunga sulla sua sentita esigenza; ovvio che deve riguardare non tutta la popolazione che abbia anche un solo minimo e sudatissimo patrimonio, ma chi il patrimonio ce l’ha in ampia misura e grazie soprattutto al lavoro e al sudore di altri

2) Eliminazione dei benefici della Santa Chiesa –Tali benefici sono assolutamente contrari ad ogni logica e in aperta contraddizione con la Costituzione Italiana che sancisce la laicità dello stato italiano, inoltre sono una disparità di trattamento nel confronto di tutte le altre organizzazioni che operano a fini di beneficenza pur senza essere legate alla Chiesa Cattolica Italiana; senza contare che tali benefici vengono spesso utilizzati a copertura (illegale) di attività che sono apertamente commerciali e nulla hanno a che vedere con il volontariato, la beneficenza, la religione.

3) 8 per mille allo Stato Italiano – Allo stato attuale delle cose chi sceglie di lasciare il proprio 8 per mille allo Stato Italiano in realtà lo lascia (in massima parte) alla Chiesa Cattolica Italiana. Lo Stato Italiano ha bisogno di risorse e allora che il volere del cittadino sia pienamente rispettato: se li lascia allo Sato che sia lo Stato a ricevere quei soldi (ma per usarli lui, non per devolverli ad altri).

4) Immediata eliminazione del vitalizio dei politici – Più di tremila euro al mese in soli cinque anni di lavoro legislativo e anche con una sola presenza ai lavori di governo è uno stato di cose assolutamente inconcepibile, specie nel momento in cui il governo chiede al popolo l’innalzamento dell’età pensionabile, specie considerando che a un lavoratore sono necessari 40 anni di lavoro per andare in pensione e dopo la sua pensione è comunque tanto esigua che si trova obbligato a cercare comunque un lavoro o a vivere sotto i ponti.

5) Sensibile riduzione dell’IVA – L’IVA è un fardello che pesa sulle spalle dell’acquirente finale, questi oggi è in massima parte nelle condizioni di dover contenere al massimo le proprie spese, ridurre l’IVA aiuterebbe ad incentivare gli acquisti, di conseguenza provocherebbe un aumento degli incassi e così un aumento delle entrate fiscali per lo Stato.

Qui mi fermo che sono già stato troppo lungo per un blog. Anch’io ho così detto la mia aggiungendomi alla massa degli opinionisti più o meno improvvisati, più o meno parziali, più o meno condizionati da fanatismi politici e religiosi, più o meno sinceri, più o meno convinti.

Ora … ai posteri l’ardua sentenza! E speriamo in bene, speriamo che si ala volta buona che l’Italia cambi strada veramente e in tutti i sensi.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: tinca fritta


Ingredienti (per quattro persone)

2 tinche da 1kg l’una; 1 limone; olio extravergine d’oliva; sale e pepe.

La ricetta è utilizzabile anche per il persico reale.

Preparazione

Squamare e pulire i pesci, lavare e asciugare molto bene. Tagliare via la testa e la coda, poi separare i due filetti (lasciando la pelle) o, più semplicemente, tagliare le tinche in senso longitudinale in modo che si aprano completamente e si possano separare in due parti.

Salare e pepare lievemente il pesce sul lato della carne. Versare tre cucchiai d’olio in un tegame di dimensioni adeguate, mettere sul fuoco a fiamma moderata.

Quando l’olio s’è scaldato ma ancora non fuma, adagiarvi il pesce dalla parte della pelle e lasciar cuocere, agitanto ogni tanto il tegame affinchè il pesce non attacchi, finchè la carne sopra si è quasi completamente sbiancata (segno di cottura). Abbassare la fiamma e attendere che l’olio smetta di sfrigolare, poi con una paletta e una forchetta girare delicatamente il pesce. Lasciar cuocere per altri 10/15 minuti, sempre agitando ogni tanto il tegame, finchè anche il lato della carne diviene dorato.

Impiattare un filetto o un mezzo pesce a persona, spruzzare con pochissimo succo di limone e servire ben caldo.

Accompagnare con del vino bianco leggermente mosso.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: persico al profumo di limone


Ingredienti (per quattro persone)

4 persici reali da 350/400 grammi l’uno; 1 limone molto succoso, possibilmente raccolto maturo; olio extravergine d’oliva, meglio se del Garda; sale e pepe.

Preparazione

Squamare e pulire i persici, lavare e asciugare molto bene.

Salare e pepare il pesce sui due lati e all’interno. Foderare con carta da forno una teglia di dimensioni adeguate, strofinare con forza un pezzo di limone sulla carta da forno e, più delicatamente, sui pesci da ambo i lati; disporre i pesci sulla carta da forno e spolverare con buccia di limone grattugiata.

Mettere la teglia in forno a 220°C, possibilmente con funzione forno + grill + ventola; lasciar cuocere per una decina di minuti e poi girare il pesce (l’operazione non dovrebbe risultare problematica essendo il pesce ancora molto sodo e ben staccato dalla carta su cui è adagiato); lasciar cuocere altri dieci minuti e girare ancora, stavolta con maggiore attenzione che il pesce inizia ad essere meno sodo e potrebbe in parte essersi attaccato alla carta da forno; lasciar completare la cottura (altri 10 minuti).

Impiattare un pesce a persona, decorando con una bella fetta di limone e un lievissimo filo d’olio extravergine d’oliva.

Accompagnare con del vino bianco fermo.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: cavedano al puro


Ingredienti (per quattro persone)

1 cavedano di 1kg; sale e pepe.
La ricetta è fruibile per qualsiasi pesce che sia di suo già abbastanza saporito e che abbia una carne soda, in pratica quasi tutti i pesci, siano essi di lago che di mare.

Preparazione

Squamare e pulire il cavedano, tagliare la testa e la coda, lavare e asciugare molto bene.

Salare e pepare il pesce sui due lati e all’interno. Mettere al fuoco una padella foderata con carta da forno e lasciarla scaldare per qualche minuto. Prendere il pesce e adagiarlo nella padella. Lasciar cuocere per una mezz’ora verificando ogni tanto che il pesce non si stia attaccando alla carta da forno, nel caso scuotere delicatamente la stessa per staccarlo. Dopo la prima mezz’ora di cottura, spostare la padella dal fuoco ad un piano di lavoro comodo, preparare un altro foglio di carta da forno dalle dimensioni opportune a coprire la padella, adagiarlo sul piano di lavoro vicino alla padella, prendere il foglio di carta da forno con il pesce e, con molta delicatezza, rovesciare quest’ultimo nel foglio di carta da forno nuovo; questo sistema vi permette di girare il pesce senza romperlo. Rimettere la padella al fuoco e terminare la cottura, all’incirca ci vogliono altri 15/20 minuti.

Nel frattempo preparare i singoli piatti foderandoli con della lattuga o altra insalata a foglia larga e tenera, sopra la lattuga disporre la porzione di pesce e servire senza altro condimento. Eventualmente si possono mettere in tavole delle ciotoline con qualche condimento che i commensali possono utilizzare a loro piacere.

Come contorno si consigliano dei finocchi lievemente lessati e poi passati sulla piastra oppure delle patate arrosto (sbucciare le patate, tagliarle a tocchetti non troppo piccoli, scottarle in acqua bollente, mettere dell’olio e una piccola noce di burro in una padella, scaldare bene, adagiarvi le patate e cuocere tenendo mosso per evitare che attacchino).

Accompagnare con del vino bianco mosso o spumante brut.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: tinca alla brace


Ingredienti (per sei persone)

1 tinca da 2kg, 1 bicchiere di olio extravergine di oliva, sale, pepe, aceto aromatico, rosmarino, salvia, alloro, 1 tazza di salsa verde (meglio se fatta in casa), 1 tazza di maionese (meglio se fatta in casa), 2 limoni

Preparazione

Pulire il pesce e tagliarlo a tranci moderatamente grossi. Preparare una terrina con olio, sale, pepe, uno spruzzo di aceto aromatico, rosmarino, salvia e alloro. Mescolare per bene il tutto e posizionarci i tranci di tinca. Lasciare in fusione per 6 ore, rigirandoli almeno un paio di volte.
Mettere i tranci di pesce a sgocciolare. Preparare il barbecue e attendere che la brace si formi e sia di adeguata quantità, quando la brace è pronta predisporre i tranci di pesce su una griglia doppia (che rende più facile la rotazione del pesce) e disporre il tutto sul barbecue.
Lasciar cuocere dal primo lato finché si nota un live biancore sul lato superiore, a questo punto girare il pesce e portare a cottura completa. Attenzione, se il bracere è piccolo e la distanza tra griglia e brace limitata, il pesce potrebbe bruciarsi, in tal caso conviene attendere di meno e girare il pesce più volte.
Servire accompagnando con i tre condimenti: salsa verde, maionese, limoni tagliati a fettine.

Le ricette del “Cuoco Nudo”: cavedano zuccone


Ingredienti (per quattro persone)

2 cavedani da 1kg (o 4 da mezzo chilo, ma le lische più piccole rendono più difficile il pasto), 2 zucchine, 1 bicchiere di birra bionda, 1/2 limone, 2 spicchi d’aglio, 1 cucchiaio d’olio extravergine d’oliva, sale, peperoncino e pepe

Preparazione

Squamare e pulire i cavedani, tagliare la testa e la coda, lavare e asciugare molto bene; adagiare in un piatto, salare, pepare e bagnare con il succo di limone. Lavare le zucchine tagliandole poi a fette sottili che si divideranno in due o tre parti. Defogliare l’aglio, tagliare gli spicchi in due, togliere l’anima centrale e poi tagliarlo a pezzettini.

Versare in una padella l’olio e adagiarvi i pezzettini di aglio. Mettere a fuoco medio, quando l’olio a contatto con i pezzettini d’aglio inizia a sfrigolare aggiungere i pezzi di zucchine. Lasciare soffriggere un attimo, salare e spolverare con un poco di peperoncino macinato al momento. Adagiare sul letto di zucchine i cavedani e lasciarli friggere per tre minuti, a questo punto girare il pesce, lasciarlo friggere sull’altro lato per altri tre minuti, bagnare con metà della birra, coprire con un coperchio e lasciar cuocere. Verso la metà della cottura (circa 10 minuti), girare delicatamente il pesce, bagnarlo con la birra restante e portare a termine la cottura, sempre a pentola coperta.

Spiattare creando con le zucchine una base sulla quale adagiare mezzo pesce (o il pesce intero se scelta l’opzione del pesce più piccolo), versare sul tutto il fondo di cottura.

Accompagnare con birra.

nude races

Copyright Enterprise Media LLC 2010-2017

Fools Journal

Magazine di cultura: letteratura, fotografia, arte, moda, queer life, eventi, musica, cinema, attualità

Aurora Gray Writer

Writer, dreamer, voracious reader and electric soul.

Gabriele Prandini

Informatico e Amministratore

Clothing Optional Trips

We share where we bare. Enjoy your trip.

silvia.del.vesco

graphic designer, photographer and fashion stylist

mammachestorie

Ciao, mi chiamo Filippo, ho 6 mesi e faccio il blogger

Matteo Giardini

… un palcoscenico alla letteratura! ...

Cristina Merlo

Specialista in Relazioni di Aiuto: Counselor e Ipnotista

PRO LOCO VALLIO TERME

Promuoviamo il turismo a Vallio Terme eventi - sport - cultura - enogastronomia

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Al di là del Buco

Verso la fine della guerra fredda (e pure calda) tra i sessi

The Naturist Page

Promoting social non-sexual Naturism & nudism

poesie e altro

l'archivio delle parole in fila - zattera trasparente

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: